laRegione
Nuovo abbonamento
Cesare Lucchini, Senza titolo (2008, olio su tela Museo d’arte Mendrisio)
+1
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
2 min
E il Teatro Sociale di Bellinzona si fa vedere
Lo stabile, monumento storico d'importanza nazionale, apre le porte alle visite gratuite dal 9 luglio al 5 settembre. Un viaggio nelle sue architetture
Culture
4 ore
Claudio Marazzini rieletto alla guida della Crusca
Il linguista è stato nominato presidene dell’accademia per il suo terzo e ultimo mandato che avrà termine nella primavera 2023
Culture
4 ore
Pro Helvetia sostiene 21 autrici e autori
Tra i vincitori delle borse letterarie della fondazione per la cultura, anche i ticinesi Vanni Bianconi, Andrea Fazioli e Giorgio Genetelli
Ritratti
1 gior
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
1 gior
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
1 gior
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
2 gior
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
2 gior
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
2 gior
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
2 gior
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
2 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
2 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
2 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Arte
09.06.2020 - 22:000

Museo d'arte Mendrisio: 'Da ieri a oggi', linee del ritorno

La storia del museo in un contemporaneo 'di lungo respiro' nelle parole del direttore Simone Soldini. Fino al 9 agosto, non più online (aspettando Derain)

Le sedie disposte in modo simmetrico nella sala che apre la mostra, vigilata dalla ‘Figura in piedi’ di Aldo Ferrario, formano una duplice trama: quella ideale di un racconto anche doloroso durato tre lunghi mesi e che ancora non ha titoli di coda, e la trama visiva che cattura l’occhio tra le ‘Linee del contemporaneo’ esposte al Museo d'arte Mendrisio, dov’è aperta – per restarlo sino al 9 agosto 2020 – ‘Da ieri a oggi’, mostra che segna la riapertura di un museo costretto a una quarantena online e oggi tornato tangibile. «Innanzitutto, era forte l’esigenza di riempire il vuoto. La cosa migliore era ribadire che il museo è un punto di riferimento per la regione, per riportare attenzione sulla stessa e sui nostri artisti». Questo il significato della mostra così come spiegato dal suo direttore Simone Soldini, in quello che pare un approfondito 'dove eravamo rimasti?' assai ticinese che in questo caso è «la storia del contemporaneo presente sino a oggi nelle nostre collezioni, un contemporaneo stimolato e arricchito dall’acquisto di nuove opere attingendo a parte dei contributi di pubblica utilità del Casinò».

'Un contemporaneo di più lungo respiro'

Dove inizia il contemporaneo a Mendrisio? «Dobrzanski o Max Huber fanno ancora parte del contemporaneo?» si chiede il direttore. E la risposta è «sì perché sono ancora vitali, perché non abbiamo voluto chiudere alla pura attualità, ma a un contemporaneo che ha un suo percorso, di più lungo respiro». Quanto all’Huber vitale, il suo ‘Nucleo bianco’ datato 1976 sta a un metro della videoarte dei giovani Gianmaria Zanda (‘Piano sequenza’, o un insieme di essi, della durata di un minuto e poco più), Vincenzo Meyer (‘Il Tempo’, che di minuti ne dura sei), l’animazione vettoriale di Timothy Hofmann e, giusto di fronte,  i primi piani di uomini e animali di Tommaso Donati, a fianco della Mendrisio urbana ritratta da Gian Paolo Minelli. «Ci è sembrato giusto – continua Soldini – immettere artisti molto giovani sui quali ancora non c’è una storia, e dei quali non sappiamo ancora se avranno una storia. Pensiamo che per il contemporaneo è spesso un discorso di azzardo, ma è importante far sentire la nostra presenza». Tutto questo nel sempre più moderato ‘sconcerto’ creato dal rapporto tra tela e chiavetta Usb, a collegare stili ed epoche.

In nome di un percorso concepito «per nuclei, cercando affinità tra le opere, non solo per stili e linguaggi e nemmeno in sequenza cronologica», stanno così i bronzi di Selim Abdullah con quelli di Paolo Selmoni, i ‘neri’ di Raggenbass e Dobrzanski distanti vent’anni, due recenti ‘Onde’ di Petra Weiss e tutto quanto va – in ordine alfabetico – da Sibilla Altepost (perché Abdullah l’abbiamo già citato) a Piera Zürcher, in una scelta generalmente ricaduta «sull’opera della maturità avanzata, a dire che spesso le opere di artisti che hanno fatto un percorso verso la maturità si liberano, soprendendo ancora».

Derain, finalmente 

Da Barbara Paltenghi Malacrida, storica d’arte e collaboratrice scientifica, il temporaneo bilancio sul museo rinato, stimolato dalla chiusura forzata a una profonda riflessione sulla propria multimedialità, materializzatasi nell’immediatezza dello stop nei cinquanta video da un minuto e mezzo ciascuno per altrettante opere, piccola ‘rassegna’ web iniziata lo scorso 12 maggio e conclusa ieri con gli ultimi due prodotti. «Un modo per illustrare anche lavori non visibili attualmente, ma custoditi nel deposito». La quarantena ha portato al potenziamento del sito, ora accessibile da tutti i supporti e arricchito in immagini e contenuto, con sezione dedicata a Casa Pessina. Forte anche dell’annunciata rete dei musei del Mendrisiotto, joint-venture artistica che sarà presentata «entro la metà di luglio» (cfr. laRegione dello scorso 6 giugno), tutto è nuovamente pronto per ospitare ‘André Derain. Sperimentatore controcorrente’, mostra sul grande del Novecento fermata in aprile dal virus e per la quale prestatori, collezionisti privati e musei hanno rinnovato la loro fiducia: «La mostra – conferma Paltenghi Malacrida – avrà luogo così come concepita in aprile». Ma dal 27 settembre al 31 gennaio 2020. Tutti i dettagli, a partire ‘Da ieri a oggi’, sul neonato www.museo.mendrisio.ch.

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved