laRegione
Nuovo abbonamento
Più tempo per raccogliere le firme (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
8 ore
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
8 ore
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
15 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
18 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
20 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
20 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
20 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
20 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
20 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
20 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
21 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
21 ore
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
21 ore
Sventata strage: pena sospesa, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Locarnese
22 ore
Losone e Accademia Dimitri rilanciano il polo culturale
I due enti tramite un comunicato congiunto spiegano perché il comparto dell'ex Caserma rappresenta la soluzione più adeguata e con grande potenziale
Luganese
22 ore
Lugano spinge l'acceleratore sulla digitalizzazione
Vasto programma di eventi incentrati sulle opportunità dell'online organizzato quest'autunno dalla Città e da vari partner: accademici, scientifici, economici
Ticino
30.06.2020 - 20:210

Diritti popolari nei Comuni, verso un'estensione dei termini

La Commissione costituzione e leggi ha firmato il rapporto di Lara Filippini che raccomanda al parlamento di accogliere l'iniziativa di Piero Marchesi

I partiti o i cittadini potrebbero avere in futuro più tempo per raccogliere le firme necessarie per un referendum o un'iniziativa a livello comunale. Oggi la Commissione costituzione e leggi del Gran Consiglio ha firmato il rapporto unico sull'iniziativa parlamentare elaborata di Piero Marchesi (Udc) che chiede una modifica di legge in tal senso. «I diritti popolari a livello comunali non sono meno importanti di quelli a livello cantonale», dice alla 'Regione' la deputata democentrista Lara Filippini, relatrice del rapporto. Infatti, l'atto parlamentare chiede di portare il termine per la raccolta di sottoscrizione da 45 a 60 giorni per i referendum e da 90 a 100 giorni per le iniziative, come è già il caso a livello cantonale. Spetterà ora al parlamento decidere se accogliere tale proposta, ma essendoci un solo rapporto che ne raccomanda l'adesione, la strada sembrerebbe tutt'altro che in salita.

L'iniziativa di Marchesi è stata depositata circa un anno fa e prendeva spunto dalla decisione popolare del 10 febbraio 2019, con la quale i cittadini ticinesi hanno deciso di estendere il periodo di raccolta delle firme sia per le iniziative, sia per i referendum a livello cantonale. “Per analogia anche i termini relativi al funzionamento della democrazia diretta comunale dovrebbero essere modificati attraverso un adeguamento della Legge organica comunale (Loc)”, si legge nel testo. Attualmente la Loc prevede che un referendum risulta riuscito quando è domandato da “almeno il 15% dei cittadini” (massimo 3'000) e le firme vengono raccolte “entro quarantacinque giorni dalla data di pubblicazione della risoluzione all'albo comunale”. Per quanto riguarda le iniziative, è necessaria la firma di almeno “il 15% dei cittadini” (massimo 3'000) entro “novanta giorni” dal deposito del testo alla cancelleria comunale. Marchesi chiede quindi di portare questi termini rispettivamente a sessanta e cento giorni, senza tuttavia modificare il numero di sottoscrizioni necessarie.

'La maggioranza dei Comuni è favorevole'

«Si tratta di una questione delicata», rileva la relatrice del rapporto commissionale. «Ho quindi svolto un sondaggio tra i Comuni per capire cosa pensassero di questa modifica legislativa. È emerso che la maggioranza (45 su 70 che hanno risposto) si è detta a favore di un tale adeguamento. Sette Comuni si sono poi detti favorevoli a un'estensione del termine solo per le iniziative e non per i referendum, mentre 18 si sono detti contrari a entrambe le varianti». Filippini fa poi notare come ad esempio «Bellinzona, che ha registrato il maggior numero di referendum (sei) in dieci anni, si sia detto favorevole alla modifica, mentre altri Comuni che ne hanno avuto pochi o nessuno si sono detti contrari». 

Ma come si spiega questa reticenza? Nel suo messaggio dell'ottobre scorso sull'iniziativa di Marchesi, il Consiglio di Stato faceva notare al parlamento che “l'allungamento del termine di referendum avrà quale conseguenza il procrastinare le procedure di messa in atto di una nutrita serie di risoluzioni dei Consigli comunali (...). Ad un'agevolazione nell'esercizio dei diritti popolari si contrappone quindi un certo rallentamento nell'iter d'attuazione di svariate decisioni dei Legislativi locali, iter talvolta già percepito come lungo e articolato”. Tuttavia, “non vi sono ragioni tecniche che si oppongono alle modifiche proposte”, ha rilevato il governo, lasciando così al Gran Consiglio “la ponderazione dei contrapposti interessi ed effetti in gioco”.

Una ponderazione che quindi è stata fatta, almeno in commissione. Per i Comuni l'estensione di circa due settimane dei termini «è sopportabile e tollerabile, visto il numero esiguo di referendum riusciti in dieci anni». Filippini è consapevole che con una tale modifica i Comuni possano temere un aumento del rischio di vedersi affossare alle urne «temi a cui tengono moltissimo». A ciò va però aggiunto che in alcuni Comuni non vi è stato alcun referendum: «Dovrebbero quindi essere più che contenti del loro operato». Stando alla relatrice commissionale è inoltre «corretto che il cittadino possa esprimersi» su temi importanti. Ciò sta infatti «alla base della fiducia reciproca tra il cittadino e le istituzioni, alla base della democrazia». La deputata democentrista non crede poi che questa estensione «porterà a un maggior numero di referendum». Al limite «rallenterà un po' i lavori», come ha anche rilevato il governo nel suo messaggio. Filippini è dunque fiduciosa che il Gran Consiglio accolga l'iniziativa di Marchesi.

Una banca dati cantonale

Facendo questo lavoro di ricerca, la granconsigliera si è resa conto che in Ticino «non vi è una banca dati performante su referendum e iniziative a livello comunale». Infatti, attualmente, i Comuni possono segnalare al Cantone l’esito di una votazione popolare, ma non sono obbligati a farlo. «Sto quindi mettendo a punto un’iniziativa elaborata per creare una base legale affinché questi dati vengano trasmessi automaticamente al Cantone. Dati che possono essere interessanti sia per noi deputati, sia per i Comuni, ma anche, ad esempio, per uno storico.

© Regiopress, All rights reserved