laRegione
Nuovo abbonamento
tassa-di-collegamento-parte-il-conto-alla-rovescia
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

'Il Consiglio della magistratura non giochi a nascondino'

L'avvocato ed ex pp Luca Maghetti: i preavvisi non sono una decisione, d'accordo, ma il no all'accesso agli atti sì. Ed è inconcepibile in uno stato di diritto
Luganese
3 ore

Bedano, maxiprogetto e presunta truffa: 'Brama di denaro'

Il procuratore pubblico ha chiesto venti mesi di pena per il 44enne accusato di amministrazione infedele. La difesa chiede l'assoluzione.
Ticino
4 ore

Ghisletta: 'Direttive interne che limitano il telelavoro?'

Stando al deputato socialista vi sarebbero Divisioni, Sezioni e Uffici cantonali che rendono difficoltoso l'accesso al lavoro a distanza ai loro dipendenti
Ticino
5 ore

In carcere per presunti abusi su diverse dipendenti

Le manette sono scattate ai polsi del responsabile di due stazioni di servizio del Sottoceneri. Si indaga anche su un presunto tentato stupro
Mendrisiotto
5 ore

Direttive anticipate, se ne parla a Mendrisio

Senectute organizza un incontro che si terrà il prossimo 22 ottobre
Ticino
6 ore

'Sentiremo comunque i cinque pp, vogliamo fare chiarezza'

Così il presidente della commissione parlamentare 'Giustizia e diritti' dopo il no del Consiglio della magistratura all'accesso agli atti
Mendrisiotto
6 ore

Lavori in notturna a Mendrisio

Sarà interessata via Motta, dove è previsto l'allacciamento alle sottostrutture. Il cantiere è in programma lunedì e martedì prossimi
Mendrisiotto
6 ore

'IspiraTi'; per scoprire la formazione professionale

Tre giornate, rivolte soprattutto ai ragazzi di terza e quarta media, per conoscere il proprio percorso professionale
Locarnese
6 ore

Riazzino, 'Orizzonti filosofici' riparte

Dopo la pausa legata alla pandemia l'attività culturale riprende martedì con 'Aristotele e noi'
Ticino
6 ore

Presidenza Plr, è corsa tra Ferrara, Martinenghi e Speziali

Ufficializzati i candidati alla successione di Caprara. Il coordinatore della 'cerca' Farinelli: 'Tre profili diversi tra loro, volevamo dare scelta al congresso'
Bellinzonese
6 ore

Ffs, 'più lavoro a Castione a causa della manutenzione carente?'

Il consigliere nazionale Bruno Storni chiede lumi al Consiglio federale sul futuro stabilimento industriale
Gallery
Locarnese
6 ore

Minusio, vandali con la bomboletta spray all'opera

Imbrattate diverse strutture pubbliche, danni per migliaia di franchi, parte la denuncia. E l'autortà chiede la collaborazione dei cittadini
Bellinzonese
6 ore

Lo sfogo dell'imputata: 'Vi prego, credetemi, sono innocente'

Terminato il dibattimento in appello, la 41enne russa ha ribadito di non essere un'assassina. La sentenza verrà pronunciata settimana prossima
Mendrisiotto
7 ore

Finissage allo Spazio Lampo a Chiasso

Ultimi giorni per visitare la mostra personale dell'artista Erik Saglia 'Una tranquilla Apocalisse'
Luganese
7 ore

Dal Venezuela a Lugano corrono accuse di corruzione e riciclaggio

L'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari ha avviato un'indagine nei confronti della Credinvest di Lugano, fra cui figura fra gli azionisti Alejandro Betancourt.
Ticino
7 ore

Negato l'accesso agli atti ai 5 procuratori 'bocciati'

La decisione sarebbe motivata con il fatto che il Consiglio della magistratura ha di fatto emesso un preavviso e non un giudizio definitivo
Luganese
7 ore

Dal maxiprogetto di Bedano al processo a Lugano: l'identikit

Che cosa prevedeva il mega centro polisportivo che avrebbe dovuto sorgere a Bedano, del quale l'imputato era uno dei principali promotori?
Luganese
8 ore

Lugano fra defibrillatori e risorse umane

Aperto un concorso quale responsabile del personale della Città e posati quattro salvavita nei quartieri di Gandria, Pazzallo, Ruvigliana e Centro.
Luganese
8 ore

Giocatori in erba fra cavalli, re e torri

Il torneo di scacchi è stato vinto da David Milutinovic di Lugano. Premi sono andati anche ad alunni di scuola elementare e d'asilo.
Luganese
8 ore

Sergio Vecchi, primo cittadino di Cadempino

Il Consiglio comunale ha anche approvato i consuntivi 2019 che hanno chiuso con un disavanzo di circa 10 milioni di franchi
Locarnese
8 ore

Centovallina, coincidenze a rischio

A causa di lavori lungo la linea, sono possibili ritardi dei treni locali e internazionali
gallery
Luganese
8 ore

Il senso di responsabilità dei diciottenni luganesi

Il Covid non ha annullato l'appuntamento che il Municipio di Lugano riserva per i giovani che arrivano alla maggiore età.
Ticino
14.08.2020 - 05:500

Tassa di collegamento, parte il conto alla rovescia

Il governo si appresta a decidere il futuro del balzello, alla luce pure dei paletti del Tf. C’è chi chiede l'abrogazione, chi il congelamento, chi la sostiene

"È confermato l’intento di non procedere alla riscossione retroattiva della tassa di collegamento. L’entrata in vigore della stessa, e conseguentemente l’inizio del periodo di prova triennale cui è soggetta, saranno stabiliti subordinatamente alla ricezione delle motivazioni delle sentenze del Tribunale federale, al superamento dell’urgenze dettata dalla pandemia Covid-19, alla ripresa delle attività economiche e all’adeguata informazione dei contribuenti. Per queste ragioni, la riscossione della tassa non è prevista prima del 2022”. Così in data 8 luglio il Consiglio di Stato scriveva alla Gestione che lo aveva interpellato su una serie di temi ritenuti dalla commissione parlamentare "prioritari" e "legati" all’emergenza Coronavirus. Una quindicina di giorni dopo, i giudici dell’Alta corte hanno intimato le motivazioni dei verdetti con cui in marzo avevano bocciato i ricorsi contro il balzello sui posteggi. Motivazioni con le quali Mon Repos fissa tuttavia diversi paletti. Settimana prossima il Consiglio di Stato dovrebbe decidere definitivamente e formalmente il futuro della tassa, rispondendo quindi anche ad atti parlamentari inoltrati a seguito delle sentenze. Con Matteo Quadranti e Paolo Ortelli, il Plr, per esempio, chiede che le autorità cantonali confermino “la rinuncia ad esercitare il diritto di incasso retroattivo” e che decidano “una moratoria per la sua entrata in vigore sino almeno al 1° gennaio 2025 alla luce di eventuali nuove esigenze di mobilità post Covid-19". Il Ppd con una mozione firmata da Maurizio Agustoni e Fiorenzo Dadò sollecita il congelamento dell’applicazione della tassa, invitando il governo a “valutare se essa possa ancora essere considerata uno strumento utile e appropriato, ritenuto che il finanziamento del trasporto pubblico non è comunque in alcun modo in discussione”. L’Udc, con un’iniziativa parlamentare di Sergio Morisoli, chiede tout court di abolire la tassa di collegamento. «Con un’economia che sta soffrendo a causa del coronavirus e un futuro carico di incertezze per le conseguenze della pandemia, sarebbe saggio rinunciarvi», rilancia il presidente democentrista, consigliere nazionale e sindaco di Monteggio Piero Marchesi -. Il Dipartimento del territorio sta già promuovendo interessanti progetti di mobilità aziendale: vada avanti in questa direzione, sollecitando la collaborazione di comuni e ditte».

Padlina: 'Inefficacia già dimostrata'

