laRegione
Nuovo abbonamento
'Che cosa sei, che cosa sei...'
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
8 ore
Rimandato al 2021 il lancio di Ariane 6
Inizialmente prevista a fine 2020, la messa in orbita del nuovo razzo europeo (progetto al quale collabora anche la Svizzera) slitta a causa del Covid-19
Scienze
10 ore
Meno rischio di declino cognitivo col lavoro d'ufficio
Le professioni da scrivania proteggono di più la mente rispetto a quelle che richiedono sforzo fisico, affermano ricercatori inglesi
Culture
11 ore
Morricone: 'Musicare Jenatsch? No, ma vi ringrazio'
La proposta giunta dai Grigioni mentre componeva Mission. La risposta? 'Una gentilissima lettera autografata dal Maestro, in cui declina l'offerta'
Culture
11 ore
Lac, da sabato in poi l'estate è 'en plein air'
Talk, reading con artisti e autori, concerti di classica e world music. Gratuitamente fino ai primi di settembre. Si apre con la letteratura, l'11 luglio
Video
Locarno 2020
13 ore
I futuri registi studiano al Locarno Kids HomeMade Movies
Videopillole didattiche sul sito del Festival. In cattedra anche Claude Barras. Il corto che vincerà il contest sarà proiettato in sala nel 2021
Spettacoli
18 ore
Usa, l'attrice Naya Rivera sparita nelle acque di un lago
Famosa per la serie "Glee", la 33enne era uscita in barca con il figlio di 4 anni. Si teme possa essere annegata
Cinema all'aperto
1 gior
Chiasso, Proiezione Grande Velocità: la scelta di Marco Müller
Lo storico-critico ha scelto 'The Night of the Hunter' (La morte corre sul fiume) di Charles Laughton. Lo presenterà giovedì 9 luglio, in prima persona
Terza pagina
19.05.2020 - 18:500

Parole&vocaboli come meteore

Di astronomia e di semantica, di eredi naturali spentisi come stelle cadenti e terminologie che hanno fatto altrettanto.

Le meteoriti sono un fenomeno che interessa soprattutto gli astrologi. Grazie a uno slittamento semantico, tuttavia, qualche meteora se l’è vista passare vicinissimo anche chi non ha dimestichezza con il cannocchiale o l’astrolabio. I fan della musica pop pensavano d’aver trovato in Barry Ryan, una voce a metà tra Paul McCarthy e John Lennon, l’erede naturale – addirittura – dei Beatles. Però nel 1969 è scomparso con la sua Eloise. I cinefili speravano in Tom Hulce, il Wolfang Amadeus di Milos Forman, ma da quando Salieri gli fregò l’Oscar sotto le mentite spoglie di F. Murray Abraham sembra si sia rinchiuso in un eremo per scrivere una nuova sinfonia che stiamo aspettando ancora oggi. Tra gli appassionati di ciclismo faremmo fatica a trovare chi si ricorda del belga Benoni Beheyt, campione del mondo nel 1963, quando mise il suo palmer davanti a quello del connazionale Ryk Van Looy, mettendo fine al dominio di quest’ultimo (due maglie iridate in bacheca).

Qualcosa di simile accadde e accade pure nella semantica, tra parole e vocaboli filati via come meteore. Quando Papa Paolo VI (tre lauree in bacheca) parlò in una sua omelia di “Weltanschaaung”, ecco che il vocabolo tedesco -intraducibile con un solo lemma nella pur ricca lingua italiana, costretta a ricorrere alla locuzione “visione del mondo” – divenne popolarissimo anche tra i giornalisti italiani, all’epoca parecchio a disagio con le lingue straniere. Giornalisti azzurri che poi definirono “picconatore” il presidente Cossiga. Oggi nessuno usa più questo termine, sebbene sopravvivano tanti aspiranti picconatori: l’ex rottamatore Matteo Renzi vs il governo Conte, Gigetto di Maio vs il buon senso (non s’è ancora spento l’eco delle risate sollevate da quel suo solenne “Abbiamo sconfitto la povertà”!). Fu invece una serie di inondazioni a resuscitare il verbo “tracimare”, subito scomparso col calare delle acque. Sembrava indispensabile anche il sostantivo “sinergia”: oggi chi lo usa rischia un epiteto (sfaticato) o un’ingiunzione (comprati un buon vocabolario dei sinonimi). Last but not least, ecco “implementare”: sconosciuto sino a un lustro fa, oggi al limite dell’abuso con il sostantivo implementazione. “Parole… parole… parole…” (Mina e Alberto Lupo).

© Regiopress, All rights reserved