menu-vegani-a-scuola-l-importante-e-evitare-gli-eccessi
I Verdi: 'Un giorno alla settimana solo piatti vegani nelle mense delle Medie' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

'La Pm Ecorecycling non può essere obbligata a chiudere'

Stando al Cantone non ci sono i presupposti. Sospesa per ora l'inchiesta penale sul primo incendio del 2016, si indaga sul rogo di dicembre
Ticino
4 ore

Lettori più digitali? Non sempre, c'è chi cerca la carta

Le biblioteche ticinesi hanno registrato un aumento delle consultazioni di giornali e riviste online. Nelle librerie spopola il ‘click&collect’
Ticino
4 ore

Dadò all'attacco su costi della salute e soldi pubblici

Il presidente del Ppd al comitato cantonale parla delle iniziative cantonali sui premi di cassa malati e affonda sull'indipendenza di parlamento e giustizia
Locarnese
5 ore

‘Elephantonius’, vita d'artista (e di Verzasca) a Storie

Domenica sulla Rsi l'intenso ritratto documentaristico di Paolo Vandoni a Gianmario Togni, scultore alla ricerca delle origini
Ticino
6 ore

Donne detenute, audizione il 9 marzo

La commissione incontrerà i vertici del Dipartimento istituzioni.Schnellmann: attendiamo indicazioni chiare sui tempi di realizzazione di un carcere femminile
Gallery
Luganese
6 ore

A Massagno fioriscono le biciclette

Azione dimostrativa per sensibilizzare sulla climatica: il gruppo Ps, Verdi e Indipendenti propone tre installazioni
Luganese
6 ore

Bironico, disputa Fc Rapid-Parrocchia: trovato un accordo

La squadra di calcio potrà utilizzare il campo (almeno) fino alla fine del 2024, tempo durante il quale potrà trovare un'alternativa
Luganese
6 ore

Lugano, la registrazione delle sedute come patrimonio storico

Al via il progetto che renderà sull'arco di quattro anni fruibili al pubblico gli interventi dei politici tra il 1962 e il 2003
Luganese
7 ore

Lugano, il casinò vince il Covid-19

Nel 2020 registrato un utile netto di 900'000 franchi malgrado chiusure e restrizioni delle aperture. Intervista all'Ad Gianmaria Frapolli
Luganese
7 ore

Cittadini per il territorio del Luganese: no al polo sportivo

Criticato il contratto stabilito dalla Città con gli operatori immobiliari per realizzare il progetto
Bellinzonese
7 ore

Tre anni e mezzo per l'artefice dei botti di Bellinzona

Questa la pena inflitta al 22enne, il quale dovrà sottoporsi a un trattamento stazionario per far fronte a un disturbo della personalità di tipo narcisistico
Bellinzonese
7 ore

Biasca, servizio per la prestazione ponte Covid dal 1 marzo

L'ufficio si trova al pianterreno della Casa comunale e sarà operativo il lunedì, il martedì e il giovedì
Luganese
7 ore

Paradiso, 'moratoria immediata alla posa di nuove antenne 5G'

In 369 firmano la richiesta di porre un freno a ulteriori installazioni sul territorio comunale, che ne conta già più di dieci di diversa generazione
Locarnese
7 ore

Arcegno, la Strada dei Polacchi è chiusa al traffico

In corso lavori selvicolturali lungo il collegamento che conduce a Golino. Il cantiere dovrebbe concludersi attorno al 20 marzo
Locarnese
8 ore

Avvocato di Muralto a processo in Appello

Il 24 marzo nuovamente in aula il legale già condannato a 15 mesi sospesi per ripetuta appropriazione indebita qualificata
Locarnese
8 ore

Niente carnevali ma il tema della violenza è attuale

Gordola, la Fondazione Tamagni ha indetto la 13esima edizione del concorso rivolto agli alunni delle scuole medie. Voto online entro il 28 febbraio
Mendrisiotto
8 ore

La Mendrisiense, l'assemblea sarà scritta

Succede per la prima volta da 110 anni. I soci hanno tempo fino al 5 marzo per esprimere il loro voto
Bellinzonese
8 ore

