Arte
18.10.2019 - 06:000

Meravigliosa creatura

Torna Piazzaparola. Dal 23 al 27 ottobre al LAC

Nell’estate del 1816 visitammo la Svizzera e diventammo vicini di casa di Lord Byron. È così che Mary Shelley inizia a raccontare la genesi del suo capolavoro, libro talmente noto che la sua fama ha superato quella della sua autrice.
Ormai Frankenstein è diventato il mostro per antonomasia, complici anche le innumerevoli versioni cinematografiche, ma non solo: la potenza simbolica della creatura è talmente forte che essa ha usurpato persino il nome del suo creatore, lo scienziato Victor Frankenstein.
Ma come ha potuto una ragazza, allora appena diciottenne, inventare, insieme al romanzo di fantascienza, un capolavoro immortale così pieno di profondi interrogativi e questioni esistenziali come la naturale inclinazione al bene o al male dell’uomo, la deriva di una scienza priva di etica, la genesi della morale, la natura dell’amore, l’enigma della bellezza, l’orrore e la repulsione suscitati dal diverso?
La risposta è nella nuova imperdibile edizione del festival letterario PiazzaParola, che dopo aver trattato con successo il Don Giovanni nel 2017 e Madame Bovary nel 2018, intende indagare su queste tematiche insieme ai grandi ospiti di questa edizione.

PiazzaParola 2019.
Meravigliosa creatura. Frankenstein 201 anni dopo.
Dal 23 al 27 ottobre, al LAC – Lugano Arte e Cultura
Info: www.piazzaparola.ch - www.luganolac.ch

Frankenstein
di Mary Shelley
Edizione consigliata: Frankenstein 1818
Neri Pozza, 2018
Curata da Nadia Fusini, traduzione di Alessandro Fabrizi
351 pagine

Potrebbe interessarti anche
Tags
creatura
piazzaparola
frankenstein
ottobre
lac
© Regiopress, All rights reserved