ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
2 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
2 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
10 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
10 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
10 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
11 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
11 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
11 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
11 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
11 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
12 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
12 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
Bellinzonese
12 ore

Biasca, alla Bibliomedia un ‘viaggio musicale trasversale’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 si terrà il concerto con i musicisti Mario Milani (fisarmonica) e Fausto Saredi (clarinetto)
Ticino
12 ore

Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza

Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
12 ore

Castel San Pietro, concerto di inaugurazione dell’organo

L’evento avrà luogo alle 20.30 presso la chiesa parrocchiale di Sant’Eusebio. Sarà il musicista Passuello a eseguire i brani
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona torna la giornata dedicata alla riparazione

La propone il Dipartimento del territorio sabato 3 dicembre presso la propria sede in via Franco Zorzi
Mendrisiotto
13 ore

Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti

Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
13 ore

PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici

Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
13 ore

Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto

La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Luganese
13 ore

Usi consegna i diplomi della Facoltà di scienze informatiche

Sono 123 le studentesse e gli studenti di 20 nazionalità diverse che hanno ricevuto la laurea di Bachelor, Master e dottorato
Bellinzonese
13 ore

In concerto a Giornico il trio solistico ‘Arrigo Galassi’

Sabato 3 dicembre alle 20.30 nella chiesa San Michele
Bellinzonese
13 ore

Mercatino di Natale a Malvaglia

Appuntamento per sabato 3 dicembre dalle 16 sulla piazza del Municipio
Bellinzonese
13 ore

Concerto del coro femminile DesDes a Chiggiogna

Appuntamento per giovedì 8 dicembre alle 17 nella chiesa Santa Maria Assunta
Mendrisiotto
13 ore

Tornielli, collaboratore di papa Francesco presenta il suo libro

‘Vita di Gesù’, è questo il titolo del racconto del vaticanista, che farà conoscere al pubblico venerdì 2 dicembre alle 20.15 al Centro Presenza Sud
Bellinzonese
13 ore

La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni

La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio: l’imputato ha scherzato col fuoco, e si è bruciato

Inflitta una pena di 13 mesi sospesi condizionalmente per due anni a un 23enne che nel 2017 ha bruciato dei cartoni, cagionando un incendio
Bellinzonese
14 ore

Giornico, popolazione invitata all’inaugurazione del Centro Tir

Sabato 3 dicembre porte aperte per scoprire la nuova struttura che entrerà ufficialmente in servizio venerdì 2
Luganese
14 ore

Norman Gobbi incontra i Municipi di Savosa e Canobbio

Proseguono le visite del direttore del Dipartimento delle istituzioni nei Comuni ticinesi. Il ciclo proseguirà il 10 gennaio nel Luganese
Grigioni
14 ore

Libri protagonisti di un calendario dell’Avvento a Grono

Giovedì 1° dicembre è previsto un corteo, l’apertura del primo libro e l’accensione dell’albero di Natale
Locarnese
14 ore

Intragna, distillatori all’opera

L’alambicco consortile sarà in funzione fino a domenica 11 dicembre. Interessati annunciarsi
Locarnese
14 ore

Corale Valmaggese, il più è fatto (ma non è ancora abbastanza)

Buon successo per la campagna di reclutamento: il coro è salvo. Oltre ai 7 nuovi cantori se ne cercano però altri per rimpolpare i ranghi
Locarnese
15 ore

Roberto Donetta, pioniere della fotografia artistica

Mercoledì 30 novembre alle 18 alla Biblioteca Popolare di Ascona Mario Casella presenta il suo romanzo biografico sul fotografo
Locarnese
15 ore

Parchi giochi più belli e sicuri, il sì al messaggio è unanime

A Locarno passa la richiesta di credito di 549mila franchi per una serie di investimenti in Rotonda, al Parco Robinson e in diverse altre aree ludiche
laR
 
