laRegione
Nuovo abbonamento
Ridley road, 2013 (Gilbert & George - courtesy Galerie Thaddaeus Ropac)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
16 ore
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
16 ore
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Arte
17 ore
I sei artisti vincitori del Premio culturale Manor 2020
Il riconoscimento a sostegno dei giovani artisti svizzeri è andato anche alla ticinese Marta Margnetti che a novembre esporrà al Masi di Lugano
Spettacoli
17 ore
Da Piazza Grande alla Ssr, il Pardo a casa
Il Locarno film festival porta dodici film, passati negli ultimi anni in Piazza Grande, alla Rsi
Scienze
18 ore
Cern, osservata una nuova particella esotica fatta da 4 quark
La scoperta, che potrebbe aiutare a comprendere la forza che tiene assieme i nuclei degli atomi, effettuata nell'ambito dell'esperimento LHCb
Scienze
1 gior
Seimila anni buttati via
L'aumento accelerato della temperatura media cancella millenni di clima temperato
Scienze
1 gior
Il bosco fa respirare l'Europa
Le foreste concorrono ad assorbire ogni anno 806 milioni di tonnellate di anidride carbonica
Scienze
2 gior
La discriminazione di genere c’è anche dove non si vede
Secondo una ricerca, preconcetti sull'abilità lavorativa delle donne presenti soprattutto in chi pensa che la parità sia stata raggiunta
Spettacoli
2 gior
The show must go on. Nonostante la pandemia
Le difficoltà per il settore degli eventi rimangono, come ci spiega Gabriele Censi: Senza il pubblico il settore degli eventi morirebbe.
Scienze
2 gior
Cina, scoperto un virus potenzialmente pandemico
Studiosi lo hanno identificato ed è simile a quello resonsabile dell'influenza H1N1 che causò vittime e paure nel 2009
Spettacoli
2 gior
Premio d’onore del cinema svizzero per Markus Imhoof
Il regista premiato per “la sua perpetua ricerca dell'umanità, che mescola politica e aneddoti personali”
Spettacoli
2 gior
Covid-19, il Cirque du Soleil in bancarotta
Con i ricavi azzerati a causa della pandemia, la società ha deciso di ristrutturare il debito per garantire un futuro al gruppo
Spettacoli
2 gior
Marchè du film di Cannes, il virtuale piace
Festival cinematografico annullato, ma il tradizionale mercato del film si è tenuto, con successo, online
Spettacoli
2 gior
Piccolo teatro di Milano, direttore cercasi
Dimissioni ‘a sorpresa’ di Sergio Escobar, da vent’anni alla guida del teatro milanese. Carmelo Rifici tra i possibili successori
Arte
16.05.2020 - 14:450

A Casa Rusca l’arte provocatoria di Gilbert & George

‘Il loro è un prendere la realtà, frullarla e poi buttarla nell’opera’ ci spiega il curatore della mostra Rudy Chiappini

Saranno Gilbert & George a riaprire il museo di Casa Rusca: la stagione espositiva ripartirà – con le misure sanitarie accresciute, info museocasarusca.ch – infatti sabato con le opere dei due artisti inglesi. “La coppia più provocatoria dell’arte contemporanea internazionale” si legge nel comunicato stampa. «È vera, questa una definizione» ci spiega il curatore Rudy Chiappini. E del resto l’arte di Gilbert & George pare sfuggire ad altre definizioni o classificazioni: «Hanno elementi di pop art, utilizzano la fotografia, utilizzano titoli di giornale, intervengono con delle scritte che spiegano i loro quadri: il loro è un modo molto originale di porsi nei confronti della realtà, ironico, cercando lo scandalo anche attraverso la loro omosessualità, l’ironia… c’è un po’ di tutto, il loro è un prendere la realtà, frullarla e poi buttarla nell’opera» spiega Chiappini. Il che spiega i temi che scandiscono l’esposizione di Casa Rusca, presi dal dibattito contemporaneo: sesso, razza, religione, politica, identità.

Come mai proprio Gilbert & George?

Da qualche anno cerchiamo di profilarci con mostre di livello internazionale di artisti viventi, cercando di spaziare nei diversi generi: l’opera di Indiana è diversa da quella di Chia, di Marín eccetera. Gilbert & George sono sulla cresta dell’onda da cinquant’anni ma in Svizzera sono poco visti – anche in questo seguendo il “filone” di Casa Rusca: artisti internazionali poco visti nel nostro Paese; Indiana non era mai stato esposto, Marín nemmeno.

Sapevamo che Gilbert & George avevano mostre in giro per l’Europa e non abbiamo esitato a prendere contatto con loro per vedere se c’era la possibilità di portarli a Casa Rusca.

E loro hanno accettato subito? Nel curriculum dei due artisti troviamo istituzioni molto prestigiose – senza nulla togliere a Casa Rusca e a Locarno, ovviamente.

Ha ragione: hanno esposto al MoMa, al Pompidou, alla Tate Gallery, hanno vinto il Turner Prize, uno dei premi d’arte più importanti… È stata una piacevolissima sorpresa, perché qualche dubbio lo avevamo quando li abbiamo contattati. Ma se non si osa non si ottiene nulla.

Abbiamo parlato di arte provocatoria: come sono state scelte le opere in mostra?

Quando si fa una mostra con Gilbert & George si discute a grandi linee dell’impostazione della mostra – noi abbiamo voluto presentare i temi principali degli ultimi quindici-vent’anni – ma la scelta delle opere viene fatta da loro.
Abbiamo mandato le planimetrie di Casa Rusca, precise al millimetro con anche la posizione degli interruttori, loro hanno costruito un modellino in scala di Casa Rusca e hanno creato l’allestimento che fa parte della loro arte. Non forniscono le singole opere, ma un prodotto artistico completo nei minimi dettagli.
Non sono gli unici a fare così: ricordo che anche Christo aveva addirittura delle regole sull’altezza e la distanza dei quadri. Sono artisti che si dedicano alla mostra dal concetto iniziale – ovviamente discusso con il curatore – all’allestimento al catalogo, disegnato da loro.

Il titolo ‘The Locarno Exhibition’ non è quindi casuale.

Esatto: è una mostra costruita come un vestito, su misura per il nostro museo. E questo ci fa doppiamente piacere perché adesso nel loro curriculum figurerà ‘The Locarno Exhibition’.

Come descriverebbe questo ‘vestito’ per Casa Rusca?

È un allestimento estremamente carico, estremamente ricco. In una sala lo spettatore trova cinque-sei opere gigantesche: ci si trova immersi nel loro mondo. È un’impressione molto forte quella che si prova nelle sale di Casa Rusca.
Ho visto altre mostre ed è una loro caratteristica: loro voglio tappezzare tutte le pareti del museo con le loro opere.

A proposito del catalogo: nella sua introduzione lei scrive di “immagini democratiche”. Che cosa intende?

Per immagini democratiche si intendono da una parte immagini comprensibili a tutti, dall’altra immagini desunte da quella che è la realtà quotidiana. Penso all’utilizzo, nelle loro opere, di titoli di giornale, di fotografie ricavate da riviste: vogliono che il loro messaggio sia popolare, non elitario. In questo senso sono immagini democratiche: Gilbert & George prendono spunto dalla vita quotidiana e vogliono delle immagini che non siano per una élite ma di impatto immediato per tutta la popolazione, usando anche simboli riconoscibili a tutti come l’effige della Regione Elisabetta o la bandiera britannica.

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved