ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
1 ora

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
4 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
4 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
4 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
9 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
11 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
12 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
21.03.2021 - 17:40

Il Ppd serra i ranghi online in vista delle comunali

Congresso elettorale in modalità digitale e dibattito per il Ticino del dopo Covid. Il presidente Fiorenzo Dadò ha ringraziato le centinaia di candidati popolari democratici

di Generoso Chiaradonna
il-ppd-serra-i-ranghi-online-in-vista-delle-comunali
Ti-Press
Il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò

La pandemia ha costretto a cambiare abitudini a tante persone. Anche la politica si adegua e usa le tecnologie della comunicazione per mantenere viva l’attenzione sulla vita dei partiti in vista dell’appuntamento elettorale del 18 aprile, quando si rinnoveranno municipi e consigli comunali in quasi tutti i centri del Cantone. Il Partito popolare democratico ha quindi dato appuntamento ai suoi aderenti e simpatizzanti su facebook e sul sito del partito (www.ppd.ch) per il primo congresso cantonale interamente online. Sono intervenuti Giorgio Fonio, vicepresidente del Ppd e Fiorenzo Dadò, presidente del partito. 

Dadò ha parlato di «forte spaesamento della popolazione», in un momento veramente particolare della storia, non solo del Ticino. Spaesamento che chiama «una forte richiesta di decisionismo», più avvertita altrove che in Svizzera. Il presidente del Ppd ha ricordato l’appello-manifesto redatto dal premio Nobel per la letteratura Mario Vargas Llosa ‘La pandemia non sia un pretesto per l’autoritarismo’ e lanciato quasi un anno fa. Dopo aver ringraziato i tanti candidati del Ppd che si sono messi a disposizione per questa tornata elettorale, è iniziato il dibattito ‘Ticino post Covid, che futuro ci attende?’ al quale hanno partecipato Sonia Cattaneo, psichiatra e psicoterapeuta; Raffaele De Rosa, consigliere di Stato e direttore del Dss; Alessia Ponti, sindaca di Castel S. Pietro; Fabio Regazzi, consigliere nazionale, presidente di Aiti e Usam; Renato Ricciardi, segretario cantonale dell’Ocst.

Tutti hanno concordato con il fatto che questa esperienza oltre a segnale l’immaginario collettivo di giovani e meno giovani per i prossimi anni, cambierà anche la struttura dell’economia. Fabio Regazzi, in particolare, ha sottolineato che la crisi economica scatenata dalla pandemia di coronavirus lascerà tracce profonde. Come imprenditore auspica un rafforzamento del partenariato sociale. Auspicio colto anche da Renato Ricciardi che ha affermato che la crisi potrebbe essere l’occasione per migliorare la legislazione sociale e il mercato del lavoro. Dal punto di vista della psichiatra Sonia Cattaneo, è ancora presto per dire cosa accadrà da qui a qualche mese. «È certo che la sofferenza patita dalla popolazione è stata forte», ha affermato. Raffaele De Rosa, pur sottolineando l’impegno di tutti gli enti pubblici (dalla settore sanitario, all’esercito e alla protezione civile), ha ricordato l’incongruenza di un paese tecnologicamente avanzato e patria della farmaceutica di punta come la Svizzera che fa fatica a procacciarsi i vaccini. Interrogativi che vanno posti, ha precisato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved