laRegione
Nuovo abbonamento
escursioni-in-montagna-ma-senza-sopravvalutarsi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Soc e figlio alla decima tappa sulla costa adriatica

Nuovo traguardo per il maratoneta luganese, che immortala sul diario social le emozioni del viaggio verso sud
Luganese
3 ore

Gandria, il piromane avrebbe precedenti

Avrebbe già incendiato un'auto nel Comasco a febbraio. Alle spalle una vita molto difficile, vive in comunità
Locarnese
3 ore

Locarnese, ancora furti di biciclette

Negli ultimi giorni diverse due ruote sono state rubate in città e lungo argini e spiagge, in pieno giorno.
Locarnese
4 ore

Orselina, il Boogie Woogie di Zingg al Parco

Appuntamento mercoledì con il grande pianista svizzero interprete virtuoso del genere in tutto il globo
Bellinzonese
5 ore

Faido, incidente causa 5 feriti leggeri e colonne

Un furgone ha urtato una roulotte, distruggendola. Cinque persone all'ospedale per controlli. Disagi al traffico sull'autostrada in direzione nord.
Mendrisiotto
22 ore

Ufficio tecnico, 'un edificio per i cittadini di Chiasso'

Scelto il progetto, entro fne anno il Municipio chiederà il credito di progettazione e nel 2021 i 4 milioni per la costruzione
foto
Luganese
1 gior

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
1 gior

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
1 gior

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Ticino
06.07.2020 - 18:380

Escursioni in montagna, ma senza sopravvalutarsi

Studio e raccomandazioni dell'Ufficio prevenzione infortuni. Un sito online per testare la propria preparazione

In quota per trovare un po' di refrigerio. Ma attenzione: per camminare in montagna "bisogna avere un passo sicuro, non soffrire di vertigini ed essere in forma: altrimenti si rischia l'infortunio", avverte l'Upi. Da uno studio dell'Ufficio prevenzione infortuni risulta che "troppo spesso le persone che percorrono i sentieri di montagna in Svizzera non soddisfano questi requisiti". Tra i principali motivi per cui gli escursionisti si mettono involontariamente in pericolo figurano, sottolinea l'Upi in una nota, "il fatto di sopravvalutare le proprie capacità e un livello di conoscenze insufficiente".

Il trekking figura tra le attività sportive "più amate" in Svizzera: i sentieri escursionistici del nostro Paese sono battuti dal 57% della popolazione e la tendenza "è in aumento". Purtroppo, scrive l'Upi, aumentano anche gli infortuni gravi: "Ogni anno 40 persone residenti in Svizzera perdono la vita e 4mila si feriscono gravemente durante un'escursione in montagna, il più delle volte a seguito di una caduta". I sentieri di montagna vanno quindi affrontati "con la dovuta cautela" e richiedono "un passo sicuro, l'assenza di vertigini e una buona forma fisica". Molti, afferma l'Ufficio prevenzioni infortuni, "non ne sono consapevoli".  Lo indica un'indagine dell'Upi realizzata, come detto, nell'ambito di un vasto studio pluriennale sui rischi d'infortunio nel trekking, i cui risultati saranno pubblicati a fine autunno 2020.

A circa 4'200 persone che percorrevano un sentiero di montagna è stato chiesto tra l'altro se si sentivano in forma. Il 26% ha risposto di esserlo mediamente o di non esserlo affatto. Inoltre il 18% ha risposto di non avere un passo particolarmente sicuro, pur trovandosi su un sentiero di montagna segnalato in bianco-rosso-bianco. Questi sentieri possono includere tratti esposti con rischio di caduta, un aspetto di cui "oltre un terzo delle persone interpellate non era consapevole".

Di qui le raccomandazioni dell'Upi. Quando si pianifica un'uscita in montagna "occorre assicurarsi che il percorso scelto sia adatto alle capacità del più debole del gruppo". Per questo si devono considerare "diversi aspetti". La rilevazione dell'Upi evidenzia lacune anche sotto questo profilo: l'89% delle persone interrogate aveva consultato il bollettino meteo, ma solo il 71% aveva calcolato il tempo di marcia e solo il 61 era consapevole delle difficoltà del percorso. Di più. Solo la metà degli interpellati conosceva un itinerario alternativo o sapeva come tornare indietro nel caso in cui l'uscita si fosse rivelata troppo difficile o la meteo fosse peggiorata. Altro dato emerso: le persone anziane e gli escursionisti poco esperti avevano pianificato l'escursione in modo meno dettagliato degli intervistati più giovani e con più esperienza.

Campagna 'Il trekking non è una passeggiata'

Sulla base di questi e di altri risultati, la settimana prossima l'Ufficio prevenzione infortuni lancerà una nuova campagna in collaborazione con Sentieri Svizzeri. Sono previste l'affissione di manifesti e l'organizzazione di diverse attività online nonché misure di prevenzione in montagna. Il sito web trekking-sicuro.ch, indica l'Upi, riporta "molte informazioni e un test di autovalutazione che permette di determinare se si dispone della preparazione fisica necessaria per affrontare sentieri di montagna o se, per la propria sicurezza, è meglio scegliere un sentiero escursionistico segnalato in giallo".

© Regiopress, All rights reserved