laRegione
Nuovo abbonamento
cliniche-e-ospedali-attendono-ancora-il-lavoro-ridotto
(foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
49 min

La curva resta bassa in Ticino: altri tre casi in 24 ore

Coronavirus: da ieri nessuna persona è stata ospedalizzata. Dall'inizio della pandemia nel cantone i test positivi sono stati 3'463.
Luganese
1 ora

Assalto al portavalori a Molinazzo: due persone arrestate

Identificati gli autori della rapina al furgone del 5 luglio 2019: fermati un 46enne e un 63enne italiani; sotto inchiesta in totale cinque uomini e una donna.
Luganese
4 ore

Ppd di Lugano, quattro candidati per la presidenza

È fissata al 24 settembre l'assemblea che darà una nuova guida al partito, dopo le dimissioni di Angelo Petralli all'inizio della scorsa campagna elettorale
Luganese
4 ore

Lugano, ottimi risultati nei Lidi: chiusura posticipata

Fino a 3’000 presenza nei weekend e circa 27’000 prenotazioni: l’estate local piace. Bagni e tuffi prolungati fino a fine settembre.
Ticino
4 ore

Conti pubblici, il valzer delle priorità dei partiti

Ecco alcune proposte pendenti in Gran Consiglio. Alcune con un forte impatto sulle casse cantonali. Il presidente della Gestione Quadranti: ‘Più concordanza’
Bellinzonese
5 ore

Lupo, escursionisti e maremmani: ‘Il problema è nel manico’

Il segretario agricolo cantonale interviene sull'allarme lanciato da Denis Vanbianchi dopo le molte segnalazioni di persone aggredite da cani pastore
Grigioni
15 ore

Grigioni, disponibili online sei filmati storici sull'alpinismo

I video sono stati realizzati dall'alpinista Emil Meier, deceduto 70 anni fa, e rappresentano l'alpinismo eroico all'inizio del secolo
Mendrisiotto
15 ore

La Micologica Benzoni riapre la sede di Chiasso

L'attività riprenderà come da programma al Palapenz con il controllo dei funghi. Mascherina d'obbligo
Ticino
15 ore

Contratto di locazione, Ticino più attento

Nel nostro cantone, a differenza degli altri, la popolazione esamina spesso più volte il documento prima di firmarlo
Bellinzonese
15 ore

Casa anziani di Sementina: bonus non a tutti i dipendenti

Nuova presa di posizione della sezione Udc di Bellinzona: 'gratifica solo a chi ha fatto tra le 30 e 60 ore di straordinari durante la pandemia'
Luganese
15 ore

Lugano, porte aperte a Casa Andreina

Per tutto il mese di agosto è possibile visitare il centro di via Ricordone, aperto non solo a nonvedenti ma a tutte le persone in Avs
Ticino
10.07.2020 - 16:080

Cliniche e ospedali attendono ancora il lavoro ridotto

L'allarme è stato lanciato dall'Associazione delle cliniche private ticinese. Senza copertura pubblica, si rischiano licenziamenti

Le cliniche e gli ospedali ticinesi saranno costretti a licenziare personale a causa del mancato riconoscimento, a differenza di altri settori, del lavoro ridotto? È quanto si chiede l'Associazione delle cliniche private ticinesi (Acpt) che in un comunicato esterna preoccupazione. Fino ad oggi, infatti, "le autorità preposte all’esame delle domande non è giunta alcune risposta. Si evocano problemi giuridici e intanto non si decide", si legge nella nota firmata dal presidente dell'Acpt Giancarlo Dillena. Sulle oltre 17 mila richieste introdotte dai vari settori economici 16 mila sono già state evase. "Perché si temporeggia sul settore ospedaliero?", ci si chiede. "È un fatto grave, che l’Associazione cliniche private ticinesi deplora, sollecitando una rapida evasione delle pratiche".
Le cliniche - si legge ancora - hanno garantito il pieno supporto al Cantone nella gestione dell'emergenza Covid. Parte del personale, quello necessario, ha lavorato al fronte per la cura dei pazienti, andando a completare i team dei reparti di cura e delle terapie intensive dei due centri Covid in Ticino. Altro personale ha dovuto restare a casa perché la continuazione dell’attività sanitaria, ambulatoriale e stazionaria, non urgente è stata proibita dalla Confederazione.

L'attività è ancora a rilento

Con l’inizio di maggio le limitazioni federali sono venute meno, ma "la ripresa dell’attività in alcuni settori è stata lenta e ancora oggi non eguaglia quella registrata negli anni passati, impedendo quindi la piena occupazione del personale", si fa notare. A essere tuttora chiusi, peraltro senza prospettiva di riapertura nei prossimi mesi, sono poi alcuni dei servizi accessori (es. ristorazione) che le cliniche gestiscono, con conseguente azzeramento del fatturato.

"Le strutture sanitarie private del Cantone non hanno per il momento goduto di alcun aiuto diretto da parte della Confederazione. Nonostante ciò hanno mantenuto i posti di lavoro. Il Cantone ha assicurato che manterrà inalterato il proprio contributo, che nella maggior parte delle strutture private copre poco più di un terzo delle entrate (il che significa che comunque due terzi degli introiti mancheranno comunque all’appello). Un atteggiamento certamente apprezzato dal settore, che spera abbia il seguito promesso", si continua. 

Nessun fondo né dalle casse malati, né dalla Confederazione

Gli assicuratori malattia hanno già fatto sapere - come d’altronde è il caso della Confederazione - che non intendono stanziare fondi per sostenere le perdite di incassi di cliniche e ospedali. "È un atteggiamento deplorevole, che potrebbe avere conseguenze estremamente negative. Le cliniche sono ora molto preoccupate e deluse anche per la dimostrazione di chiusura che è stata data dalle autorità competenti al riconoscimento del lavoro ridotto, diritto garantito di principio a tutti i lavoratori e le lavoratrici. Lo strumento del lavoro ridotto, promosso a gran voce a livello federale, non è fino ad oggi stato riconosciuto alle strutture sanitarie del cantone". "Se non vi sarà a breve un cambiamento su questo aspetto (che tocca anche il settore ospedaliero pubblico) - si sottolinea - le cliniche che fino ad oggi si sono assunte interamente il rischio dei mancati introiti potrebbero loro malgrado dover licenziare il personale in esubero in questo momento, con il rischio di lasciare scoperto il sistema sanitario nel momento di una prossima, verosimile nuova ondata epidemica". "Le strutture stanno facendo tutto il possibile per evitare questo, ma i segnali giunti ancora di recente dalla Sezione del lavoro della Divisione dell’economia non incoraggiano a sperare in una soluzione rapida e positiva della questione. A questo punto un interessamento diretto del Governo sarebbe più che mai auspicabile", si conclude.

© Regiopress, All rights reserved