ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
3 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
4 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
7 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
11 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
11 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
11 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
20 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
21 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
21 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
21 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
22 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
16.10.2020 - 18:17
Aggiornamento: 18.10.2020 - 21:32

'Giustizia, siamo sorpresi e preoccupati'

I pp bocciati dal Consiglio della magistratura e la tempesta a Palazzo di giustizia, parla il presidente dell'Ordine degli avvocati Gianluca Padlina

giustizia-siamo-sorpresi-e-preoccupati

Nell’acceso dibattito di queste settimane sugli impietosi preavvisi negativi del Consiglio della magistratura (Cdm) alla rielezione di cinque procuratori pubblici, passando dai messaggini inviati via WhatsApp dal presidente del Tribunale penale cantonale al procuratore generale e dalle puntualizzazioni a mezzo stampa di quest’ultimo, mancava una voce importante: quella dell’Oati, l’Ordine ticinese degli avvocati. «Abbiamo appreso con sorpresa e preoccupazione – afferma il presidente Gianluca Padlina – della situazione al Ministero pubblico emersa da indiscrezioni giornalistiche e dello scontro istituzionale venutosi a creare tra il Consiglio della magistratura e la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’», commissione chiamata a formulare le proposte di nomina al plenum del Gran Consiglio alle prese con il rinnovo, mai tormentano come stavolta, delle cariche in Procura. Lo scontro istituzionale cui allude il timoniere dell’Oati è quello innescato dal rifiuto del Cdm di trasmettere gli atti – sui quali si sarebbero basati i suoi pareri – non solo ai cinque pp, ma pure alla ‘Giustizia e diritti’, che come i primi aveva chiesto di accedere alla documentazione. Un diniego che il Consiglio guidato dal giudice d’Appello Werner Walser ha motivato con la separazione dei poteri. «Sulla questione si sono espressi giuristi autorevoli, di cui mi sento di condividere le opinioni», sostiene Padlina. Si riferisce, pur senza citarli, agli avvocati Mario Postizzi, Renzo Galfetti e Filippo Gianoni nonché agli ex procuratori Luciano Giudici e Luca Maghetti, secondo i quali il Cdm dovrebbe mettere a disposizione della commissione del Gran Consiglio quegli atti.

Incalzato questo pomeriggio dalle domande dei giornalisti, al termine della conferenza stampa che anticipa di qualche ora l’assemblea dell’Ordine (in videoconferenza, considerata la situazione sanitaria dovuta al coronavirus), Padlina soppesa le parole sulla bufera abbattutasi sul Palazzo di giustizia. «Nella procedura di elezione dei magistrati, ovvero procuratori pubblici e giudici, l’Ordine degli avvocati non è coinvolto, non è parte in causa – rammenta il presidente dell’Oati –. Il nostro auspicio, tuttavia, è che in questo specifico caso gli organi istituzionali interessati trovino le soluzioni adeguate affinché gli uffici giudiziari possano tornare a svolgere la loro attività con la necessaria serenità». Detto questo, prosegue Padlina, «bisognerà comunque interrogarsi sul o sui perché di questa situazione» innescata dai cinque preavvisi negativi. Una situazione difficile, delicata, ancora tutta da chiarire. Uno dei motivi, per l’avvocato momò, sarebbe, per quanto riguarda appunto l’autorità inquirente, «il sovraccarico di lavoro» del Ministero pubblico ticinese. Di qui la necessità di un potenziamento. «Alla luce del confronto intercantonale tra numero di incarti aperti annualmente, quello dei magistrati e popolazione, per noi l’ideale sarebbero quattro o cinque procuratori in più (oggi i magistrati inquirenti sono ventuno, pg compreso, ndr)», rileva Padlina, ricordando che l’Ordine degli avvocati ha chiesto alla commissione parlamentare di essere sentito.

'Digitalizzazione, Justitia 4.0 da accelerare’

Nell’incontro con i media il presidente dell’Oati – accompagnato dagli avvocati Sarah Stadler, vice e Andrea Lenzin, anch’egli membro del Consiglio dell’Ordine – accenna pure ai mesi di lockdown. «Con il diritto d’urgenza i governi si sono visti attribuire una serie di competenze che in tempi ‘normali’ non hanno: per contenere il più possibile la diffusione del virus, sono state prese decisioni anche difficili, controverse, poiché andavano a limitare le libertà – evidenzia Padlina –. È allora giusto chiedersi se le basi legali attuali siano adeguate». Il futuro: tra le «sfide» c’è «la digitalizzazione delle procedure» giudiziarie e amministrative. «Ci auguriamo che il progetto federale denominato Justitia 4.0 proceda speditamente: occorre un’accelerazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved