NY Rangers
2
PHI Flyers
0
1. tempo
(2-0)
Detroit Red Wings
Seattle Kraken
01:30
 
TOR Leafs
COL Avalanche
01:30
 
OTT Senators
VAN Canucks
01:30
 
fiorenzo-dado-dobbiamo-ripartire-dal-territorio
Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Stranieri, Michela Trisconi nuova Delegata all’integrazione

L’ha nominata oggi il Consiglio di Stato. Succede ad Attilio Cometta, in pensione dopo oltre trent’anni nell’Amministrazione
Mendrisiotto
4 ore

Nel bunker Pci per il richiamo? È una soluzione provvisoria

Non a tutti piace andare a vaccinarsi al rifugio: ‘Scelta cantonale’. Ma a Mendrisio si stanno valutando delle alternative
Ticino
4 ore

‘Salario minimo, i controlli siano rigorosi’

Così i Verdi in occasione dell’entrata in vigore della legge cantonale, figlia della loro iniziativa popolare costituzionale
Locarnese
5 ore

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
5 ore

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
6 ore

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
6 ore

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
7 ore

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
7 ore

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
7 ore

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
7 ore

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
7 ore

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Locarnese
7 ore

Ppd di Locarno, lanciata la volata di Marco Pellegrini

Dopo le dimissioni improvvise del presidente sezionale Alberto Akai, l’ex municipale dà la sua disponibilità a succedergli
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio: in attesa di Campione, il casinò ‘affila le armi’

Due novità – Poker Room e Jackpot – all’Admiral, che si prepara per affrontare il ritorno della concorrenza della sala da gioco dell’enclave
Locarnese
8 ore

Locarno, porte aperte al centro del movimento VitaAttiva

All’interno del nuovo Polo Isolino in via Galli, la giornata inaugurale è in calendario sabato 4 dicembre
Ticino
 
19.04.2021 - 18:450
Aggiornamento : 21:27

Fiorenzo Dadò: ‘Dobbiamo ripartire dal territorio’

Il presidente del Ppd ammette l’arretramento del suo partito, ma preferisce guardare al bicchiere mezzo pieno. Soddisfazione a sinistra

«Non è andata benissimo, lo ammetto. Poteva andare meglio, nel senso che potevamo confermare tutti i 122 seggi targati popolare democratici nei Municipi e invece ne abbiamo persi 15. Se però guardo i dati da più vicino, noto che in alcuni Comuni abbiamo aumentato le schede, ma perso il seggio. In altri, invece, abbiamo mancato l’elezione per una manciata di voti». È chiara l’analisi politica di Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd cantonale che ribadisce che la sua carica non è in discussione e guardare il bicchiere mezzo pieno. «Sono e resto il presidente del partito cantonale e il risultato delle elezioni comunali è un dato politico locale. Non mi sento responsabile dell’esito del voto in alcune località che rispondono a logiche personali e dinamiche territoriali tutte loro», afferma. «Se prendiamo la città di Lugano, il centro più popoloso del Cantone, la scelta di puntare su Filippo Lombardi è stata vincente tanto che abbiamo migliorato i nostri consensi. Il Plr ha invece perso quasi 8 punti percentuali», commenta Fiorenzo Dadò che invita le sezioni locali a cercare di lavorare per il bene del territorio e a cercare di coinvolgere sempre di più i giovani in vista del rinnovo generazionale che invevitabilmente si porrà nel prossimo futuro. «Ci sono le premesse per lavorare bene nel prossimo triennio», aggiunge. C’è però il caso di Mendrisio, dove il Ppd ha perso circa 400 schede in cinque anni. «Questo è un caso da analizzare bene e trarre gli insegnamenti per il futuro. Bisognerà vedere anche come riorganizzare la presenza del partito nei Comuni aggregati», commenta ancora Dadò. «Si può dire che soffriamo la logica delle aggregazioni, essendo il Ppd tradizionalmente legato alle località. Infatti facciamo meglio nelle roccaforti storiche popolari democratiche. Per rimanere nel Mendrisiotto, abbiamo fatto molto bene a Novazzano, Castel San Pietro e Vacallo. Anche a Chiasso abbiamo confermato il nostro seggio che sembrava perso». 
La pandemia di coronavirus non ha permesso di mantenere relazioni personali più forti e questo ha certamente inciso anche nella preparazione della campagna elettorale. «Nei prossimi mesi dovremo fare un’analisi attenta con le sezioni e vedere quali sono i correttivi da apportare. Certo, il partito cantonale potrà aiutare a farla questa analisi, ma saranno le singole sezioni a fare le proposte in quanto sono loro che conoscono meglio la realtà locale», conclude Dadò. 

L’area rossoverde cresce e si rafforza

Il partito socialista si colloca tra i vincitori di questa tornata elettorale. È vero, i risultati risentono delle dinamiche politiche locali, ma si può affermare che la sinistra, intesa come partito socialista e verdi, oltre ad altre forze di sinistra, è l’area che è cresciuta di più rispetto alle posizioni di partenza. «Abbiamo incrementato di 10 o 11, a seconda della paternità politica di alcune liste civiche, i municipali nei Comuni ticinesi. Di questi otto su dieci sono socialisti», ci dichiara Fabrizio Sirica, copresidente del Ps cantonale. «E un dato che ci fa piacere, ma non è l’aspetto prioritario. Per noi era fondamentale che crescesse tutta l’area progressista. I risultati confermano che questo trend c’è in tutto il territorio cantonale», continua ancora Sirica. 
Anche per quanto riguarda la rappresentanza femminile, ci sono motivi di soddisfazione. «Certo, perché vogliamo essere coerenti con quello che diciamo e siamo contenti che in tre delle quattro città principali del cantone siano state elette tre donne socialiste. Anche in altri Comuni più piccoli abbiamo contribuito a eleggere delle municipali. Questo contribuisce all’obiettivo di raggiungere la parità di genere negli organi elettivi».
Dal punto di vista politico emerge il dato di Bellinzona, dove, nonostante la mancata alleanza con i Verdi, il partito socialista ha tenuto le posizioni. «Anche questo è motivo di soddisfazione, anche se dispiace per la mancata intesa: l’area di sinistra avrebbe fatto molto meglio a stare unita. Una situazione che si è ripetuta 
in Capriasca e a Caslano. L’esito di Locarno ci rallegra perché da soli abbiamo eletto una municipale e i Verdi il loro». L’area rossoverde in questo caso è doppiamente vincente. «Ragionando con il senno del poi, i seggi potevano essere addirittura tre», continua Sirica.
Per quanto riguarda la rappresentanza femminile negli esecutivi, secondo Laura Riget, copresidente del Ps, «sono stati fatti dei passi in avanti, ma purtroppo la parità non è ancora raggiunta». Non si tratta solo dell’area rossoverde. «Anche gli altri partiti devono prendere a cuore il tema della parità di genere e sostenere le donne, candidandole e votandole. E questo non è solo un tema di sinistra o un tema del Ps. È una questione che riguarda l’intera società e ognuno di noi deve fare la sua parte. La notizia di Bellinzona, unico grande Comune senza donne in Municipio, è ovviamente un brutto segnale oltre a essere un’occasione persa. In futuro andrà fatto di più», commenta Riget.

Archivio Ti-Press
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved