laRegione
Nuovo abbonamento
apprendistato-la-pandemia-ha-rallentato-il-collocamento
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Soc e figlio alla decima tappa sulla costa adriatica

Nuovo traguardo per il maratoneta luganese, che immortala sul diario social le emozioni del viaggio verso sud
Luganese
3 ore

Gandria, il piromane avrebbe precedenti

Avrebbe già incendiato un'auto nel Comasco a febbraio. Alle spalle una vita molto difficile, vive in comunità
Locarnese
3 ore

Locarnese, ancora furti di biciclette

Negli ultimi giorni diverse due ruote sono state rubate in città e lungo argini e spiagge, in pieno giorno.
Locarnese
4 ore

Orselina, il Boogie Woogie di Zingg al Parco

Appuntamento mercoledì con il grande pianista svizzero interprete virtuoso del genere in tutto il globo
Bellinzonese
4 ore

Faido, incidente causa 5 feriti leggeri e colonne

Un furgone ha urtato una roulotte, distruggendola. Cinque persone all'ospedale per controlli. Disagi al traffico sull'autostrada in direzione nord.
Mendrisiotto
22 ore

Ufficio tecnico, 'un edificio per i cittadini di Chiasso'

Scelto il progetto, entro fne anno il Municipio chiederà il credito di progettazione e nel 2021 i 4 milioni per la costruzione
foto
Luganese
1 gior

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
1 gior

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
1 gior

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
1 gior

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
1 gior

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
1 gior

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
1 gior

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
1 gior

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
1 gior

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Ticino
03.07.2020 - 12:450
Aggiornamento : 15:42

Apprendistato, la pandemia ha rallentato il collocamento

Alla fine di giugno i contratti firmati erano un centinaio in meno rispetto a un anno fa. La campagna è ancora in corso

Non si notano grandi differenze tra quanto hanno scelto i ragazzi alla fine della scuola media l'anno scorso e le scelte di quest'anno. È quanto emerso dai sondaggi condotti negli scorsi mesi e resi pubblici questa mattina durante l'annuale conferenza stampa del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs). Alcune differenze si notano invece per quanto riguarda il futuro professionale degli apprendisti diplomandi alla fine del tirocinio, in scuole professionali a tempo pieno o nella modalità duale scuola-azienda.

Nel corso della conferenza stampa, introdotta dal Consigliere di Stato Manuele Bertoli, direttore del Decs, sono intervenuti Rita Beltrami (capo dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale – Uosp), Oscar Gonzalez (direttore aggiunto della Divisione della formazione professionale – Dfp) e Angela Cattaneo (ricercatrice e collaboratrice dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione - Ufci).  

I due sondaggi, svolti ogni anno nelle ultime settimane prima della chiusura dell’anno scolastico, rilevano i progetti di giovani e famiglie confrontati con due passaggi importanti: alla fine della scuola media e conclusa la formazione professionale di base.  

Sottoscritti 375 contratti di tirocinio

Rita Beltrami, capo dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale (UospP), ha presentato il rilevamento 2020 delle scelte dei 3'285 ragazzi e ragazze in procinto di concludere la quarta media. I dati evidenziano una sostanziale stabilità rispetto agli anni scorsi, con circa il 50% che vorrebbe proseguire con una formazione professionale di base in una scuola professionale a tempo pieno (21.4%) o con un apprendistato in azienda (28.7%); il 44% intende iscriversi al liceo o alla Scuola cantonale di commercio, mentre il 6% rimanente stava riflettendo su soluzioni transitorie o altre scelte. Confermata anche la tendenza che vede le ragazze preferire l'iter degli studi medio-superiori (il 52.7% contro il 36.7% dei ragazzi), con la conseguente differenza sull’apprendistato in azienda indicato come prima scelta solo dal 18.5% delle ragazze contro il 38.2% dei ragazzi. Sul totale dei 942 ragazzi e ragazze che hanno espresso il desiderio di intraprendere un apprendistato in azienda, 375 ha già sottoscritto un contratto, mentre gli altri erano ancora in trattativa (125) o alla ricerca (442).  

Siamo a meno cento rispetto a un anno fa

Ogni anno sono poco più di 3'800 i giovani che iniziano una formazione professionale di base, di cui 1'300 in una scuola professionale a tempo pieno e 2'500 con tirocinio nella forma duale (scuola-azienda). Oscar Gonzalez, aggiunto al direttore della Divisione della formazione professionale, ha precisato che i giovani uscenti dalla scuola media rappresentano circa il 40% di chi inizia una formazione professionale di base; il 60% proviene infatti da altri percorsi o dopo un riorientamento (misure di sostegno alla transizione, altre formazioni, riqualificazioni, ecc.). Ricordando che per il 2020 l’obiettivo è raggiungere 2'500 nuovi contratti di apprendistato in azienda, sono poi stati presentati i dati attuali della campagna di collocamento.  A fine giugno sono stati stipulati 602 nuovi contratti (di cui 375 con giovani provenienti dalla scuola media), inferiori di 115 unità (-16%) rispetto ai 717 nuovi contratti stipulati nello stesso periodo del 2019. In alcuni settori e professioni la domanda di apprendistato supera l’offerta (un esempio significativo è la professione di cuoco), mentre in altri settori le aziende non trovano candidati (vedi la metalcostruzione). La Città dei mestieri della Svizzera italiana (Cdmsi) nella sua veste di luogo d’incontro tra giovani e aziende assume un ruolo cruciale per chi è alla ricerca di un posto di apprendistato. Le allieve e gli allievi che hanno terminato la scuola media, per contro, sono invitati a restare in contatto con gli uffici regionali dell’orientamento scolastico e professionale che, in collaborazione con la Divisione della formazione professionale, offrono un fondamentale sostegno nel percorso di ricerca. In agosto sarà attivato il Gruppo interdipartimentale che aiuterà, grazie a una task force di specialisti,  tutti i giovani residenti ancora alla ricerca di un posto.  

L'effetto pandemia c'è, ma l'ottimismo prevale

Il Covid-19 non sembra aver influito negativamente sulle prospettive di lavoro e sui progetti di formazione terziaria dei giovani apprendisti e apprendiste. I dati principali emersi dall’indagine condotta da Angela Cattaneo, ricercatrice e collaboratrice dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione (Ufci), evidenziano infatti come il 37% degli apprendisti diplomandi abbia già sottoscritto un contratto di lavoro (25% nel 2019); oltre il 70% nella stessa azienda formatrice. Un terzo intende proseguire gli studi iscrivendosi in una Scuola superiore specializzata (Sss) o in una Scuola universitaria professionale (Sup) o anche con un corso “passerella” che permette di accedere alle università svizzere. Diversamente dal 2019, come conseguenza dell’attuale situazione di incertezza legata alla diffusione del Covid-19, è diminuita sensibilmente l’intenzione di seguire corsi di lingue o stage in altri Cantoni o Paesi esteri.

© Regiopress, All rights reserved