laRegione
Nuovo abbonamento
vendita-serale-alcol-se-salta-il-divieto-non-ci-opponiamo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Balerna introduce regole di mobilità aziendale

Pronto il Regolamento che, dal 2021, porterà posteggi a pagamento per i dipendenti e alla concessione di incentivi per la mobilità sostenibile
Ticino
6 ore

Più di 30mila firme contro l'eutanasia degli animali sani

La maggior parte sono state raccolte sulla piattaforma internet change.org. La petizione è stata consegnata al presidente del Gran Consiglio
Bellinzonese
6 ore

Liquami nel fiume in Alta Valle di Blenio

La situazione è stata segnalata al Dipartimento del territorio e al Comune. Si tratta di uno scarico proveniente da un alpe
Locarnese
6 ore

Un caso positivo alle Medie di Losone, classe in quarantena

Dopo aver informato la direzione dell’istituto, l’Ufficio del medico cantonale ha già provveduto a notificare alle famiglie via Sms
Bellinzonese
6 ore

Patriziato di Bellinzona in assemblea

Tra i temi all'ordine del giorno, verrà anche presentato il progetto di restauro della Chiesa Madonna della Neve
Luganese
6 ore

Clima, i Comuni che possono fare? Se ne parla a Lugano

Se ne discuterà in un pomeriggio informativo che si terrà il 7 ottobre al Palazzo dei congressi. Prenotazione entro il 30 settembre
Luganese
6 ore

Manno, EspaceSuisse in assemblea

Il gruppo regionale si riunirà sabato 1 ottobre nella sala Aragonite e voterà il sostituto di Giancarlo Re alla guida dell'associazione dal 2004
Bellinzonese
7 ore

A S. Antonino premiato il podista Gaetano Genovese

Scopre la passione per la corsa alla soglia dei 50 anni e da lì nessuno lo ferma più. Il Comune gli ha dato un riconoscimento al merito
Luganese
7 ore

Muzzano, Ubs mette in campo 150 volontari

Al quarto anno l'iniziativa dei dipendenti per salvaguardare il natura e paesaggio. Interventi di pulizia anche al Monte Verità
Luganese
7 ore

Cambio al vertice al Soroptimist di Lugano

Nuova timoniera del club è Elena Bittante, che subentra a Catherine Gasser-Clément
Bellinzonese
7 ore

Educare con empatia, tre incontri a Bellinzona

Gli appuntamenti gratuiti affronteranno alcuni aspetti delle relazioni con i figli, dei conflitti e della gestione delle emozioni
Bellinzonese
7 ore

A Villa dei Cedri si pianta un nuovo melo

L'evento viene organizzato domenica in collaborazione con la Società ticinese di scienze naturali
Ticino
16.09.2020 - 21:370

'Vendita serale alcol, se salta il divieto non ci opponiamo'

Il Consiglio di Stato sull'iniziativa Censi/Käppeli: non faremo un messaggio, prenderemo atto di qualsiasi decisione che il parlamento adotterà

Sulla proposta avanzata dal leghista Andrea Censi e dal liberale radicale Fabio Käppeli di abrogare le restrizioni riguardanti lo smercio serale di alcolici in Ticino, il governo rinuncia a elaborare un messaggio: prenderà quindi atto “della decisione che adotterà il Legislativo”. Lo ha scritto nei giorni scorsi al Gran Consiglio, e meglio alla commissione ’Economia e lavoro’, dove è pendente l’iniziativa con cui i due deputati chiedono di cancellare il divieto della vendita di bevande alcoliche nei negozi, compresi quelli annessi alle stazioni di servizio, dopo una certa ora. Ovvero: dopo le 19 dal lunedì al venerdì - le 21 il giovedì e le 18.30 il sabato - e dopo le 18 la domenica e nei giorni festivi. Le limitazioni orarie sono state introdotte dalla nuova Legge cantonale sull’apertura dei negozi, entrata in vigore il 1. gennaio di quest’anno. E sono state impugnate anche da un commerciante con un ricorso al Tribunale federale.

'Disposizioni in controtendenza'

Nella comunicazione al parlamento il Consiglio di Stato ripercorre pure l’iter del divieto in questione. Era stato inserito nel progetto di legge sui negozi “a seguito di una proposta del gruppo di lavoro ’Giovani, violenza, educazione’ ". Secondo quest’ultimo, ricorda ancora l’Esecutivo, “il divieto di acquistare bevande alcoliche a costo contenuto a serata inoltrata avrebbe limitato il fenomeno dell’abuso di alcol da parte dei giovani e di conseguenza diminuito il verificarsi di episodi di violenza”. Una misura che all’epoca (2011) il governo “aveva salutato favorevolmente”. Nel gennaio 2020 l’entrata in vigore della normativa sull’apertura dei negozi. E dunque anche delle disposizioni sullo smercio serale di alcolici. “Va pur rilevato - osserva tuttavia ora il Consiglio di Stato - che esse paiono oggi in controtendenza con la decisione a livello federale di levare il divieto di vendita di bevande alcoliche nelle aree di servizio delle strade nazionali, nonché con la possibilità di vendere alcolici nei negozi o chioschi ubicati nelle stazioni Ffs in applicazione dell’articolo 39 capoverso 3 della Legge federale sulle ferrovie, il quale dispone che per i negozi ubicati nel sedime Ffs non sono applicabili le leggi cantonali sugli orari di apertura dei negozi”. «Se il Gran Consiglio deciderà di abrogare gli articoli della legge concernenti il divieto di vendere alcolici dopo una data ora, come governo non ci opporremo», commenta, interpellato dalla ’Regione’, il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta.

'La prevenzione la si fa diversamente'

La ’Economia e lavoro’ ha incaricato Alessandro Speziali (Plr) di esaminare la richiesta di Censi e Käppeli. Che, dice Speziali da noi contattato, «tocca sensibilità diverse e con ogni probabilità sentiremo anche alcune persone che facevano parte del gruppo ’Giovani, violenza, educazione’». Continua il parlamentare: «Personalmente sono favorevole all’eliminazione di queste restrizioni serali nella vendita di bevande alcoliche». Il o i motivi? «Ritengo che siano superate dai tempi e assai poco capite, come abbiamo sentito e letto, dalla popolazione. Parliamoci chiaro: misure del genere sono facilmente aggirabili, chi vuole acquistare alcolici si reca in negozio prima dell’ora in cui scatta il divieto di vendita. Addio prevenzione. Per contro se si ha bisogno di una bottiglia di vino o della birra perché a cena si mangia pizza con un gruppo di amici, ma per una serie di motivi non è stato possibile andare in negozio in tempo utile, si viene penalizzati. E così anche i commerci». Per Speziali «è preferibile rimuovere qualche divieto e concentrarsi sulla prevenzione investendo maggiormente in campagne di sensibilizzazione, soprattutto nelle scuole». Dal governo, osserva, «mi pare sia giunto un segnale di apertura, di apertura dal mio punto di vista». Speziali pone poi l’accento su un altro aspetto: «Queste restrizioni nella vendita serale colpiscono anche artigiani ticinesi che producono birra e produttori di vino, spesso nostrani, che generano un commercio virtuoso. Date le difficoltà economiche dovute alla pandemia, tali limitazioni sono, oltre che inutili, davvero poco opportune». 

© Regiopress, All rights reserved