laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
35 min
Cc Lugano, per due sere si torna al Palacongressi
Tra i temi caldi, tre mozioni sul Centro sociale e la richiesta di ripristino della legalità. All'ordine del giorno anche la piscina di Carona
Luganese
1 ora
Raiffeisen di Lugano, 2019 da incorniciare
Utile d'esercizio in lieve aumento e il numero di soci ha superato le 8 mila 200 unità
Mendrisiotto
1 ora
Per cifra d'affari l'Admiral è secondo solo a Zurigo
Un 2019 da ricordare per la casa da gioco di Mendrisio che para anche il colpo dell'emergenza sanitaria. Numeri in ripresa e nessun licenziamento
Mendrisiotto
1 ora
Il Consiglio comunale di Mendrisio discute i conti 2019
Agenda fitta per la seconda seduta fuori sede, sullo sfondo le preoccupazioni finanziarie dettate dall'emergenza sanitaria
Luganese
2 ore
Casinò di Campione, la perdita più grave: 120 milioni di euro
Ecco la stima del deficit accumulato dalla casa da gioco a quasi due anni dalla sua chiusura. L'incasso giornaliero medio era di 250 mila euro
Locarnese
2 ore
Lavori notturni sulla tratta Ponte Brolla-Intragna
A partire da domani fino a sabato 11 luglio. Ad Ascona, fermata Linea 1 del bus soppressa, dal 6 al 31 luglio
Ticino
2 ore
Da Guy Fawkes a Hitler, passando per Charles Manson
Molti i riferimenti alle grandi violenze del passato emersi durante l'istruttoria per la sventata strage alla Commercio di Bellinzona
Bellinzonese
2 ore
Auto sbanda sul Ceneri, madre e figlia al pronto soccorso
Avrebebro riportato ferite apparentemente non gravi. Illesi gli altri due occupanti. Il rocambolesco incidente è avvenuto questo pomeriggio sull'A2.
Luganese
2 ore
Scooterista frontaliere perde la vita sulla statale di Oria
La vittima è un 47enne giardiniere di Porlezza che lavorava in Ticino, vani i soccorsi dei sanitari
Locarnese
2 ore
Primi bilanci: il Lido di Locarno è moderatamente soddisfatto
Dalla riapertura delle strutture balneari, quella locarnese tira le somme provvisorie della sua ripartenza
Mendrisiotto
2 ore
A Chiasso il Mercato in versione estiva è serale
Debutto, sabato, per l'iniziativa che si popone di animare il Corso cittadino. In programma altri tre appuntamenti in luglio
Locarnese
3 ore
Navigazione Lago Maggiore, ripresi i collegamenti con l'Italia
Il nuovo orario estivo è entrato in vigore lo scorso 1° luglio e lo rimarrà fino al 30 settembre
Locarnese
3 ore
Ascona, nuovo piano di mobilità per allievi e anziani
Municipio, Assemblea genitori e Scuole hanno aderito al Piano di mobilità scolastica. Il gruppo di lavoro redigerà il progetto che 'farà bene a tutti'
Luganese
4 ore
Auto e scooter sequestrati dalla finanza di Oria Valsolda
Veicoli immatricolati in Svizzera ma guidati da cittadini residenti in Italia: 'è la nuova frontiera del contrabbando'. Sette persone coinvolte
Bellinzonese
4 ore
Lugano ha una casa per le marionette
Michel Poletti ha realizzato un museo con le sue creazioni e altri pezzi. A due passi dal Foce, il museo sarà un prolungamento del suo festival delle marionette
Ticino
30.06.2020 - 13:540
Aggiornamento : 21:54

Vittime violenza domestica, 61 hanno chiesto sostegno

I dati forniti dalla Delegata cantonale per i primi sei mesi del 2020. Da domani il pp può obbligare l'autore/trice di reati a seguire un programma di prevenzione

In Ticino nel primo semestre di quest’anno su un totale di 159 persone prese a carico dal Servizio per l’aiuto alle vittime di reati, ben 61 sono state bersaglio di violenza domestica. Lo ha indicato stamane la Delegata cantonale per l’aiuto alle vittime Cristiana Finzi, intervenendo all’incontro con la stampa indetto dai dipartimenti Istituzioni e Sanità e socialità alla vigilia dell’entrata in vigore della disposizione del Codice penale svizzero che permette al procuratore pubblico di ordinare - sospendendo il procedimento per sei mesi - la partecipazione dell’imputato/a presunto/a autore/trice di violenza a un programma di prevenzione. La sospensione del procedimento non sarà però ammessa per tutti i reati, di certo non per quelli particolarmente gravi. Sarà ammessa in caso di lesioni semplici, vie di fatto reiterate, minaccia e coazione, stando alla norma. Le vittime, la stragrande maggioranza donne, che si rivolgono al Servizio, «non desiderano separarsi, chiedono che la violenza commessa nei loro confronti da parte del marito o del compagno cessi», ha spiegato Finzi.

Finora la partecipazione al programma di prevenzione era facoltativa: per avviare un trattamento terapeutico serviva il consenso dell'autore o dell'autrice di violenza. Da domani, 1. luglio, questa partecipazione diventa obbligatoria se disposta dal magistrato (su base volontaria sarà comunque sempre possibile). Continuerà a occuparsene l’Ufficio dell’assistenza riabilitativa diretto dallo scorso dicembre da Siva Steiner, ufficio del Dipartimento istituzioni che segue i detenuti in generale nel loro percorso di reinserimento nella società e che da alcuni anni è impegnato anche nella presa a carico degli autori di violenza domestica, offrendo loro un primo tetto se allontanati da casa e una prima consulenza. Sarà dunque l’Ufficio dell’assistenza riabilitativa a elaborare i programmi di prevenzione ai quali il procuratore pubblico ha ordinato la partecipazione, programmi terapeutici che passano anzitutto, ha evidenziato il Dipartimento, dal "riconoscimento", da parte dell’autore, “dei comportamenti violenti”.

Aiuto a chi subisce: il Dss alla ricerca di
'una figura per il coordinamento operativo'

La nuova norma penale è un ulteriore tassello nel contrasto a un fenomeno, quello della violenza domestica, che non accenna a diminuire, anche se durante il lockdown causa pandemia non c’è stata la temuta impennata di casi, o perlomeno di segnalazioni pervenute alla Polizia. Polizia che nel 2019 ha eseguito nel cantone 1'099 interventi per violenza perpetrata tra le mura di casa. «Una media di tre interventi al giorno», ha sottolineato il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Centottantatré, ha aggiunto, «gli allontanamenti di autori dal contesto famigliare, di cui settantadue d’ufficio (il provvedimento viene deciso dall’ufficiale di polizia, ndr.)». Questi i dati riguardanti i casi segnalati e che pertanto descrivono solo parzialmente una piaga «che coinvolge l’intera collettività», ha osservato Gobbi. La violenza, poi, non è solo fisica: è anche psicologica, verbale ed economica, ha ricordato il capo del Dipartimento sanità e socialità (Dss) Raffaele De Rosa. Per rendere ancor più efficace «il supporto» a chi in Ticino subisce violenza, il Dss, ha annunciato il suo direttore, pubblicherà a breve un bando di concorso «per l’assunzione di una figura che assicurerà il coordinamento operativo a sostegno delle vittime». Una persona, ha detto a sua volta Finzi, che «promuoverà azioni e progetti per migliorare ulteriormente la presa a carico» e che «collaborerà» con Chiara Orelli Vassere, attiva da inizio aprile 2020 in seno alla Divisione giustizia (Dipartimento istituzioni) in veste di coordinatrice istituzionale a livello cantonale del dossier concernente la violenza domestica. Nel frattempo, ha fatto sapere il Dss, è stato portato "da ventuno a trentacinque il numero dei giorni massimi riconosciuti per le spese di alloggio per le vittime di reati presso le Case per le donne". 

D'intesa con la responsabile della Divisione giustizia Frida Andreotti, Orelli Vassere è chiamata ad allestire un piano d’azione cantonale, con «strategie e misure concrete per affrontare proattivamente la violenza domestica nelle sue varie manifestazioni, facendo anche tesoro delle esperienze sin qui fatte», ha affermato Orelli Vassere. Un piano che traduca «le quattro ’p'», i quattro ambiti d'intervento della Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica: «Prevenire, proteggere le vittime, perseguire gli autori, politiche coordinate».

Sul piano federale si profila all’orizzonte un’altra misura per accrescere la difesa delle vittime: l’applicazione del bracciale (o cavigliera) per la sorveglianza elettronica a distanza dell’autore di violenza domestica. Una misura che scatterà però solo con il 1. gennaio 2022. Motivo? Il Consiglio federale ha voluto dare ad alcuni Cantoni un lasso di tempo congruo per implementare correttamente lo strumento.

© Regiopress, All rights reserved