Arte
28.09.2018 - 06:000

Asimmetrici tempi moderni

Il romanzo di Lisa Halliday che racconta con semplicità le nostre vite complesse

Lo confesso, questo libro al principio mi ha messo in difficoltà.
Asimmetria di Lisa Halliday ha un inizio che pareva troppo “leggero” per i miei gusti, un romanzo alla Kinsella, mi sembrava, scrittrice che non amo troppo, per esser gentile. Mi sbagliavo. Nella prima parte assistiamo all’incontro tra una giovane, Alice, che lavora in una casa editrice di New York e uno scrittore ormai famoso, molto più anziano di lei. È lei stessa a narrarci la nascita e gli sviluppi di una relazione semi-clandestina tra loro, ai loro incontri amorosi, alla routine, ad una serie di dialoghi divertenti che contrastano con situazioni talvolta difficili, derivanti dalla forte differenza d’età.
Ma arrivati a metà della storia, questa cambia completamente. Ci ritroviamo improvvisamente dall’altra parte dell’Atlantico, a Heathrow, dove un giovane iracheno-americano si ritrova trattenuto suo malgrado in aeroporto senza spiegazioni.
Ed ecco che l’asimmetria del titolo appare in tutta la sua evidenza: Oriente e Occidente, libertà e “custodia preventiva”, privato e pubblico.
Il passaggio da Kinsella a Kafka è netto, impietoso, e non concede sconti al lettore, che già si stava abituando ad una specie di frizzante commedia tinta di rosa e si ritrova, suo malgrado, in un incubo statico e intorpidito, fatto di sospetti, di impotenza, drammi passati, di smarrimento e perdita, seppur temporanea, di diritti civili. Una cesura che ci era stata suggerita nella prima parte da una frase pronunciata da Alice, che alla domanda “di cosa scrivi?” risponde: “Di altre persone. Più interessanti di me.”
Ed il talento narrativo di questa scrittrice è innegabile, come la sua straordinaria capacità di raccontare i suoi personaggi non attraverso quel che fanno, ma per quel che ricordano - o non ricordano - della loro esistenza.

Asimmetria
di Lisa Halliday
Feltrinelli, 2018
285 pagine

Potrebbe interessarti anche
Tags
lisa
© Regiopress, All rights reserved