ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Prima condanna in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso
Locarnese
2 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
3 ore

Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps

L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
Luganese
3 ore

Comano ha il suo Mercatino di Natale

Il prossimo martedì 6 dicembre il nucleo Tèra d’súra si vestirà con le atmosfere delle festività
video
Bellinzonese
3 ore

Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’

Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
3 ore

A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’

Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Locarnese
3 ore

‘Vento di vita vera’, la storia culturale della Val Bavona

Il film di Kurt Koller verrà proiettato al Cinema Otello di Ascona martedì 29 novembre alle 20.30
Locarnese
4 ore

Consegnato il premio ‘Prenditi cura anche con il cuore’

Il Soroptimist Club Locarno ha deciso di premiare Annick Artaria, che ha svolto la sua formazione presso la Clinica Fondazione Varini a Orselina
Ticino
4 ore

In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre

Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
4 ore

‘Illuminazione pubblica spenta, occorre valutare’

Pedemonte, il Municipio risponde all’interrogazione di Monotti che chiedeva di rinunciare alla luce dei lampioni sulle strade nottetempo come risparmio
Locarnese
4 ore

Il Munipio di Tenero-Contra ha incontrato i suoi neodiciottenni

Venerdì 25 novembre ha avuto luogo il tradizionale incontro, seguito da una cena in compagnia
Locarnese
4 ore

Il Treno dell’Avvento porta la magia del Natale nelle Centovalli

Domenica 4 dicembre l’amato treno storico, addobbato per l’occasione, porterà i viaggiatori da Locarno a Camedo, dove troveranno anche Babbo Natale
Locarnese
5 ore

Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco

Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
6 ore

È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona

Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Locarnese
6 ore

Lavertezzo: il libro di Ramelli e Cantadonna in concerto

Fra venerdì e domenica doppio appuntamento al Centro scolastico di Riazzino e a Montedato, proposto dalla commissione culturale del Municipio
laR
 
19.04.2021 - 18:45
Aggiornamento: 21:27

Fiorenzo Dadò: ‘Dobbiamo ripartire dal territorio’

Il presidente del Ppd ammette l’arretramento del suo partito, ma preferisce guardare al bicchiere mezzo pieno. Soddisfazione a sinistra

di Generoso Chiaradonna
fiorenzo-dado-dobbiamo-ripartire-dal-territorio
Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd

«Non è andata benissimo, lo ammetto. Poteva andare meglio, nel senso che potevamo confermare tutti i 122 seggi targati popolare democratici nei Municipi e invece ne abbiamo persi 15. Se però guardo i dati da più vicino, noto che in alcuni Comuni abbiamo aumentato le schede, ma perso il seggio. In altri, invece, abbiamo mancato l’elezione per una manciata di voti». È chiara l’analisi politica di Fiorenzo Dadò, presidente del Ppd cantonale che ribadisce che la sua carica non è in discussione e guardare il bicchiere mezzo pieno. «Sono e resto il presidente del partito cantonale e il risultato delle elezioni comunali è un dato politico locale. Non mi sento responsabile dell’esito del voto in alcune località che rispondono a logiche personali e dinamiche territoriali tutte loro», afferma. «Se prendiamo la città di Lugano, il centro più popoloso del Cantone, la scelta di puntare su Filippo Lombardi è stata vincente tanto che abbiamo migliorato i nostri consensi. Il Plr ha invece perso quasi 8 punti percentuali», commenta Fiorenzo Dadò che invita le sezioni locali a cercare di lavorare per il bene del territorio e a cercare di coinvolgere sempre di più i giovani in vista del rinnovo generazionale che invevitabilmente si porrà nel prossimo futuro. «Ci sono le premesse per lavorare bene nel prossimo triennio», aggiunge. C’è però il caso di Mendrisio, dove il Ppd ha perso circa 400 schede in cinque anni. «Questo è un caso da analizzare bene e trarre gli insegnamenti per il futuro. Bisognerà vedere anche come riorganizzare la presenza del partito nei Comuni aggregati», commenta ancora Dadò. «Si può dire che soffriamo la logica delle aggregazioni, essendo il Ppd tradizionalmente legato alle località. Infatti facciamo meglio nelle roccaforti storiche popolari democratiche. Per rimanere nel Mendrisiotto, abbiamo fatto molto bene a Novazzano, Castel San Pietro e Vacallo. Anche a Chiasso abbiamo confermato il nostro seggio che sembrava perso». 
La pandemia di coronavirus non ha permesso di mantenere relazioni personali più forti e questo ha certamente inciso anche nella preparazione della campagna elettorale. «Nei prossimi mesi dovremo fare un’analisi attenta con le sezioni e vedere quali sono i correttivi da apportare. Certo, il partito cantonale potrà aiutare a farla questa analisi, ma saranno le singole sezioni a fare le proposte in quanto sono loro che conoscono meglio la realtà locale», conclude Dadò. 

L’area rossoverde cresce e si rafforza

Il partito socialista si colloca tra i vincitori di questa tornata elettorale. È vero, i risultati risentono delle dinamiche politiche locali, ma si può affermare che la sinistra, intesa come partito socialista e verdi, oltre ad altre forze di sinistra, è l’area che è cresciuta di più rispetto alle posizioni di partenza. «Abbiamo incrementato di 10 o 11, a seconda della paternità politica di alcune liste civiche, i municipali nei Comuni ticinesi. Di questi otto su dieci sono socialisti», ci dichiara Fabrizio Sirica, copresidente del Ps cantonale. «E un dato che ci fa piacere, ma non è l’aspetto prioritario. Per noi era fondamentale che crescesse tutta l’area progressista. I risultati confermano che questo trend c’è in tutto il territorio cantonale», continua ancora Sirica. 
Anche per quanto riguarda la rappresentanza femminile, ci sono motivi di soddisfazione. «Certo, perché vogliamo essere coerenti con quello che diciamo e siamo contenti che in tre delle quattro città principali del cantone siano state elette tre donne socialiste. Anche in altri Comuni più piccoli abbiamo contribuito a eleggere delle municipali. Questo contribuisce all’obiettivo di raggiungere la parità di genere negli organi elettivi».
Dal punto di vista politico emerge il dato di Bellinzona, dove, nonostante la mancata alleanza con i Verdi, il partito socialista ha tenuto le posizioni. «Anche questo è motivo di soddisfazione, anche se dispiace per la mancata intesa: l’area di sinistra avrebbe fatto molto meglio a stare unita. Una situazione che si è ripetuta 
in Capriasca e a Caslano. L’esito di Locarno ci rallegra perché da soli abbiamo eletto una municipale e i Verdi il loro». L’area rossoverde in questo caso è doppiamente vincente. «Ragionando con il senno del poi, i seggi potevano essere addirittura tre», continua Sirica.
Per quanto riguarda la rappresentanza femminile negli esecutivi, secondo Laura Riget, copresidente del Ps, «sono stati fatti dei passi in avanti, ma purtroppo la parità non è ancora raggiunta». Non si tratta solo dell’area rossoverde. «Anche gli altri partiti devono prendere a cuore il tema della parità di genere e sostenere le donne, candidandole e votandole. E questo non è solo un tema di sinistra o un tema del Ps. È una questione che riguarda l’intera società e ognuno di noi deve fare la sua parte. La notizia di Bellinzona, unico grande Comune senza donne in Municipio, è ovviamente un brutto segnale oltre a essere un’occasione persa. In futuro andrà fatto di più», commenta Riget.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved