laRegione
Nuovo abbonamento
strutture-turistiche-valutare-se-prolungare-l-apertura
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

Carnevali 2021, l'obiettivo era 'fare chiarezza'

Luca Filippini (gruppo di lavoro ‘Grandi manifestazioni’): 'Così si evitano spese inutili'. I Carnevali principali sono soddisfatti della decisione
Luganese
6 ore

Debiti di Campione, Gobbi: 'Dichiarazioni incoraggianti'

Il presidente del Consiglio di Stato saluta con favore l'immediata disposizione del neosindaco dell'enclave Canesi di saldare gli scoperti con la Svizzera
Bellinzonese
6 ore

Pausa pranzo e scuola dell'infanzia: interpellanza Mps

Le due consigliere comunali di Bellinzona chiedono che il Municipio garantisca 30 minuti sul mezzogiorno a tutti i docenti
Mendrisiotto
7 ore

Atti sessuali con due ragazzine, uomo in manette

Il cittadino svizzero residente nel Mendrisiotto è accusato di aver approfittato di due giovani. È in carcere da febbraio
Ticino
8 ore

Permessi, Gobbi in Gran Consiglio: ‘Ripeto, niente di illegale’

Rispondendo alle interpellanze di Pronzini, Quadranti e Sirica il presidente del governo spiega come semmai la discussione è sull'apprezzamento della legge
Bellinzonese
8 ore

Spettacolo teatrale ad Olivone

Domenica 27 settembre alle 17 'Nonna Cannella e la Luca', di e con Moira Dellatorre
Bellinzonese
8 ore

La pioggia ferma Bellinzona afterwork

I due concerti saranno recuperati domani sera nel weekend conclusivo della manifestazione che ha segnato l'estate delle piazze del centro
Bellinzonese
8 ore

'Il Plr abbia il coraggio di convincere Paglia a dimettersi'

Dura presa di posizione dell'Udc di Bellinzona in merito ai sorpassi di spesa. La sezione chiede inoltre lumi sullo stipendio percepito dal municipale sospeso
Luganese
8 ore

Polizia Malcantone ovest, è polemica

Magliaso replica all'informazione diffusa da Caslano sui 'controlli fantasma': 'Confermiamo tutto sulla base di oggettivi riscontri'.
Mendrisiotto
8 ore

Intercity nel Mendrisiotto, ‘ll Ticino non finisce a Lugano’

Lunedì prossimo a Mendrisio ci sarà una tavola rotonda con deputati momò al Gran Consiglio, vertici delle Ffs, sindaci e Crtm
campione d'italia
9 ore

Perseguita l'ex fidanzata con botte e minacce via social

Per il 40enne, campionese, disposto dall'autorità giudiziaria su indicazione dei Carabinieri il divieto di avvicinamento e contatto alla donna e al nuovo compagno.
Luganese
9 ore

Comano, a passeggio fra le opere di Nag Arnoldi

Domenica 4 ottobre verrà presentata la statua donata al Comune dalla famiglia dell'artista e distribuita la guida con il percorso verso San Bernardo
Ticino
9 ore

Pelli al posto di Pontiggia alla direzione del 'Cdt'

Dal 1° gennaio 2021 l'attuale direttore operativo sostituirà l'uscente Pontiggia, che passerà al beneficio del pre-prensionamento
Locarnese
9 ore

Quando le recinzioni diventano trappole mortali

Il caso della cerva infilzatasi su una ringhiera a Solduno è sul tavolo del Veterinario cantonale, che ricorda le regole adottate a livello federale
Luganese
9 ore

Cademario, tassa sul sacco da ottobre

L'obbligo di utilizzo dei sacchi ufficiali rossi entrerà in vigore il prossimo mese. Sabato serata pubblica sullo stato dell'azienda acqua potabile
Locarnese
9 ore

Locarno, mozione Ps per i giovani in formazione

Nell'atto parlamentare si chiede al Municipio uno studio di fattibilità e di licenziare un credito per l'attuazione del progetto Lift
Ticino
15.08.2020 - 08:000

Strutture turistiche, 'Valutare se prolungare l'apertura'

Angelo Trotta (Att): 'Per alberghi o impianti di risalita sarebbe l'anno giusto per rimanere aperti anche in novembre o riaprire nel periodo natalizio'

È sotto gli occhi di tutti: i turisti in Ticino sono arrivati, riempiendo strade, negozi, bar, ristoranti e naturalmente alberghi. «Per luglio ci aspettiamo i numeri dell’anno scorso e agosto è iniziato molto bene», conferma a ‘laRegione’ Angelo Trotta, direttore dell’Agenzia turistica ticinese (Att). L’attenzione è ora già rivolta al futuro prossimo: se la situazione epidemiologica lo permetterà, «l'idea è quella di mantenere aperte le strutture fino a novembre o farle riaprire per il periodo natalizio», permettendo così ai visitatori di continuare a fare «passeggiate o giri in bicicletta» anche durante la stagione autunnale e invernale.

In generale, per quest’anno il bilancio è ovviamente negativo: tra gennaio e giugno i pernottamenti sono calati del 54%. Ma poteva andare anche peggio visti i numeri registrati a marzo (-60%), aprile (-93%) e maggio (-72%) a causa dell’emergenza coronavirus. I primi segnali di ripresa sono stati registrati a giugno (-32%): «Durante questo mese a livello nazionale il calo dei pernottamenti è stato del 62%. Malgrado tutto, abbiamo quindi ottenuto il risultato migliore in Svizzera», sottolinea Trotta. «Per luglio non vi sono ancora dati ufficiali, ma praticamente tutti gli attrattori affermano che il mese è stato positivo. Ci aspettiamo quindi i numeri dell’anno scorso e magari anche qualcosina in più. Per quanto riguarda agosto, il mese è iniziato bene, ma ora temiamo un calo dovuto alla riapertura delle scuole in diversi cantoni: molte famiglie sono infatti già rientrate a casa».

Svizzeri con un potere d’acquisto maggiore

Ovviamente anche la clientela è cambiata: a visitare il cantone sono stati in «grande maggioranza svizzeri. Sono in particolare arrivati molti più romandi e tantissime famiglie», rileva il direttore dell’Att. «Inoltre, la clientela è parecchio più giovane e si ferma per più tempo». Insomma, nessuna toccata e fuga per un giorno o per il weekend: «La gente è veramente venuta in vacanza in Ticino, scegliendo il nostro cantone come destinazione estiva e balneare». E a beneficiarne è tutto il settore: «Per luglio anche GastroTicino si è detta molto soddisfatta» e a ciò va poi aggiunto che «essendo i visitatori per la maggior parte elvetici hanno anche più potere d’acquisto». È invece «crollato» il numero di turisti stranieri, in particolare quelli cinesi, mediorientali e statunitensi. «Una clientela che per noi era relativamente importante».

Dopo il periodo positivo delle scorse settimane, ora Angelo Trotta sta già pensando ai prossimi mesi: «Speriamo che la clientela che solitamente arriva in autunno (un po’ più benestante e matura) non abbia paura di venire in Ticino». La speranza è ovviamente accompagnata da una chiara strategia: «Lanceremo una terza ondata pubblicitaria che coprirà tutta la Svizzera e, per la prima volta quest’anno, anche il sud della Germania per mantenere i flussi turistici fino a ottobre». L’intenzione, non nuova, è poi quella di «destagionalizzare» l’offerta: «Con un sondaggio abbiamo chiesto a tutti gli attrattori turistici (ristoratori, albergatori, impianti di risalita, navigazione e così via) se sono disposti a rimanere aperti più a lungo e a quali condizioni. L’idea è quella di mantenere le strutture operative anche in novembre (quando di solito chiude quasi tutto) o di eventualmente riaprirle per il periodo natalizio (dal 15 dicembre fino al 10 gennaio)». Anche grazie al clima solitamente non troppo freddo, il Ticino è infatti «una destinazione molto competitiva» pure in inverno. Mesi durante i quali il cantone può essere adatto «per fare, ad esempio, passeggiate o giri in bicicletta». Tutto però dipenderà dalla volontà degli attori in gioco: «Un albergatore è libero di chiudere o rimanere aperto e la stessa cosa vale, ad esempio, per un ristorante o per un impianto di risalita». Tuttavia, «quest’anno sarebbe il momento giusto» per fare questo passo, «anche perché le strutture sono rimaste chiuse per quasi tre mesi e ciò permetterebbe quindi di recuperare, almeno in parte, gli introiti persi». Ovviamente, tutto dipenderà anche dalla situazione epidemiologica: «Se arriverà una seconda ondata, risprofonderemo nel baratro».

‘Fidelizzare la nuova clientela’

Anche per l’estate prossima il direttore dell’Att ha le idee chiare: «Premettendo che dal punto di vista sanitario si torni alla normalità, ricominceremo innanzitutto a cercare di attrarre turisti non svizzeri che solitamente rappresentano circa il 35% della clientela. Il secondo obiettivo è quello di tornare alla normalità nell’ambito del turismo legato ai congressi, seminari o matrimoni che solitamente costituisce il 20% delle presenze. Infine, punteremo ancora di più sul target svizzero, in particolare romando, per cercare di fidelizzare questa clientela, facendola poi tornare anche in futuro. La speranza è che quest’anno si siano trovati bene e siano stati tratti bene». In questo senso i segnali sembrano positivi: «Rispetto al resto della Svizzera siamo relativamente competitivi a livello di prezzi. Inoltre, malgrado le strutture siano rimaste chiuse a lungo e che la domanda è stata molto alta in luglio, mi sembra che in generale tutto il settore si è comportato egregiamente, ad esempio non aumentando i prezzi. E questo è lodevole, soprattutto dopo aver perso parecchi mesi», conclude Trotta.

© Regiopress, All rights reserved