i-tanti-fan-di-ermal-meta
Ti-Press/G. Putzu
03.04.2018 - 17:36

I tanti fan di Ermal Meta

Intervista a Ermal Meta, oggi a Lugano prima di volare in Portogallo per prepararsi a Eurosong

di Ivo Silvestro

Arriviamo a Grancia che mancano un paio d'ore all'incontro con Ermal Meta per selfie e autografi, e nello spiazzo del centro commerciale ci sono già una ventina di persone, soprattutto ragazze, in fila. E quando, dopo aver concluso l'intervista collettiva in una saletta del Mediamarkt – organizzatore insieme a Rete Tre dell'incontro – ci allontaniamo, le grida dei fan che accolgono il loro idolo sovrastano persino l'intenso rumore del traffico.
È un caso strano, Ermal Meta: un cantautore che piace anche ai ragazzini, solitamente presi da rap, trap «e altri generi che non prevedono il cantare» ha raccontato durante l'intervista, subito aggiungendo che «sono comunque dei musicisti: è proprio un'altra cosa rispetto ai cantautori». Oltretutto – nonostante il costante «stupro della lingua italiana» tipico di questi generi – «a me loro piacciono: vivo in questa dualità» ha ammesso ridendo.
Rimane il fatto che fare il cantautore, richiamandosi a tutta una tradizione musicale, non ha vita facile: «Il tipo di linguaggio, il tipo di comunicazione di questi nuovi generi musicale è certamente più vicino ai ragazzi di dodici anni della mia musica». Lo dimostra uno dei tanti aneddoti raccontati in questa intervista a tratti sfociata in chiacchierata: a Sanremo Ermal Meta ha ricevuto diversi messaggi in cui gli si chiedeva di esibirsi presto "così poi posso andare a dormire". «Con i ragazzi questo non succede».
Tuttavia «vedo un sacco di ragazzi giovani ai miei concerti». E - come accaduto oggi a Grancia - anche agli eventi nei negozi «ma quelli non fanno testo perché lì vai per poterti fare una foto». Cioè? «Ho fatto un esperimento: mi avevano fatto trovare una chitarra e un microfono, allora ho suonato due pezzi e poi ho fatto una proposta al pubblico - ci saranno state sei-settecento persone, forse anche di più. "Io vi faccio un concerto di un'ora e mezza, chitarra e voce, ma non firmo neanche un disco e non faccio neanche una foto… oppure facciamo foto e autografi". Pochissimi hanno alzato la mano per il concerto». Perché era un momento di condivisione, ha azzardato un collega. «Però io ho faccio il musicista» ha prontamente ribattuto Ermal Meta.

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved