laRegione
Nuovo abbonamento
esercizi-pubblici-rilevate-infrazioni-puntuali
Dopo il periodo buio, bar e ristoranti in ripresa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

'Il Consiglio della magistratura non giochi a nascondino'

L'avvocato ed ex pp Luca Maghetti: i preavvisi non sono una decisione, d'accordo, ma il no all'accesso agli atti sì. Ed è inconcepibile in uno stato di diritto
Luganese
4 ore

Bedano, maxiprogetto e presunta truffa: 'Brama di denaro'

Il procuratore pubblico ha chiesto venti mesi di pena per il 44enne accusato di amministrazione infedele. La difesa chiede l'assoluzione.
Ticino
4 ore

Ghisletta: 'Direttive interne che limitano il telelavoro?'

Stando al deputato socialista vi sarebbero Divisioni, Sezioni e Uffici cantonali che rendono difficoltoso l'accesso al lavoro a distanza ai loro dipendenti
Ticino
5 ore

In carcere per presunti abusi su diverse dipendenti

Le manette sono scattate ai polsi del responsabile di due stazioni di servizio del Sottoceneri. Si indaga anche su un presunto tentato stupro
Mendrisiotto
6 ore

Direttive anticipate, se ne parla a Mendrisio

Senectute organizza un incontro che si terrà il prossimo 22 ottobre
Ticino
6 ore

'Sentiremo comunque i cinque pp, vogliamo fare chiarezza'

Così il presidente della commissione parlamentare 'Giustizia e diritti' dopo il no del Consiglio della magistratura all'accesso agli atti
Mendrisiotto
6 ore

Lavori in notturna a Mendrisio

Sarà interessata via Motta, dove è previsto l'allacciamento alle sottostrutture. Il cantiere è in programma lunedì e martedì prossimi
Mendrisiotto
6 ore

'IspiraTi'; per scoprire la formazione professionale

Tre giornate, rivolte soprattutto ai ragazzi di terza e quarta media, per conoscere il proprio percorso professionale
Locarnese
7 ore

Riazzino, 'Orizzonti filosofici' riparte

Dopo la pausa legata alla pandemia l'attività culturale riprende martedì con 'Aristotele e noi'
Ticino
7 ore

Presidenza Plr, è corsa tra Ferrara, Martinenghi e Speziali

Ufficializzati i candidati alla successione di Caprara. Il coordinatore della 'cerca' Farinelli: 'Tre profili diversi tra loro, volevamo dare scelta al congresso'
Bellinzonese
7 ore

Ffs, 'più lavoro a Castione a causa della manutenzione carente?'

Il consigliere nazionale Bruno Storni chiede lumi al Consiglio federale sul futuro stabilimento industriale
Gallery
Locarnese
7 ore

Minusio, vandali con la bomboletta spray all'opera

Imbrattate diverse strutture pubbliche, danni per migliaia di franchi, parte la denuncia. E l'autortà chiede la collaborazione dei cittadini
Bellinzonese
7 ore

Lo sfogo dell'imputata: 'Vi prego, credetemi, sono innocente'

Terminato il dibattimento in appello, la 41enne russa ha ribadito di non essere un'assassina. La sentenza verrà pronunciata settimana prossima
Mendrisiotto
7 ore

Finissage allo Spazio Lampo a Chiasso

Ultimi giorni per visitare la mostra personale dell'artista Erik Saglia 'Una tranquilla Apocalisse'
Luganese
8 ore

Dal Venezuela a Lugano corrono accuse di corruzione e riciclaggio

L'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari ha avviato un'indagine nei confronti della Credinvest di Lugano, fra cui figura fra gli azionisti Alejandro Betancourt.
Ticino
8 ore

Negato l'accesso agli atti ai 5 procuratori 'bocciati'

La decisione sarebbe motivata con il fatto che il Consiglio della magistratura ha di fatto emesso un preavviso e non un giudizio definitivo
Ticino
16.09.2020 - 06:000

Esercizi pubblici, rilevate ‘infrazioni puntuali’

Stando alla polizia, sono state infrante alcune disposizioni in ambito Covid-19, ma non solo. Massimo Suter (GastroTicino): poche irregolarità, non gravi

Alcune “infrazioni puntuali” sono emerse in seguito ai controlli effettuati dalla polizia negli esercizi pubblici negli ultimi mesi. Il capitano Elia Arrigoni, ufficiale responsabile dei Servizi generali della polizia cantonale, precisa a ‘laRegione’ che le irregolarità sono state rilevate nell’ambito di “controlli mirati, sia nel contesto delle disposizioni legate al Covid-19 sia in relazione alle normative in ambito di ristorazione ed esercizi alberghieri”. Da parte sua Massimo Suter, presidente di GastroTicino, conferma che «poche infrazioni, in rapporto al numero di controlli», sono effettivamente state rilevate. Tuttavia, «non si è trattato di irregolarità gravi» e «in generale sta andando tutto bene».

