laRegione
Nuovo abbonamento
buon-viaggio-apollonauti
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, Pardi al femminile per i film di domani

Le registe Lucrecia Martel e Marí Alessandrini vincono i premi del concorso The Films After Tomorrow. Tra i corti, premi per Darol Olu Kae e Jonas Ulrich
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, vent'anni di Boccalino (e di Marco Solari)

L’unico premio indipendente del Festival festeggia i vent’anni: la consegna dei premi in Città Vecchia con risotto e buon vino
Spettacoli
2 gior

A Meride tanto 'Cibo per l'anima' a chilometro zero

Solidarietà per la cultura: nel giardino di Lothar Drack, fino al 26 settembre, artisti dal Ticino e zone limitrofe. Entrata (e soprattutto offerta) libera.
L'intervista
2 gior

Samuel attracca nel 'Golfo Mistico' di Lugano

Già (e sempre) frontman dei Subsonica, porta il disco solista 'cambiato e cresciuto' e il resto di sé al LongLake Festival domani, venerdì 14 agosto
Scienze
2 gior

Addio a Konrad Steffen, l’uomo dei ghiacci e della scienza

Il glaciologist svizzero, direttore del Wsl, è morto nei giorni scorsi in Groenlandia, a lungo oggetto delle sue ricerche sul riscaldamento globale
Culture
2 gior

#SolidarityForMusic dal Lucerna Festival sulle note di Beethoven

Un 'Inno alla gioia' aperto a ogni interpretazione per una campagna di solidarietà in favore dei musicisti svizzeri, con grandi ambasciatori.
Culture
2 gior

Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano

Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Spettacoli
3 gior

Locarno 2020, la perfezione del cinema a Open Doors

Al Festival due film suberbi: ‘Kairat’ di Omirbaev e ‘Engkwentro’ (Scontro) di Pepe Diokno
Spettacoli
3 gior

Locarno2020 e la follia del nostro ignorare il mondo

Ai Pardi di domani, vera rivelazione di questo festival anomalo, scopriamo l'interessante “Icemeltland Park” di Liliana Colombo
Musica
3 gior

Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'

Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.
Teatro Sociale
3 gior

'Chi è di scena', dal 'Macbettu' a 'La menzogna'

Prosa in abbonamento, due le produzioni ticinesi: 'La bottega del caffè' e 'Olocene', Max Frisch per la prima volta in italiano
Società
4 gior

Lili Hinstin: 'Nei bar di Locarno la peggior musica del mondo'

Malumori tra i musicisti ticinesi dopo le affermazioni della direttrice artistica del Locarno Film Festival. 'Era una battuta, dispiace se qualcuno si è offeso'.
Spettacoli
4 gior

‘Condividere un'esperienza è ciò per cui val la pena vivere’

Denny Ilett, chitarrista e cantante, ospite del Jazz Cat club da mercoledì a sabato per quattro serate jazz nel giardino del Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
4 gior

Locarno2020, incontro ravvicinato con Thomas Imbach

“Tutto è iniziato con la decisione di testimoniare la trasformazione della vecchia stazione ferroviaria in carcere” ci spiega il regista zurighese
Musica e politica
4 gior

Menomale che Neil Young c'è

Il musicista porta in tribunale Trump per abuso propagandistico delle sue canzoni. Perché anche i cantautori, nel loro piccolo, s’incazzano...
Spettacoli
4 gior

Locarno2020, ‘Nemesis’, un documentario lungo 7 anni

Thomas Imbach ha presentato il suo ‶documentario alla finestra″: una stazione ferroviaria distrutta per far posto a un carcere, dagli scambi alla prigionia
Spettacoli
4 gior

Locarno2020, sotto il segno dei Pardi di domani

Convincono il personale ‘Bethlehem 2001’ di Ibrahim Handal e, nel concorso nazionale, Grigio. ‘Terra Bruciata’ di Ben Donateo
Spettacoli
4 gior

Il castello incantato: dal 15 agosto il teatro torna in piazza

La tradizionale rassegna torna con burattini, marionette, ombre, oggetti animati, attori e musici in sei località del Locarnese
50 anni di Luna
16.07.2019 - 21:480

'Buon viaggio, Apollonauti!'

Le emozioni del giorno del lancio così come raccontate in prima pagina da Il Dovere e dall'Eco di Locarno di giovedì 17 luglio 1969

La cronaca così come riportata in prima pagina dal Dovere del 17 luglio 1969.

Sono partiti!

Capo Kennedy, 16 (Ais-Afp) — L’uomo è partito per la Luna. Il sogno di Giulio Verne si sta avverando. Tre americani, Neil Armstrong, Michael Collins e Edwin Aldrin, infagottati nelle loro pesanti com­binazioni di volo, hanno cominciato alle 14 e 32 ora svizzera, a Capo Kennedy il primo viaggio «Terra-Luna» dell’umanità. Lanciati alla conquista del satellite natu­rale della Terra due fra di loro, Arm­strong e Aldrin, dovrebbero porre i loro piedi sulla Luna durante la notte da do­menica 20 a lunedi 21 luglio. Sul «lunaporto», l'imbarcadero per la Luna, 35'000 ettari di paludi e di foreste divenuti il più gigantesco complesso spa­ziale del mondo, la sequenza oramai abi­tuale dei lanci del programma «Apolio» si è svolta con perfetta regolarità.

II treno spaziale «Apollo 11» si è stac­cato dal suolo esattamente all’ora prevista producendo un sordo boato udito ancora a molti chilometri di distanza. Seguito da centinaia di migliaia di curiosi presenti e da centinaia di milioni di telespettatori
ha preso quota in una nuvola bianca. Poi, dopo avere perduto il primo stadio, è entrato in un’orbita terrestre.