Eppure il balzello è stato approvato da un’ampia maggioranza del Gran Consiglio (dicembre 2015), accolto, seppur di misura, dai cittadini chiamati alle urne nel giugno 2016 e infine avallato nel marzo di quest’anno dai giudici Mon Repos. «I ricorsi sono stati sì respinti ma quella del Tribunale federale non è stata affatto una vera e propria luce verde alla tassa: motivando le sue sentenze, ha infatti evidenziato alcuni grossi problemi legati al tributo», osserva, da noi contattato, l’avvocato Gianluca Padlina, estensore di alcuni dei diciannove ricorsi. «Il principale problema riguarda il limite dei 50 posteggi: secondo il Tf, può generare una disparità di trattamento il fatto che la tassa non venga prelevata a tutti i lavoratori, bensì solo ai dipendenti di aziende che dispongono di più di 50 parcheggi. E non è poco». Il Tribunale federale «ha poi salvato provvisoriamente il tributo, unicamente perché è sottoposto a un periodo di prova al termine del quale dovrà esserne valutata l'efficacia. Mon Repos ha però anche affermato espressamente che se dovesse risultare inefficace, la tassa sarebbe da ritenere inutile e contraria alla Costituzione». A questo punto «è però legittimo chiedersi se l’inefficacia del balzello non sia già stata ampiamente dimostrata, dato che per quattro anni i dipendenti di aziende con più di 50 posteggi hanno dovuto pagare il corrispettivo della tassa di collegamento senza però che questo aggravio finanziario determinasse una riduzione del traffico. È sotto gli occhi di tutti: il volume di traffico sulle nostre strade non si è ridotto. Nonostante la tassa, i dipendenti delle aziende non hanno potuto rinunciare al posto auto, per il semplice fatto che il trasporto pubblico sul percorso casa-lavoro non può essere un’alternativa praticabile per tutti. Il balzello non ha pertanto prodotto gli effetti sperati». Padlina auspica allora che la politica «si interroghi seriamente sull’opportunità di attuare un ulteriore periodo di prova quando dal 2016 al lockdown, anni in cui gli importi sono stati prelevati in attesa dei verdetti del Tf, il traffico non ha subìto contrazioni: preso atto dell’inefficacia della misura, il governo dovrebbe attivare la procedura per abrogare la tassa. Una tassa che stando ai suoi sostenitori avrebbe dovuto essere pagata dai frontalieri, ma che in realtà è stata pagata per oltre due terzi dai ticinesi». Avverte Padlina: «Se alla fine di un nuovo eventuale periodo di prova dovesse confermarsi che la tassa di collegamento non è in grado di determinare alcun effetto sul traffico, potrebbe legittimamente porsi la questione della restituzione degli importi, dato che il tributo sarebbe stato prelevato illegalmente».

Storni: 'Favorisce il trasporto pubblico'

«Dal Consiglio di Stato non ci aspettiamo niente meno che la decisione di introdurre una volta per tutte questa tassa», risponde interpellato dalla ‘Regione’ il consigliere nazionale socialista e vicepresidente dell’Associazione traffico e ambiente (Ata) Bruno Storni. Non c’è più motivo di attendere, spiega: «In fondo è stata votata dal Gran Consiglio, faceva parte del pacchetto di riequilibrio delle finanze cantonali, è stata accettata dal popolo e addirittura confermata dalla recente sentenza del Tribunale federale. E in più, questa tassa favorisce il trasporto pubblico». Tema sul quale Storni picchia forte, «perché mai come in questo momento ci sono state tutte le condizioni per un vero cambio di mentalità. Il Gran Consiglio poche settimane fa ha dato il via libera a oltre 460 milioni di franchi che porteranno a una rivoluzione nel settore, con un netto aumento sia dell’offerta sia della qualità. Pure questa tassa favorirà il cambiamento: non è un balzello fine a se stesso, ma anche un finanziamento di questa nuova offerta». Un altro punto su cui la tassa di collegamento darà una mano e «sul quale occorre lavorare duramente» per Storni è «quello della politica dei posteggi: è inutile tassarli se poi si continua a costruirne altri». Ed è importante, a suo avviso, ricordare come «i centri commerciali oggi hanno un bonus che non è corretto abbiano nei confronti delle attività, dei negozi che si trovano nei centri delle città. Lì dopo pochi minuti si paga già il posteggio, nei centri commerciali no. Questa tassa ha anche il senso e il merito di mettere un po’ più di equilibrio». I giudici di Mon Repos nel motivare il rigetto dei ricorsi contro il balzello hanno fatto un chiaro riferimento alla necessità di raggiungere gli obiettivi prefissati, perché se fosse fondata “solo su considerazioni fiscali sarebbe inammissibile”, questa tassa. Ebbene, per il vicepresidente dell’Ata i due indicatori principali con cui confrontarsi dopo i tre anni del periodo di prova sono «il numero di posteggi, paragonando quanti ne venivano affittati prima e quanti dopo, e soprattutto in dogana osservare il numero di persone per macchina». Concede come sia chiaro che «sarà difficile poter affermare se l’effetto di un eventuale calo di posteggi affittati o un aumento della fluidità del traffico siano solo merito della tassa, ma sarebbero comunque persone che hanno iniziato a usare il trasporto pubblico, dunque un dato positivo in ogni caso».

© Regiopress, All rights reserved