Ramon Pini nominato viceprimario di Chirurgia all'Orbv

Negli ultimi anni l'attività clinica del dottore si è maggiormente concentrata nella chirurgia viscerale mini-invasiva robotica
Luganese
9 ore

Assembramenti a Ponte Capriasca, chiuso il parco giochi

Interpellanza in Consiglio comunale. Il Municipio valuterà nella seduta di lunedì se riaprire, dopo gli allentamenti decisi da Berna
Ticino
9 ore

Utilizzo illecito di stemmi e loghi comunali e cantonali

Raoul Ghisletta (Ps) ha inoltrato un'interpellanza al Consiglio di Stato
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso conferma le misure di protezione a scuola

Sollecitato da un'interrogazione, il Municipio annuncia di non voler introdurre test di depistaggio
Ticino
26.06.2020 - 06:000
Aggiornamento : 09:16

Menu vegani a scuola, 'l'importante è evitare gli eccessi'

Secondo la dietista Pamela Beltrametti un'alimentazione priva di derivati animali è possibile, ma può anche generare carenze nutritive: 'Bisogna variare'

Un giorno alla settimana le mense di scuola media dovrebbero offrire solamente "un menu privo di derivati animali", vale a dire vegano. Con questa proposta i Verdi vorrebbero orientare l’alimentazione dei ragazzi, con l’intenzione di sensibilizzarli in particolare sull’impatto che ha il consumo di carne sull’ambiente. Se da un lato «tutte le organizzazioni mondiali più importanti che si occupano di salute spingono per diminuire il consumo di carne, favorendo quello di legumi», dall’altro rinunciare completamente a cibi di origine animale, può in alcuni casi sfociare anche in «disturbi alimentari». La dietista Pamela Beltrametti raccomanda dunque di «variare il più possibile».

In generale «le linee guida scientifiche che seguiamo, non raccomandano di seguire un’alimentazione esclusivamente vegana. Ma se è impostata coscienziosamente, è equilibrata e monitorata, allora può essere adatta anche nell’età evolutiva. Tuttavia, in base alla mia esperienza, ci sono corpi che assimilano meno bene certi nutrienti», afferma Beltrametti. È quindi possibile che «un’alimentazione priva di prodotti animali possa portare a un disturbo alimentare. In ogni caso questo non significa che non si possa seguire un’alimentazione vegana», ma bisogna avere le giuste competenze in materia.

Concretamente i Verdi, in una mozione depositata circa due settimane fa, chiedono al Consiglio di Stato di "assicurare che in tutti i ristoranti scolastici di scuola media sia sempre garantita un’alternativa vegetariana/vegana al piatto principale". Domandano inoltre di "limitare l’offerta di carne e pesce a soli due giorni alla settimana". In uno dei due giorni restanti, bisognerebbe poi prevedere "un menu privo di derivati animali". A differenza delle scuole post obbligatorie dove ogni giorno viene offerto anche un piatto vegetariano o vegano, nelle mense delle Medie viene proposto solo un "menu completo, senza alternative, per dare un’educazione alimentare corretta e completa", si legge nelle direttive cantonali della refezione scolastica. Tuttavia, la carne come piatto principale viene servito solo due volte alla settimana. «Bisogna essere coscienti che i pasti che i ragazzi consumano a scuola sono quattro su 21 (colazione, pranzo e cena) alla settimana», rileva Beltrametti. La maggior parte dei pasti viene quindi consumata fuori dall’istituto scolastico: sarebbe quindi possibile «equilibrare la nostra alimentazione», indipendentemente dal menu che viene offerto a scuola.

'Trovare la modalità giusta per sensibilizzare i ragazzi'

Variare il menu e proporre cibi diversi può essere visto come «un arricchimento per i ragazzi, se inserito all’interno di una formazione su come ci si alimenta correttamente», afferma da parte sua Anna De Benedetti-Conti, presidente della Conferenza cantonale dei genitori. E questo perché da un lato si può generare una sensibilità maggiore rispetto all’alimentazione vegana o vegetariana che «tendenzialmente tutela maggiormente l’ambiente». Dall’altro si può venire in contatto con piatti «che magari a casa non si mangiano, aumentando così le proprie conoscenze su altri cibi». Il problema della proposta degli ecologisti è che può essere percepita come un’imposizione: «Bisogna trovare la modalità adatta che favorisca questa sensibilizzazione». Ma vi sono state richieste da parte di genitori a favore dell’introduzione di menu esclusivamente vegani? «Solo sporadicamente», prosegue De Benedetti-Conti. Tuttavia, «negli ultimi anni abbiamo ricevuto sempre più richieste a favore di una differenziazione dei menu. Sia per questioni ambientali, sia per motivi di salute».

Oltre alla questione dei piatti vegani, la mozione dei Verdi chiede anche al Consiglio di Stato di "integrare in maggior proporzione prodotti biologici nei menu delle mense scolastiche cantonali", di "diminuire gli sprechi" alimentari, di "istituire una campagna di sensibilizzazione" e di "prevedere nelle scuole medie momenti formativi obbligatori sull’impatto ambientale delle proprie scelte alimentari da inserire in maniera trasversale nel programma di varie discipline". Stando agli ecologisti l’impatto ambientale può infatti essere ridotto "sensibilmente" con "un’alimentazione equilibrata, basata su una maggiore quantità di alimenti locali e vegetali". Inoltre, "un consumo moderato di prodotti di origine animale è auspicabile non solo per l’ambiente, ma anche per la salute", sostengono i Verdi, citando l’Ufficio federale della sicurezza alimentare.

Beltrametti conferma che mangiare piatti «della tradizione mediterranea, basati su legumi e cereali è meglio sia per la salute, sia per l’ambiente». La dietista ricorda inoltre che «un’alimentazione basata solo su elementi vegetali, come può essere la polenta con lenticchie in umido, non è qualcosa di esotico o troppo lontano dalle nostre abitudini alimentari». Per quanto riguarda i prodotti biologici, ci sono poi dati che dimostrano come siano migliori ad esempio «a livello di sali minerali e vitamine». Resta il fatto che la via da seguire è quella di «evitare gli eccessi» sia in un senso, sia nell’altro. Insomma, bisognerebbe variare il più possibile dando «spazio a diversi stili alimentari». Una variazione che può però essere «difficile» da mettere in pratica «consumando solo prodotti regionali», visto che l’offerta proveniente dal nostro territorio è comunque limitata. La dietista ricorda poi che «la varietà alimentare più ampia per quanto riguarda le verdure è l’estate, quando le scuole sono chiuse».

La stessa osservazione è stata fatta l’anno scorso dal Consiglio di Stato, rispondendo alla risoluzione del 19° Consiglio Cantonale dei giovani (Ccg). Tra le altre cose «abbiamo chiesto al governo di ridurre il consumo di carne nelle mense scolastiche, introducendo un giorno alla settimana un menu che non la comprende», afferma da noi contattato il presidente del Ccg Riccardo Khoyi. Secondo l'esecutivo, tuttavia, di fatto "il giorno senza carne nelle scuole medie esiste già".

 

Ricercatori propongono una strategia alimentare nazionale

A livello federale, proprio ieri sono stati presentiti i risultati del programma nazionale di ricerca 'Alimentazione sana e produzione alimentare sostenibile', promosso dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica. Ventisei studi svolti tra il 2013 e il 2019 – che hanno analizzato le interazioni tra alimentazione, salute e ambiente – sono giunti alla conclusione che il sistema alimentare svizzero è in grado di offrire cibo sano (ottenuto con sistemi di produzione, lavorazione e distribuzione sostenibili), rafforzando anche la sicurezza dell'approvvigionamento del Paese. Tuttavia, ci vuole una strategia globale, promossa dalla Confederazione.

La strategia alimentare 2050 dovrà ruotare attorno ad alcuni punti essenziali, come la riduzione degli sprechi alimentari. Stando ai ricercatori, per ridurre l'impronta ecologica bisognerebbe poi limitare il consumo di carne, con effetti positivi anche sulla salute pubblica. Per compensare le conseguenti perdite finanziarie, le famiglie di allevatori dovrebbero venir sovvenzionate. Inoltre, per incentivare una sorta di transizione agricola, bisognerebbe sostenere maggiormente la produzione interna di frutta, verdura e legumi.

 

© Regiopress, All rights reserved