laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
8 ore
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
8 ore
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
15 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
17 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
19 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
19 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
20 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
20 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
20 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
20 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
20 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
20 ore
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
21 ore
Sventata strage: pena sospesa, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Locarnese
22 ore
Losone e Accademia Dimitri rilanciano il polo culturale
I due enti tramite un comunicato congiunto spiegano perché il comparto dell'ex Caserma rappresenta la soluzione più adeguata e con grande potenziale
Ticino
30.06.2020 - 17:130
Aggiornamento : 17:38

Parità salariale, arriva la piattaforma 'Respect8-3.ch'

L'Ocst lancia un sito internet alla vigilia dell'entrata in vigore della modifica della Legge sulla parità, che non soddisfa: 'Occorre fare molto di più'

Promuovere una vera parità salariale tra donne e uomini in Svizzera e mettere in evidenza, dar loro rilevanza in una ‘lista bianca’, le imprese virtuose e pioniere nel rispettare la parità tanto auspicata quanto lontana. È questo l’obiettivo della piattaforma respect8-3.ch lanciata questa mattina a livello nazionale dal sindacato travail.suisse e in Ticino dall’Organizzazione cristiano sociale ticinese (Ocst). Alla vigilia dell’entrata in vigore della nuova Legge federale sulla parità, che domani 1. luglio vedrà ufficialmente comparire la novità portata dall’articolo 13: le aziende con più di 100 dipendenti saranno tenute a svolgere un’analisi interna in merito alla parità salariale, la cui correttezza e adesione alla realtà deve essere confermata da dei revisori con tanto di comunicazione alle lavoratrici e ai lavoratori del risultato. Un passo avanti, sembrerebbe.

Ma in casa Ocst non c’è questa convinzione, anzi. Prima di tutto, osserva l’assistente giuridica Ocst Diana Camenzind, “questa analisi ha una validità di 12 anni” con il meccanismo che “se il datore di lavoro rispetta i criteri di parità al primo controllo poi non viene più controllato, quindi nel caso potrebbe tornare a non rispettarli senza paura. Allo stesso tempo, non sono previste sanzioni in caso di esito negativo del controllo”. Senza dimenticare, riprende Camenzind, “che inizialmente l’idea era di avere come limite i 50 dipendenti, mentre con questa modifica si partirà da 100 dipendenti”. Il risultato? “Molto deludente, considerando come riguarderà lo 0,9 per cento delle aziende a livello nazionale e l’1,3 per cento in Ticino”.

'Le aziende virtuose andranno in una lista bianca, come pioniere della parità'

Insufficiente, per l’Ocst. “Occorre fare di più, quindi come sindacato interveniamo per colmare le lacune di questa legge con questa piattaforma” osserva la responsabile di Ocst Donna-lavoro Davina Fitas: “Il progetto 'Respect8-3', che ha un riferimento sia all’8 marzo sia all’articolo 8 della Costituzione sull’uguaglianza giuridica, si appoggia a una piattaforma web che vuole informare i dipendenti e le aziende su quanto è scritto nella legge, valorizzando le imprese virtuose che si impegnano e inducendo quelle inadempienti a cambiare direzione”. D’accordo, ma materialmente come funzionerà? “Le aziende che hanno tra i 50 e i 100 dipendenti, dopo aver svolto l’analisi interna sulla parità salariale, si annunciano al portale e, dopo le verifiche, il nome dell’impresa è inserito in una ‘lista bianca’”.

Allo scopo, va da sé, “di evidenziare come quella ditta abbia verificato con successo l’uguaglianza di genere negli stipendi, e di conseguenza essere notati pubblicamente come datori di lavoro pionieri sul tema”. La piattaforma, inoltre, “dà la possibilità alle dipendenti e ai dipendenti di segnalare l’inadempienza della propria ditta”. Consentendo, così, “di avviare un processo di verifica, informando e mettendo a disposizione dell’azienda competenze e strumenti per rispettare la legge. Nel caso in cui non succedesse, questa azienda verrà inserita in una ‘lista nera’”. Perché è “urgente che si faccia qualcosa, soprattutto in Ticino” prosegue Fitas: “Dal 2014 al 2018 la disparità dei salari è aumentata passando dal 15,8 per cento al 17,3 per cento”. E, rispondendo alla ‘Regione’ a margine dell’incontro con la stampa annota che “il nostro compito come sindacato è supplire alle mancanze dello Stato, della legge. Non è soddisfacente che a un anno dallo sciopero delle donne ci siano molte parole e pochi fatti, si fa ancora troppo poco per la parità salariale. Ma noi ci siamo”.

Ricciardi: 'Non basta mettere un asterisco al posto dell'ultima vocale'

Lo conferma il segretario cantonale dell’Ocst Renato Ricciardi, rimarcando come “non basta mettere un asterisco al posto dell’ultima vocale come fa qualcuno, occorre davvero cambiare mentalità anche a livello pratico se si vuole interrompere questa tendenza. Quella salariale per le donne è una doppia penalizzazione. I recenti dati dell’Ufficio federale di statistica dicono che il Ticino mediamente ha un ritardo salariale importante, oltre a questo problema c’è la differenza fra salari delle donne e degli uomini: bisogna assolutamente fare qualcosa”. Perché l’obiettivo non rimanga tale, Ricciardi ha già preso contatto con l’Associazione delle industrie ticinesi e la Camera di commercio “per informare dell’iniziativa e per sensibilizzare, ultimamente la responsabilità sociale delle imprese è un tema molto caldo e auspichiamo che porti ad aumentare l’attenzione verso il trattamento salariale delle donne”.

© Regiopress, All rights reserved