laRegione
giustizia-siamo-sorpresi-e-preoccupati
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

Brissago, 12 anziani positivi alla Casa San Giorgio

Risultano inoltre contagiati dal coronavirus quattro collaboratori. Le visite sono state sospese e gli ospiti sono in isolamento
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, 'dopo le tessere sconto pensiamo a buoni acquisto'

La proposta, con un'interrogazione al Municipio, è stata formulata da quattro consiglieri comunali del Plr
Bellinzonese
9 ore

Mezzi pubblici: Valle di Blenio più connessa a Biasca

In arrivo due cambiamenti di orario, a dicembre e ad aprile, che garantiranno un servizio migliorato. Ma secondo il direttore delle Autolinee ancora non basta
Luganese
12 ore

Lugano, mense per tutti dopo ben 16 anni

La lunga e travagliata gestazione della mozione raccontata da Cristina Zanini Barzaghi che ricorda la richiesta presentata da tutte le donne del Cc
Bellinzonese
15 ore

Eco-belli, per una Bellinzona più pulita

I dettagli del progetto elaborato da un cittadino e ripreso in una mozione dal consigliere Bang. Obiettivo: contrastare l’abbandono di rifiuti
grafici
Ticino
15 ore

Coronavirus, in Ticino 33 ulteriori ricoveri e un morto

Cresce anche il numero di nuove infezioni: tra ieri e oggi se ne sono registrate 404. Stabile il numero di persone in cure intense
Luganese
21 ore

Una testata come scusa della disobbedienza

Un raduno ‘antagonista’ contro le misure di contenimento del Covid diventa un brutto ricordo per una giovane giornalista
Luganese
21 ore

Pvp di Lugano: fluidificazione riuscita solo in parte

Un anno di sperimentazione delle modifiche al traffico. Col Coronavirus di mezzo
Bellinzonese
21 ore

Nuovo Quartiere Officine, ‘manca una vera progettualità’

Bellinzona: dopo il geografo Torricelli, che sollecita una dibattito sul tema, anche il verde Ronnie David critica i contenuti e teme la speculazione edilizia
Luganese
1 gior

Brucia una cucina, evacuata una palazzina

È successo questa sera a Viganello in via Pedemonte. Si registrano danni ma non feriti
Ticino
1 gior

Covid-19, raduno di protesta finta e testate vere

In piazza Molino Nuovo a Lugano una trentina di persone, di gruppi antagonisti, hanno 'detto la loro' contro le misure del governo
Ticino
1 gior

Tre politici nel comitato dell'Acs

L'assemblea elegge il consigliere nazionale Alex Farinelli, la deputata cantonale Sabrina Gendotti e la consigliera comunale Raide Bassi
Ticino
16.10.2020 - 18:170
Aggiornamento : 18.10.2020 - 21:32

'Giustizia, siamo sorpresi e preoccupati'

I pp bocciati dal Consiglio della magistratura e la tempesta a Palazzo di giustizia, parla il presidente dell'Ordine degli avvocati Gianluca Padlina

Nell’acceso dibattito di queste settimane sugli impietosi preavvisi negativi del Consiglio della magistratura (Cdm) alla rielezione di cinque procuratori pubblici, passando dai messaggini inviati via WhatsApp dal presidente del Tribunale penale cantonale al procuratore generale e dalle puntualizzazioni a mezzo stampa di quest’ultimo, mancava una voce importante: quella dell’Oati, l’Ordine ticinese degli avvocati. «Abbiamo appreso con sorpresa e preoccupazione – afferma il presidente Gianluca Padlina – della situazione al Ministero pubblico emersa da indiscrezioni giornalistiche e dello scontro istituzionale venutosi a creare tra il Consiglio della magistratura e la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’», commissione chiamata a formulare le proposte di nomina al plenum del Gran Consiglio alle prese con il rinnovo, mai tormentano come stavolta, delle cariche in Procura. Lo scontro istituzionale cui allude il timoniere dell’Oati è quello innescato dal rifiuto del Cdm di trasmettere gli atti – sui quali si sarebbero basati i suoi pareri – non solo ai cinque pp, ma pure alla ‘Giustizia e diritti’, che come i primi aveva chiesto di accedere alla documentazione. Un diniego che il Consiglio guidato dal giudice d’Appello Werner Walser ha motivato con la separazione dei poteri. «Sulla questione si sono espressi giuristi autorevoli, di cui mi sento di condividere le opinioni», sostiene Padlina. Si riferisce, pur senza citarli, agli avvocati Mario Postizzi, Renzo Galfetti e Filippo Gianoni nonché agli ex procuratori Luciano Giudici e Luca Maghetti, secondo i quali il Cdm dovrebbe mettere a disposizione della commissione del Gran Consiglio quegli atti.

Incalzato questo pomeriggio dalle domande dei giornalisti, al termine della conferenza stampa che anticipa di qualche ora l’assemblea dell’Ordine (in videoconferenza, considerata la situazione sanitaria dovuta al coronavirus), Padlina soppesa le parole sulla bufera abbattutasi sul Palazzo di giustizia. «Nella procedura di elezione dei magistrati, ovvero procuratori pubblici e giudici, l’Ordine degli avvocati non è coinvolto, non è parte in causa – rammenta il presidente dell’Oati –. Il nostro auspicio, tuttavia, è che in questo specifico caso gli organi istituzionali interessati trovino le soluzioni adeguate affinché gli uffici giudiziari possano tornare a svolgere la loro attività con la necessaria serenità». Detto questo, prosegue Padlina, «bisognerà comunque interrogarsi sul o sui perché di questa situazione» innescata dai cinque preavvisi negativi. Una situazione difficile, delicata, ancora tutta da chiarire. Uno dei motivi, per l’avvocato momò, sarebbe, per quanto riguarda appunto l’autorità inquirente, «il sovraccarico di lavoro» del Ministero pubblico ticinese. Di qui la necessità di un potenziamento. «Alla luce del confronto intercantonale tra numero di incarti aperti annualmente, quello dei magistrati e popolazione, per noi l’ideale sarebbero quattro o cinque procuratori in più (oggi i magistrati inquirenti sono ventuno, pg compreso, ndr)», rileva Padlina, ricordando che l’Ordine degli avvocati ha chiesto alla commissione parlamentare di essere sentito.

'Digitalizzazione, Justitia 4.0 da accelerare’

Nell’incontro con i media il presidente dell’Oati – accompagnato dagli avvocati Sarah Stadler, vice e Andrea Lenzin, anch’egli membro del Consiglio dell’Ordine – accenna pure ai mesi di lockdown. «Con il diritto d’urgenza i governi si sono visti attribuire una serie di competenze che in tempi ‘normali’ non hanno: per contenere il più possibile la diffusione del virus, sono state prese decisioni anche difficili, controverse, poiché andavano a limitare le libertà – evidenzia Padlina –. È allora giusto chiedersi se le basi legali attuali siano adeguate». Il futuro: tra le «sfide» c’è «la digitalizzazione delle procedure» giudiziarie e amministrative. «Ci auguriamo che il progetto federale denominato Justitia 4.0 proceda speditamente: occorre un’accelerazione».

© Regiopress, All rights reserved