I tre uomini che sono partiti per il viaggio storico verso la Luna hanno già fatto le loro esperienze spaziali. Infatti, nel 1966, hanno partecipato a esperimenti del programma «Gemini». Neil Armstrong, era il compagno di David Scott a bordo di Gemini 8, la cabina che dovette ritornare a terra prima del previsto in seguito a noie meccaniche.

Michael Collins, che resterà ai comandi dell'Apollo 11 mentre i suoi compagni si poseranno sulla superficie lunare, partecipò con John Young al volo di Gemini 10, in luglio 1966.

Edwin Aldrin, infine, il pilota del mo­dulo lunare, partecipò all'uItimo volo di questo programma, a bordo di Gemini 12 in compagnia di James Lovell.

11 minuti dopo il lancio, Apollo 11 è en­trato in un’orbita terrestre provvisoria. La capsula ha gravitato a un’altitudine non precisata dalla Nasa ma che dovrebbe avvicinarsi a un apogeo di 195 km e a un perigeo di 166km.

Alle 14 e 43, il vascello spaziale è entrato regolarmente nella orbita di parcheggio. Alle 17 e 16, gli astronauti hanno proceduto alla seconda accensione del motore del terzo stadio e hanno inserito l’astronave su un'orbita in direzione della Luna. Questione di minuti, e il modulo di comando, unito a quello di servizio, si è staccato dal terzo stadio.

È cosi cominciata la corsa verso la Lu­na in 73 ore. Sotto l’impulso del razzo vettore, la velocità di Apollo 11 è pas­sata da 28'100 a 39'200 chilometri all'ora. La manovra di distacco è stata portata a termine quando il vascello spaziale si tro­vava al di sopra dell'Australia. Poco dopo l’accensìone, Neil Armstrong, comandante di bordo, ha annunciato che l'operazione è stata portata a termine esattamente nelle condizioni previste.

Buon viaggio, «Apollonauti»!

La cronaca come riportata in prima pagina dall'Eco di Locarno

Alle 14.32 ora svizzera, vaie a dire all'ora prevista, è stato dato fuoco al missile gigante «Saturno 5», vettore di «Apollo 11», la cabina spaziale a bordo della quale si trovano i cosmonauti Armstrong, Aidrine Collins. La partenza è stata perfetta. Se
tutto va. bene due di questi tre uomini faranno la loro prima paseggiatà lunare. 

Il missile gigante «Saturno 5», vettore di «Apollo 11» si è alzato maestosamente una nuvola di vapore bianco. Ai momento della partenza, Il suolo ha tremato per un raggio di diversi chilometri. Poco dopo il lancio Capo Kennedy si è già sen­tita la voce del comandante  di bordo, Neil Armstrong, che comunicava che tutto andava bene a bordo e che il missile procedeva nella direzione esatta.

«Viaggio magnifico, bella partenza», ha dichiarato. Armstrong, pochi secondi dopo l'annuncio dell'ingrasso in orbita Sono sta­te le prime parole di commento degli astronauti che fino a quel momento si erano limitati a scambiare dati tecnici con la
base. La risposta è stata altret­tanto asciutta: «Traiettoria buo­na, tutto sembra perfetto. Be­ne». Poi è continuato lo scambio di battute: «Qui Houston, siete al sicuro». Era la voce del con­trollo missione che avvertiva che tutti i sistemi automatici di distruzione del vettore erano stati sganciati. Quando sono par­titi in direzione della Luna, dopo due ore o mezza In orbita attor­no alla Terra, Armstrong ha commentalo: «Quel Saturno ci ha fatto veramente fare un bel lan­cio». «Siete proprio sulla strada giusta», ha commentato il controllo  missione. «Sì, stavolta non abbiamo proprio niente da direi per nessuno dei tre stadi», ha riferito asciutto Armstrong.

In seguito, quattro ore dopo il lancio, gli astronauti hanno sganciato lo stadio vuoto del Satur­no, dal quale avevano estratto il LEM : un comando radio h fatto partire il razzo, con l'ac­censione dell'ultimo residuo di propellente, verso il sole. Pochi
attimi prima, li controllo missio­ne aveva avvertito: «Sembra che abbiate qualche chilo in meno di propellente a disposizione, ma non è un problema». Collins, che era in quel momento ai comandi, ha risposto: «Avrei preferito qualche chilo in più, ma non importa». Poi è andato tutto bene egualmente. A un ceto punto, Armstrong ha interloquito: «Ehi abbiamo avuto tanto da fare, ma il panorama qui è bellissimo: ve­do il continente americano, Ala­ska, Polo Nord, e in basso, Yucatan e Cuba e poi il finestrino mi impedisce di vedere il Bra­sile!»

L'Augurio di Nixon

Washington, 16 (Ats-Reuter) — «Lo spirito dell'umanità sarà con voi» ha dichiarato il presidente Nixon ai tre cosmonauti dell’Apollo 11, ieri sera, alla vigilia della loro partenza per la Luna. Nixon ha voluto personalmente telefonare ai tre cosmonauti per augurare loro buon viaggio, ed ha inviato anche un telegramma. Nel corso della conversazione telefonica il presidente americano ha definito il volo dell'Apollo 11 la «più grande avventura che l'uomo abbia intrapreso». Anche Nixon, come centinaia di migliaia di telespettatori, ha seguito questo pomeriggio alla televisione il lancio dell’Apollo 11.

 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved