soldi-in-ticino-e-riciclaggio-il-nunzio-vuole-patteggiare
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
23 min

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
2 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
5 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
15 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
19 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
20 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
20 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
20 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
20 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
07.02.2021 - 18:06

Soldi in Ticino e riciclaggio, il nunzio vuole patteggiare

A una svolta la vicenda giudiziaria che coinvolge l'arcivescovo Ettore Balestrero. Il denaro sarebbe il provento di una maxi contrabbando di carni dall'Argentina

di Salvatore Pizzo

L'arcivescovo Ettore Balestrero, già titolare di importanti incarichi in Vaticano, poi nominato prima Nunzio Apostolico in Colombia e attualmente nella Repubblica del Congo, ha manifestato la disponibilità a patteggiare la pena con la Procura della Repubblica di Genova relativamente all'inchiesta per riciclaggio internazionale ed evasione fiscale che lo vede indagato insieme al fratello Guido, immobiliarista. Le indagini soni frutto anche di operazioni finanziarie avvenute a Lugano, i magistrati genovesi hanno posto come condizione la definitiva confisca da parte dello Stato italiano dei 7 milioni di euro sequestrati durante l'inchiesta all'alto prelato e ai suoi parenti.

Sul patteggiamento dovrà pronunciarsi il Tribunale di Genova. Gli inquirenti hanno ipotizzato un giro di capitali frutto di presunte truffe e rientrati in Italia attraverso una complessa rete di società disseminate con sedi nei Caraibi e il Canton Ticino, si tratterebbe di soldi relativi a un maxi contrabbando di carni dall'Argentina, risalente alla fine degli anni Novanta, che sarebbe stato gestito dal padre del prelato, Gerolamo. In particolare gli investigatori si sono focalizzati su una transazione del 14 settembre 2015, quando Balestrero ha effettuato una donazione da 4 milioni di euro al fratello, operazione che secondo la Guardia di Finanza sarebbe la prova finale. I milioni di euro sarebbero passati attraverso una società con sede alle Isole Vergini Britanniche, da una fiduciaria e da una banca ticinese e rientrati in Italia con lo scudo fiscale.

Il fiduciario luganese 'manina molla'

L'architettura finanziaria sarebbe stata costruita da un broker ticinese soprannominato nelle intercettazioni eseguite dalla procura di Genova "manina molla" (persona che non è indagata dagli inquirenti italiani), il prelato insieme al padre si sarebbe anche recato presso il suo ufficio in Via Nassa a Lugano. I pubblici ministeri ipotizzano che la donazione servisse in realtà a finanziare un'operazione immobiliare la ristrutturazione dei Bagni Lido a Genova. La decisione di patteggiare dei Balestrero non viene da loro ritenuta un'ammissione di colpa ma deriverebbe dalla difficoltà nel reperire la documentazione del caso. E l'arcivescovo, attraverso i suoi legali dice: "La scelta di patteggiare è dovuta a diverse ragioni. Fra queste, forse la più sentita è ridare serenità alla famiglia di mio fratello Guido e alla mia condizione ecclesiastica. Ciò mi ha fatto risparmiare tempo ed energie per la mia missione spirituale e, come sacerdote, sento l'obbligo di volgere la mente e i miei desideri alla mia missione e non al denaro". L'Arcivescovo ha dichiarato all'Ansa: "Si tratta di una vicenda esclusivamente familiare, che riguarda l'attività imprenditoriale di nostro padre negli anni '90 del secolo scorso. All'epoca mi trovavo all'estero in missione, molto lontano dall'Italia. Non ho mai conosciuto gli eventi di quegli anni e sono stato assolutamente estraneo ad essi. Quando ho donato a mio fratello la sua quota, l'ho fatto con atto pubblico e trasparente, convinto di non commettere nulla di illecito. Altrimenti non l'avrei fatto. Io e mio fratello abbiamo scelto di patteggiare, con dolore, perché riteniamo di non avere responsabilità penali, ma credo sia la scelta più confacente per ridare serenità alla famiglia di Guido e alla mia condizione ecclesiastica".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
balestrero riciclaggio ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved