laRegione
Nuovo abbonamento
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
8 ore
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
8 ore
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
15 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
18 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
20 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
20 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
20 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
20 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
20 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
20 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
21 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Ticino
01.07.2020 - 06:100
Aggiornamento : 12:14

Tentata strage alla Commercio, iniziato il processo

L’allora 19enne fu trovato con un arsenale in casa: secondo l’accusa voleva usarlo a scuola il giorno degli esami. Si professa innocente. La perizia: scemata imputabilità.

Completo scuro dalla sciancratura elegante, camicia bianca, cravatta con nodo Windsor. Mani curate, capelli imbrillantinati. E un Kalashnikov posato sulla spalla destra. Su Instagram si presentava così lo studente della Scuola cantonale di commercio arrestato due anni fa e accusato di voler fare una strage proprio nel giorno degli esami. Da oggi il suo caso finisce in aula, anche se il clamore della vicenda – insieme alle misure di sicurezza dovute al coronavirus – ha imposto alle Assise criminali di Bellinzona di scegliersi spazi più grandi, per la precisione il Palazzo dei congressi di Lugano. Le accuse: atti preparatori punibili di assassinio plurimo o in subordine di omicidio plurimo (nel caso in cui non sia riscontrata la particolare efferatezza del piano), ripetuta infrazione della legge federale sulle armi, accessori di armi e munizioni. Rischia più di 5 anni di carcere.

All’epoca, le foto sui social e le minacce di morte su Snapchat dell’allora 19enne svizzero – che ora si trova in una clinica psichiatrica romanda – avevano spinto alcuni compagni a segnalare il pericolo agli insegnanti. La direzione della scuola si era rivolta alla polizia cantonale, forte dell’allora neonato Gruppo per la gestione delle persone minacciose e pericolose, due poliziotti coordinati dalla psicologa Marina Lang. Un’osservazione durata meno di 24 ore e poi l’arresto, poco dopo le 10.30 del 10 maggio, in una casa del Bellinzonese nella quale l’imputato viveva con i genitori. Dentro, una ventina di armi: fucili, pistole, quell’AK-47 ‘replica’ semiautomatico, puntatori laser, munizioni. Tutto pronto, a quanto pare, per colpire pochi giorni dopo, il 15 maggio.

L’episodio aveva scosso gli oltre 1.200 allievi e i loro insegnanti della ‘Comme’, dove il ragazzo frequentava il terzo anno. Tanto più che veniva descritto come uno studente eccellente, attivo e disciplinato. Solo negli ultimi tempi sarebbe parso incupito e chiuso in se stesso. Oltre alla foto armato e ai messaggi su Snapchat – un’app i cui testi si cancellano da soli dopo 24 ore dall’invio – condivideva su Twitter post dei gruppi pro-armi americani: in uno si affianca Barack Obama ad Adolf Hitler tra i presunti nemici del secondo emendamento, quello secondo il quale “il diritto dei cittadini di detenere e portare armi non potrà essere infranto”. L’altra sua grande passione pare essere il football americano: è dei mitici Las Vegas Raiders la spilla che si vede nella famosa foto col kalashnikov.

Ma uno che vuole fare una strage, davvero lo annuncia prima alle sue vittime? Oppure il suo era solo “un grido d’aiuto”, come ha ipotizzato un compagno di scuola? “Non volevo compiere una strage”, ha sostenuto fin da subito l’imputato. E se lo stock di armi lascia pensare a una pianificazione a mente fredda, la perizia psichiatrica di fine 2018 parla invece di scemata responsabilità: ad annebbiare la mente del giovane, in particolare, sarebbe stato l’odio verso se stesso. Secondo gli inquirenti, in ogni caso, l’intenzione omicida non riguardava qualcuno in particolare: il rischio era che uccidesse chiunque si fosse trovato a tiro. Oggi si attende un aggiornamento circa il suo stato di salute mentale.

Al giudice presidente Mauro Ermani, ai colleghi Manuel Borla e Aurelio Facchi e agli assessori giurati spetterà anche chiarire come sia stato possibile accumulare un tale arsenale. Ai dubbi formulati in sede politica circa il facile accesso alle armi, il Consiglio di Stato ha sempre risposto che alcune armi non necessitavano di particolari autorizzazioni, che gli acquisti effettuati in Svizzera apparivano regolarmente controllati e che la legge è già “sufficientemente restrittiva”. Resterà da capire se altri acquisti siano stati effettuati illegalmente, e come.

A difendere l’imputato è l’avvocato Luigi Mattei, mentre la pubblica accusa spetta al procuratore Arturo Garzoni, che ha ereditato il faldone dal pensionato Antonio Perugini.

© Regiopress, All rights reserved