01.10.2022 - 05:30

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari

hanno-distrutto-la-vita-di-mio-padre-87enne-e-la-giustizia
Keystone

«Il mondo di mio padre è crollato, e lui con esso. Non è più riuscito a ristabilire nessun tipo di equilibrio. E la stessa sorte è toccata a mia madre». Sono parole intrise di amarezza quelle di Marina (nome vero noto alla redazione), le cui due sorelle minori si sono fatte donare dal padre 87enne case e terreni dei quali solo poche settimane prima l’anziano aveva già disposto con un patto successorio stipulato a mutua protezione con la moglie. Donazioni che al resto della famiglia sono state accuratamente tenute nascoste fino a quando, qualche mese dopo, è avvenuta casualmente la scoperta. «Nel momento in cui abbiamo sollevato l’argomento mio padre è caduto dalle nuvole, affermando di non aver mai donato nulla a nessuno – racconta Marina –. "I ronchi sono miei!", ha continuato a ripetere. Poco tempo dopo gli è stata diagnosticata una demenza senile in stato avanzato e un’atrofia cerebrale estesa, ma era già da un po’ di tempo che il medico di famiglia così come parenti e alcuni conoscenti avevano notato i segnali chiari di decadimento cognitivo». Per Marina, ad avere gravi colpe nella triste vicenda sarebbe anche il notaio, amico di famiglia delle sorelle, che ha steso i rogiti: «Il suo modo di agire è stato tutt’altro che limpido. Ha avuto un ruolo determinante in tutta la faccenda inserendo addirittura nell’atto notarile una clausola con lo scopo di eludere il dovere sancito dal Codice civile svizzero di informare nostra madre delle donazioni in corso». Con questa convinzione, assieme alla madre e al fratello, Marina ha deciso di sporgere denuncia penale contro le sorelle e contro il notaio. «Purtroppo però non abbiamo ottenuto giustizia – afferma con rammarico –. Le dichiarazioni autoreferenziali del notaio, in entrambi i procedimenti, hanno avuto un peso migliore e maggiore delle nostre e, soprattutto, dei documenti probatori che dimostrano il raggiro di un anziano fragile incapace di comprendere la portata dei propri atti. Le istruttorie sono state chiuse dimostrando che, nell’apparentemente civile Svizzera, della difesa dei diritti degli anziani, almeno fino ad oggi, a nessuno importa granché, mentre chi potrebbe far qualcosa preferisce chiudere gli occhi», recrimina Marina. Che sottolinea come il grave impoverimento finanziario del padre e le spese legali sostenute per tentare di difenderne i diritti – oltre 100mila franchi finora – hanno rappresentato solamente una parte del danno subito: «Su entrambi i miei genitori la sofferenza psicologica ed emotiva, il deterioramento dei rapporti familiari, i sensi di colpa e l’abbattimento dell’autostima hanno avuto effetti devastanti. E le patologie già presenti ma tenute e bada da una routine familiare collaudata hanno trovato terreno fertile per esplodere».
I procedimenti penali hanno scagionato le tre persone denunciate, ma la vicenda solleva una serie di interrogativi che toccano vari aspetti sensibili, dai fattori di rischio legati a possibili abusi su persone anziane, alle responsabilità e agli aspetti deontologici dei notai, fino ai criteri di valutazione della capacità di intendere e volere. Ne abbiamo parlato con tre esperti nei diversi ambiti.

Pro Senectute Ticino e Moesano: ‘Persone dipendenti da altre sono più a rischio di abusi’

Per monitorare il fenomeno degli abusi su persone anziane, alcuni mesi fa è stato inaugurato il Centro di competenza nazionale ‘Vecchiaia senza violenza’ di cui tra i promotori figura Pro Senectute Ticino e Moesano. Per quanto riguarda quelli di tipo finanziario, «non abbiamo una stima precisa, ma dal nostro osservatorio constatiamo che questi abusi sono possibili e frequenti soprattutto quando le persone anziane sono in una condizione di aumentata fragilità a causa di una situazione di isolamento sociale oppure di forte dipendenza da caregiver o in generale da terze persone, quando vi è uno stato di decadimento cognitivo oppure una fragilità psico-fisica – illustra Francesca Ravera, psicoterapeuta e membro del comitato direttivo della piattaforma –. Maggiore è lo stato di fragilità individuale e maggiore sarà la possibilità per la persona anziana di essere esposta a forme di maltrattamento tra cui quelli relativi alla sfera economica».
Questo tipo di abuso, oltre che da gente esterna – noti i casi dei "falsi nipoti" o "falsi poliziotti" – può avvenire a opera di persone conosciute e di familiari che approfittano della relazione affettiva e del legame di dipendenza con la vittima. «In questi casi proprio il tipo di relazione tra la vittima e l’abusante può comportare una negazione da parte di chi subisce il raggiro, una paura o uno stato di vergogna che inibiscono dallo sporgere denuncia», dice Ravera, che conferma come essere vittima di abuso, tra cui quello finanziario, può comportare delle gravi conseguenze sulla qualità di vita delle persone anziane: «Possono sentirsi ancora più vulnerabili, provare dei sensi di colpa e imbarazzo, perdere la fiducia nelle persone e nelle proprie capacità e di conseguenza può verificarsi una compromissione del loro stato di salute psico-fisica che in alcune situazioni può portare alla morte della persona stessa».
In caso di sospetto maltrattamento nei confronti di persone anziane, il Servizio di promozione qualità di vita di Pro Senectute Ticino e Moesano può offrire delle consulenze e degli interventi specializzati volti a ridurre i fattori di rischio, rende noto la psicoterapeuta. A livello di prevenzione, «crediamo fortemente nella diffusione della cultura del buon trattamento della persona anziana e nella sensibilizzazione rivolta a tutte le categorie professionali e ai cittadini che si occupano in misura diversa delle persone anziane, per questo motivo col nostro Servizio proponiamo delle formazioni sul tema volte a contrastare il fenomeno del maltrattamento».

Ordine dei notai: ‘Non ci sono procedure specifiche per verificare la capacità civile’

Per quanto riguarda la Legge, quella notarile prevede all’art. 51 che "il notaio deve rifiutare il suo ministero quando le circostanze gli facciano sorgere un dubbio fondato sulla capacità civile e di disporre delle persone fisiche o di rappresentanti di quelle giuridiche che a lui si presentano per contrarre"; quando "appaia manifesta l’infermità o debolezza di mente di alcuno dei contraenti; se lo reputa necessario, il notaio può fare intervenire un medico che attesti la capacità mentale di un comparente facendone menzione nell’atto". «Questo significa – commenta l’avvocato Mario Bazzi, segretario dell’Ordine dei notai del Canton Ticino – che non vi sono "procedure" specifiche da seguire per verificare la capacità civile o le facoltà mentali delle parti. Accertamenti per i quali, peraltro, il notaio non è nemmeno qualificato. La legge però stabilisce che nel caso in cui le circostanze dovessero indurre il notaio prudente a dubitare delle effettive capacità di una parte, avrebbe l’obbligo di rifiutare di rogare l’atto, oppure di chiedere l’intervento di un medico che ne accerti le sufficienti facoltà mentali», specifica Bazzi.
Nella situazione in cui una persona anziana non sia più in grado di decidere autonomamente, «l’unico modo che ha per poter disporre dei beni è mediante la nomina di un curatore, che può avvenire ad hoc per una situazione specifica – illustra Bazzi –. Competente per tale nomina è l’Autorità regionale di protezione (Arp). Anche nell’eventualità in cui qualcuno decida di predisporre un mandato precauzionale e quindi di nominare un mandatario per il caso in cui venisse meno la sua capacità di disporre, spetta sempre all’Arp verificarne la validità e rilasciare le credenziali ai mandatari incaricati».
Quanto ai controlli di abusi in ambito notarile, un organo specificatamente adibito a tale scopo non esiste. Casi di illeciti emergono solo a seguito di denunce da parte delle persone coinvolte. «Le segnalazioni – rende noto l’avvocato – possono essere fatte sia al Ministero pubblico che alla Commissione di disciplina dei notai, organo indipendente dall’Ordine dei notai che a sua volta, qualora dovesse riscontrare un possibile illecito di carattere penale, provvederebbe alla segnalazione al Ministero pubblico». Entrambe queste procedure, sottolinea Bazzi, sono gratuite per chi denuncia.
In alcuni cantoni vengono organizzati dei corsi di formazione e prevenzione su situazioni sensibili indirizzati ai notai. In Ticino, stando a Bazzi, «la questione viene trattata nell’ambito dei corsi per gli alunni notai ed è già stata proposta diverse volte nell’ambito dei corsi di formazione continua per i notai, proprio nell’ottica di sensibilizzarli su questo tema molto delicato».

Servizio di neurologia: ‘Il discernimento non è una questione di o tutto o nulla’

Ma cosa si intende con demenze senili e in quali circostanze viene meno la capacità di intendere e volere? «Si tratta di un’espressione generica per indicare un gruppo di malattie, tra cui l’Alzheimer, che comportano la perdita di funzioni cognitive basilari che ci fanno muovere nella vita quotidiana come la memoria, il linguaggio, le capacità viso-spaziali, l’attenzione, le funzioni esecutive e la cognizione sociale – spiega il dottor Leonardo Sacco, caposervizio di neurologia presso l’Ente ospedaliero cantonale –. Quelle che se intaccate possono compromettere la capacità decisionale sono sicuramente le prime due. Per poter prendere delle decisioni bisogna ricordare delle informazioni e avere la padronanza del linguaggio, che è essenziale ad esempio per leggere e capire un documento prima di firmarlo». In generale, perché sia data la capacità di intendere e volere, bisogna anche che le scelte siano fatte «in maniera consequenziale e ponderata – valuta l’esperto di neurologia –. Se la decisione produce una situazione non funzionale che mette in pericolo la persona stessa, la sua capacità di discernimento è da considerarsi non più intatta». Tuttavia, precisa il dottor Sacco, «non è una questione di "o tutto o nulla". Una persona può ad esempio avere una buona capacità di discernimento per quanto riguarda alcuni ambiti, come la presa di decisioni sulla propria salute, mentre magari non averla sugli aspetti finanziari. Poi ovviamente se le funzioni cognitive sono molto compromesse, le mancanze possono essere su molteplici distretti».
A rendere il quadro ancora più complesso intervengono anche gli aspetti emotivi e psicologici: «Quando si prendono delle decisioni anche questi fattori possono essere determinanti. Trovarsi in uno stato depressivo o in uno euforico, oppure avere una certa tendenza a farsi trascinare, sono elementi che influenzano la presa di decisioni. Anche una persona cognitivamente senza problemi può farsi condizionare o coinvolgere troppo facilmente e dunque prendere decisioni controproducenti».
Per quanto riguarda le demenze e i disturbi cognitivi, «c’è una serie di batterie di test per diagnosticarli. Invece per valutare la capacità di discernimento di una persona, è necessario che un clinico esperto proceda a dei colloqui clinici». Alla domanda se, in mancanza di segni evidenti, un notaio possa valutare da uno scambio in ufficio se l’anziano che ha di fronte sia davvero in grado di capire il contenuto di quanto si appresta a firmare e le conseguenze che questo avrà per sé e per il resto della sua famiglia, Sacco risponde che «se i disturbi sono leggeri è molto difficile che possa procedere a una tale valutazione. Anzi, può darsi che neanche il medico di famiglia sia in grado di farlo. La diagnosi deve essere affidata a uno specialista in disturbi cognitivi. Ma anche quando interviene un esperto – mette in guardia il caposervizio –, in certi casi possono esserci lunghe discussioni soprattutto in merito alle questioni finanziarie o di eredità da cui non si esce facilmente». Come gli altri professionisti interpellati, anche Sacco conclude che si tratta di un argomento «davvero molto complesso e delicato». Proprio per questo è importante discuterne, in modo da scongiurare il più possibile il rischio di abusi che potrebbe crescere con l’aumento della popolazione anziana, della sua longevità e delle patologie legate all’invecchiamento, e per il fatto che gli eredi devono aspettare sempre più a lungo prima di entrare in possesso dei beni dei familiari anziani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved