laRegione
Nuovo abbonamento
Lois Hechenkblaikner Ischgl
+4
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
17 ore
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
17 ore
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
1 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
1 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
1 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
1 gior
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
1 gior
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
2 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
2 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
2 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Spettacoli
2 gior
Festival, una Locarno 2020 non solo virtuale
Edizione ibrida: oltre all'online vi saranno proiezioni in tre sale, con tanto di "appuntamento al buio" con la direttrice Lili Hinstin
Culture
2 gior
Rsi dopo-Canetta, abbiamo un concorso
Pubblicato il bando per il nuovo direttore della Rsi. Pedrazzini: cerchiamo una persona in grado di guidare l'azienda in tempi difficili
Spettacoli
3 gior
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
3 gior
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Arte
3 gior
I sei artisti vincitori del Premio culturale Manor 2020
Il riconoscimento a sostegno dei giovani artisti svizzeri è andato anche alla ticinese Marta Margnetti che a novembre esporrà al Masi di Lugano
Arte
27.06.2020 - 11:200

Ischgl and more: il Masi riparte dal trash

Esposizione pop-up per la riapertura della sede del Lac del Museo d'arte della Svizzera italiana, con le moraleggianti fotografie di Hechenblaikner

“Ischgl and more”.
Ischgl è una località sciistica del Tirolo: 1’377 metri sul livello del mare, 1’593 abitanti, 1,4 milioni di pernottamenti all’anno. E questi numeri sono già un indizio di cosa ci sia, in quel “and more” che troviamo nel titolo nell’esposizione che riapre la sede del Lac del Museo d’arte della Svizzera italiana dopo la chiusura forzata per la pandemia, e dopo l’annullamento o il rinvio di alcuni progetti.
Mostra improvvisa – che è diverso da improvvisata –, realizzata prendendo alcuni degli scatti realizzati negli anni dal fotografo austriaco Lois Hechenblaikner, immagini recentemente raccolte in un libro e che raccontano, o meglio mostrano, il turismo di massa di Ischgl, fatto non tanto di neve e di sci, ma di feste, alcol, eccessi. Immagini che, con congruente sottofondo musicale, troviamo proiettate a coppie sulle pareti della sala; un allestimento significativo nella sua essenzialità ma tutto sommato marginale, rispetto alle immagini stesse e ai sentimenti che suscitano in chi le vede (come si può giudicare direttamente dagli esempi qui riprodotti e che non sono neanche tra i più “estremi”, per quanto alla fine abbastanza tipiche di certe mete turistiche o situazioni come i carnevali nostrani).

Ecco, quali sentimenti suscitano queste foto? Iniziamo col dire che non troviamo solo immagini di persone ubriache che festeggiano senza troppe inibizioni, anche se certamente queste sono le foto che più restano impresse. E del resto Hechenblaikner non ha fotografato solo Ischgl, ma anche di altre località turistiche del Tirolo, ma diciamo meno mondane – ma queste immagini, curiosamente, le troviamo proiettate in uno spazio separato.
Insomma, l’impressione è che si voglia turbare e scandalizzare lo spettatore. In realtà «ci sono persone che si sentono attratte, da queste foto; altre invece respinte» ci spiega il fotografo quando, conclusa la conferenza stampa, gli rivolgiamo qualche domanda. Perché – e questo è stato anche sottolineato dalla curatrice del progetto al Masi Francesca Benini – il lavoro di Lois Hechenblaikner vuole essere una documentazione, un resoconto a suo modo neutrale di una realtà esistente, senza giudizi o pregiudizi. «Sono come un contatore Geiger che registra gli estremi: a Ischgl non c’è solo questo, ma io voglio far vedere fino dove arriva questa idea di turismo, qual è il livello massimo raggiunto».

L’intento quindi è far riflettere: se poi si arriva a una condanna o a un rifiuto, non sono la condanna o il rifiuto di Hechenblaikner ma di chi guarda il suo lavoro. E questo è forse l’aspetto più interessante della mostra: questo suo apparente basarsi su un’idea incredibilmente ingenua della fotografia concepita come semplice riproduzione della realtà, senza filtri né distorsioni. Ma ovviamente Hechenblaikner non è ingenuo e si rende certamente conto che già solo il fatto di aver preso quelle fotografie e di averle prima raccolte in un libro e poi proiettate in un museo è un gesto che ha un significato che va ben la di là del semplice “registrare gli estremi come un contatore Geiger”.

L’obiettivo di Hechenblaikner non è semplicemente invitarci a riflettere su certi temi – il turismo di massa, la trasformazione del territorio che esso porta, la ricerca degli eccessi, il rapporto tra divertimento, piacere e dolore – ma anche indicarci come dobbiamo riflettere su questi temi. Ed è una riflessione essenzialmente basata sulla contrapposizione tra ciò che è originario e autentico e ciò che è corrotto e artificioso. Il che spiega l’utilizzo, in alcuni immagini, di un’estetica pornografica e voyeuristica: cosa di meglio per dare forma visibile alla corruzione? Hechenblaikner è nato e cresciuto in Tirolo, è evidentemente attaccato alla sua terra e forse si porta dietro quel rapporto di odio-amore verso gli stranieri (in questo caso tedeschi) tipico di molte regioni turistiche; comprensibile quindi che il suo approccio sia quello.

Ma si tratta di un approccio limitato, incapace di pensare al futuro perché si arena nella nostalgia per un passato che in realtà non è mai esistito, dall’idea di un paradiso perduto dal quale siamo stati scacciati e al quale sarebbe bello tornare.

Proprio la pandemia di Covid-19 esemplifica il limite di questo approccio: Ischgl è stato uno dei principali focolai della malattia, registrando il valore più alto al mondo di contagiati tra la popolazione – il 42,4% in base ai test sierologici presentati giusto ieri. Ora, come dobbiamo leggere questa informazione? Possiamo chiederci se ci sarà ancora posto, nella società post Covid-19, per un turismo non solo di massa, ma di ammassamento, pensando a possibili alternative. Oppure possiamo pensare al focolaio come una punizione divina per aver trasformato l’Eden in Sodoma. Inutile dire quale dei due fosse il sottotesto, quando durante la conferenza stampa si è accennato al focolaio.

L’esposizione si intitola “Ischgl and more”, perché si vuole andare oltre Ischgl e i suoi turisti. Ed è proprio lì il problema.

Guarda tutte le 8 immagini
© Regiopress, All rights reserved