Bar, ristoranti, locali notturni, così come altri settori dell’economia, non si scorderanno in fretta di questo 2020: anche se, al momento, la situazione sembra in via di miglioramento, hanno dovuto affrontare uno dei periodi più difficili della loro storia. Un periodo negativo che ha raggiunto il suo punto più basso durante i mesi di lockdown, quando gli esercizi pubblici (ma non solo) sono stati obbligati dalle autorità a restare chiusi. Le attività sono poi lentamente riprese, ma solo a determinate condizioni: mascherine obbligatorie per il personale e il limite di 100 persone per serate per i locali nei quali si consuma in piedi, sono alcuni esempi delle restrizioni che sono ancora in vigore per limitare la diffusione del coronavirus e quindi un’altro lockdown.

Irregolarità ‘relative all'aumento dei posti a sedere’

Quando si pongono delle limitazioni bisogna poi anche verificare che vengano rispettate, un compito affidato alla polizia: “L’ambito degli esercizi pubblici è stato uno dei molti settori dell’economia che, a causa dell’emergenza legata al Covid-19, è stato oggetto di puntuali e particolari controlli e questo già prima dell’introduzione della regola dei 100 posti massimi a serata”, sottolinea Arrigoni. “In tutto il periodo i controlli mirati si sono concentrati su aspetti specifici, in particolare il rispetto dei piani di protezione e le disposizioni particolari”. Ma non solo: “Ovviamente nel medesimo contesto, qualora fossero state rilevate altre violazioni a norme di legge, anch’esse sarebbero state verificate”, precisa il capitano. Insomma, oltre agli accertamenti svolti in merito alle disposizioni legate all’emergenza sanitaria, “il Servizio autorizzazioni, commercio e giochi ha continuato a svolgere i controlli di sua competenza, ciò ovviamente in un’ottica di prevenzione e indirizzandoli, per quanto possibile, verso esercizi pubblici non controllati recentemente”. In questo contesto la polizia ha così rilevato “infrazioni puntuali”, le cui sanzioni vanno da una “multa fino a 10’000 franchi” a “provvedimenti di carattere amministrativo” che “nel rispetto della proporzionalità” possono portare “fino alla chiusura del locale”. Concretamente, “al di fuori dell’ambito Covid-19 sono state riscontrate delle infrazioni relative all’aumento del numero di posti a sedere, senza la relativa autorizzazione cantonale”. Non sono invece state rilevate irregolarità “legate alla capienza massima, inteso come una presenza di avventori superiore al limite consentito”, precisa la polizia.

‘Agevolare la possibilità di avere maggiori spazi all’esterno’

Per Suter si tratta tuttavia di casi isolati e, a sua conoscenza, «non si è trattato di infrazioni gravi». Insomma, secondo il presidente di GastroTicino, in generale gli esercenti si stanno comportando bene. E negli ultimi tempi sembrerebbe che pure i clienti sono tornati, anche in massa, nei bar e nei ristoranti: gli esercizi pubblici che traggono beneficio dal turismo «e che hanno a disposizione spazio all’aperto, hanno lavorato molto bene, in particolare in luglio e agosto. E continuano a farlo anche adesso». Sono invece sempre in difficoltà le attività della ristorazioni «legate al business», come ad esempio i servizi di catering per i congressi. Anche durante l’orario di pranzo non è ancora tornato tutto come prima: «Da un lato perché molte persone lavorano ancora da casa e dall’altro perché diverse aziende sconsigliano la visita al ristorante sul mezzogiorno».

A ciò va poi aggiunto che pure bar e ristoranti che non hanno a disposizione terrazze o tavoli all’esterno stanno vivendo una situazione complicata: sembrerebbe infatti che «all’esterno vi sia una maggiore percezione di sicurezza indiretta», spiega Suter, preoccupato per l’arrivo della stagione fredda. «Abbiamo fatto presente questo aspetto ai Comuni e al Cantone, sperando che concedano maggiori spazi all’aperto anche in inverno». Il presidente di GastroTicino auspica pure che si possa «semplificare un po’ l’iter per ottenere il permesso per posizionare all’esterno ‘funghi riscaldanti’ o degli infrarossi». E questo perché se i clienti dovessero tornare a consumare esclusivamente all’interno dei locali, si riproporrebbe «il problema dei pochi spazi a disposizione e delle limitazioni. E ciò significherebbe, ad esempio, poter mettere a disposizione dei clienti meno tavoli». Riassumendo, visto che «ipotizziamo che la gente voglia stare di fuori il più a lungo possibile, intendiamo rendere sensibili gli enti pubblici e i politici su questo aspetto».

© Regiopress, All rights reserved