ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 ora

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
9 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
9 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
10 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
10 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
10 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
11 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
11 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
22.09.2021 - 19:22

Formare la polizia per verificare gli incidenti sul lavoro

Una mozione interpartitica chiede al Consiglio di Stato la preparazione di agenti in grado di intervenire prontamente e mettere in sicurezza le prove

formare-la-polizia-per-verificare-gli-incidenti-sul-lavoro
(Ti-Press)

Formare un team di agenti di polizia in grado di intervenire in modo tempestivo e professionale ovunque avvengano incidenti sul lavoro, per verificare subito il rispetto delle norme di sicurezza, proteggere le prove e aiutare dunque le indagini su eventuali responsabilità. Lo chiede una mozione firmata dai tre granconsiglieri Fabrizio Sirica (Ps, primo firmatario), Marco Noi (Verdi) e Fabio Käppeli (Plr).

La mozione sollecita il Consiglio di Stato prendendo spunto da una recente puntata della trasmissione Rsi ‘Falò’, con una doverosa premessa: “Va innanzitutto contestato il concetto di morte ‘bianca’, così generalmente denominata per intendere che i decessi sul lavoro non siano colpa di nessuno, bensì causati da fatalità. Esso è un termine inaccettabile. Se tutte le regole e i protocolli di sicurezza fossero sempre applicati, la maggior parte di queste morti sarebbe evitata”. E ancora: “Se da un lato occorre rafforzare la prevenzione, i controlli e dare la possibilità ai lavoratori di poter fermare i lavori senza temere per il proprio posto di lavoro, in questo atto parlamentare ci si concentra su ciò che avviene dopo l’incidente, al momento di rilevare sul luogo cosa è avvenuto in maniera il più professionale, precisa e puntuale possibile”.

E qui, stando alla mozione, emergono le lacune delle attuali operazioni di polizia nel “preservare la zona dell’incidente per far in modo che vengano rilevate tutte le prove che consentono di avere sufficienti elementi per l’indagine. Ad esempio, nella situazione descritta (dal servizio televisivo, ndr) il mancato intervento di ‘protezione delle prove’ da parte della polizia ha comportato che la barriera del ponteggio, – la quale non ha trattenuto l’operaio facendogli quasi perdere la vita – non fosse più presente sul posto, rimossa da qualcuno; ciò che non ha dunque permesso di accertare se fosse a norma e nemmeno chi l’abbia rimossa. Risultato: senza sufficienti elementi per accertare i fatti viene emesso un decreto d’abbandono”. Un problema sollevato anche dalla sentenza sul caso. Non si tratta d’altronde dell’unica occasione nella quale la magistratura ha bacchettato gli agenti per aver compromesso lo svolgimento delle successive inchieste. I granconsiglieri ricordano anche l’incidente fatale che nel 2010, nel cantiere di AlpTransit presso Sigirino, costò la vita all’operaio 54enne calabrese Pietro Mirabelli. Nel corso del processo che ne seguì il presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani notò amaramente che: “La polizia ha dato il peggio di sé. Ha subito dato per scontato che si trattasse di una tragica fatalità. (...) Non si fa così davanti alla morte di una persona”.

I firmatari precisano comunque che “questo atto parlamentare non vuole criticare l’operato della polizia o del pubblico ministero, bensì metterli in condizione, dotandoli di specifiche competenze, di dare il meglio”.

Infine la richiesta al Consiglio di Stato: “Attivarsi per rendere concreti gli auspici sopraesposti, e quindi, affinché la Polizia cantonale formi adeguatamente un effettivo di agenti sufficiente per intervenire in ogni regione e in qualsiasi momento nell’ambito di inchieste relative a incidenti sul lavoro, sin dai primi istanti”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved