laRegione
villa-dei-cedri-natura-e-identita-di-un-museo
Irma Blank, Eigenschriften, 1968
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
9 ore

Le forze di Marta Margnetti in mostra al Masi

Palazzo Reali ospita l’esposizione ‘e improvvisamente scossa da una forza’ dell’artista ticinese vincitrice del Premio Manor 2020
Spettacoli
1 gior

'Suoni al buio' al Dimitri e al Foce, in sicurezza

L'esperienza sensoriale che ha girato il mondo torna il 12 dicembre a Verscio e il 13 a Lugano.
Spettacoli
1 gior

'Prisencolinensinainciusol', e il Molleggiato sbanca Twitter

Tre milioni e 100 mila visualizzazioni, più di 135 mila like, decine di migliaia di retweet e commenti da tutto il mondo, da Hollywood alla Silicon Valley
Scienze
1 gior

Le Alpi centrali crescono di 80 cm a millennio

Parte della catena alpina cresce più rapidamente di quanto si eroda, confutando l'idea che sollevamento ed erosione fossero in equilibrio
Scienze
1 gior

Il rumore degli aerei aumenta il rischio di morte per infarto

È già noto che l'inquinamento fonico cronico comporta un alto rischio di cardiopatia ischemica. Ora tocca agli aeroplani di notte.
Spettacoli
2 gior

Addio a Daria Nicolodi, con Dario Argento nella vita e nei film

Attrice e sceneggiatrice, madre di Asia, ha lavorato con il regista romano in molti dei suoi film storici, da 'Profondo rosso' a 'Opera'
Jazz
2 gior

Frank Salis, due concerti in tutta intimità

Al Sociale domani, venerdì 27 novembre alle 20.45, e al Gatto sabato 28 novembre alle 20.30. Tanto caribbean jazz e una Christmas song
Cult
2 gior

'Vacanze di Natale', il cinepanettone diventa libro

Il libro ripercorre la gestazione e la realizzazione di una pellicola entrata ormai nell'olimpo dei cult
Arte
28.10.2020 - 21:460

Villa dei Cedri, natura e identità di un museo

Tra valorizzazione del territori e apertura all'internazionale, presentata la stagione espositiva 2021 del museo di Bellinzona

Mentre l’esposizione ‘Hortus conclusus’ si avvicina alla chiusura – il finissagge, con visita guidata, è previsto domenica 8 novembre; info: *www.villacedri.ch* – il museo di Villa dei Cedri di Bellinzona guarda al futuro. Alle due mostre in calendario nel prossimo anno, ma più in generale all’identità che il museo si è costruito negli ultimi anni e che ha convinto la Fondazione del giubileo della Mobiliare a sostenere il progetto ‘Paesaggi a confronto’. Si tratta, ha sottolineato la direttrice del museo Carole Haensler, di un riconoscimento importante, conclusione di un percorso iniziato nell’agosto del 2017 con un primo incontro tra Haensler e Dorothea Strauss, Head of Corporate Social Responsibility della Mobiliare.
Si diceva dell’identità di Villa dei Cedri: un tassello importante è certamente l’attenzione alle opere d’arte su carta, ma il museo, sempre parole di Haensler, è stato attento a mantenere l’equilibrio tra valorizzazione della collezione e del territorio da una parte e apertura all’internazionale. Pensiamo, per il locale, alle esposizioni dedicate a Fernando Bordoni o ai 100 anni d’arte grafica in Svizzera, e per l’internazionale a ‘Burri-Fontana-Afro-Capogrossi’ o la recente esposizione su Josef Albers’ e il suo ‘Omaggio al Quadrato’. Senza dimenticare il ‘genius loci’ di Villa dei Cedri, i cui limiti espositivi possono essere fonte d’ispirazione artistica.

Blank e Paesaggi a confronto

La prima esposizione, in programma dal 19 marzo al 1º agosto, è dedicata all’artista tedesca, ma milanese dagli anni Cinquanta, Irma Blank. Un progetto internazionale, curato da Johana Carrier e Joana Neves, che porta a Villa dei Cedri il “ciclo sensoriale totale” dell’artista, la sua ricerca di un idioma universale, senza parole, trasformando le lettere dell’alfabeto in segni universali in cui la componente cromatica diventa centrale. Il percorso espositivo, si legge nella presentazione, si concentrerà proprio sui colori, in dialogo con l’architettura della villa e del parco.
Il secondo appuntamento espositivo, previsto nell’autunno del 2021, è il già citato ‘Paesaggi a confronto: arte, natura e società in Svizzera 1850-1920’. L’idea della mostra è percorrere, attraverso l’arte, i cambiamenti sociali, economici legati all’industrializzazione e all’urbanizzazione. Le trasformazioni del paesaggio, dalla nostalgia per l’ideale incontaminato del Settecento al richiamo della modernità, e al contempo gli scambi culturali con le realtà artistiche europee. Interessante i nomi degli artisti esposti: da Arnold Böcklin a Giovanni Segantini, da Luigi Rossi a Ferdinand Hodler, e poi ancora Cuno Amiet, Filippo Franzoni, Félix Valloton e altri ancora.

© Regiopress, All rights reserved