laRegione
Nuovo abbonamento
A mezzanotte tutti a casa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
41 min
Lugano e la Foce del Cassarate: 'Decisione giusta'
Michele Malfanti, neo primo cittadino, parla della discussa chiusura dell'area pubblica e traccia un bilancio in chiaroscuro delle aggregazioni
Bellinzonese
51 min
Per Bellinzona 'più trasparenza e meno sprechi'
Intervista a Simone Orlandi, nuovo presidente della sezione Udc cittadina dopo le recenti dimissioni in blocco
Ticino
1 ora
In Ticino lo sfitto non si ferma, Venuti (Asi): 'Preoccupante'
Un recente studio rileva che il nostro sia il cantone con la maggior eccedenza di offerta nell'immobiliare, per gli inquilini occorre approfondire i motivi
Locarnese
1 ora
Compleanno-choc sulla Katja Boat: in 'panne' con 60 a bordo
Nottataccia sul Lago Maggiore: mentre si festeggia l'elica smette di funzionare. Il grosso natante 'ripara' al Porto patriziale di Ascona
Bellinzonese
10 ore
Scossa forte ma molto profonda: ‘Non c'è da preoccuparsi’
Il geologo Luca Bonzanigo commenta il sisma verificatosi sabato pomeriggio, percepito nel Bellinzonese e Locarnese
Bellinzonese
12 ore
Vandali in azione a Bellinzona: mozzata una gamba al gigante
A Villa dei Cedri presa di mira la grande statua 'Le Jardinier aux fleurs gisantes' realizzata dal giovane artista francese François Malingrëy
Luganese
13 ore
Agno-Bioggio, mandato affidato durante la consultazione
Lepori chiede lumi al governo e denuncia una modalità di procedere che prevarica i diritti di partecipazione dei cittadini sanciti dalla legge
Locarnese
13 ore
Protezione animali, assemblea rinviata
La seduta si sarebbe dovuta tenere il 21 luglio, ma le limitazioni sugli assembramenti hanno spinto a soprassedere
Mendrisiotto
13 ore
Auto in fiamme sulla A2, disagi a Balerna
Gli occupanti della vettura, completamente distrutta dalle fiamme, sono riusciti a mettersi in salvo
Locarnese
13 ore
Cevio, 70 bancarelle al mercato estivo
Artigianato del Ticino sabato 18 luglio nella piazza del paese. Gli 'Esiliati dall'Osteria' per la colonna sonora
Mendrisiotto
13 ore
Alle cave di Arzo nasce ‘La Soleggiata’
Il garden bar aprirà dal giovedì alla domenica e proporrà musica, attività artistiche e cucina locale
Locarnese
13 ore
Neggia-Fosano, armarsi di pazienza
Per lavori di pavimentazione stradale, domani e martedì possibili attese di circa mezz'ora dalle 7 alle 10.30
Locarnese
13 ore
Locarno, Via Vallemaggia chiusa per lavori
Per lavori d pavimentazione, l'ateria non sarà percorribile da domani, lunedì, alle 7, a martedì alle 8
Luganese
13 ore
Cadro, spunta un progetto per la casa colonica
Interpellanza chiede lumi al Municipio di Lugano che aveva annunciato un messaggio per il legislativo e un concorso di architettura ma...
Luganese
14 ore
Incidente a Gandria, una donna ferita
La conducente stava manovrando quando è stata tamponata da una vettura diretta verso il quartiere di Lugano
Luganese
15 ore
Pregassona, bonificato un chilometro di fiume
Alla giornata di pulizia promossa dalla commissione di quartiere hanno partecipato famiglie con bambini e alcuni consiglieri comunali di Lugano
Ticino
29.05.2020 - 05:500
Aggiornamento : 10:18

Discoteche, 'a queste condizioni non riapriremo'

Daniel Perri (Gruppo Vanilla): 'Le discoteche solitamente aprono a mezzanotte'. La chiusura prevista proprio a quest'ora è quindi 'assolutamente incoerente'

«A queste condizioni non riapriremo». La decisione di far chiudere a mezzanotte anche discoteche e locali notturni non è per nulla condivisa dai professionisti del settore: «È assolutamente incoerente», afferma Daniel Perri, direttore artistico del Gruppo Vanilla, che comprende l'omonima discoteca di Riazzino, la Rotonda di Gordola e il Pix di Ascona. «Tre ore in più a disposizione sarebbero state sufficienti per riattivare il nostro servizio», precisa Perri a 'laRegione'.

Mercoledì il Consiglio federale ha deciso che da sabato 6 giugno potranno riaprire anche le discoteche e i locali notturni. Dovranno però chiudere, come tutti gli altri, “entro mezzanotte”. Inoltre, “non potranno permettere più di 300 ingressi per sera” e dovranno “tenere un elenco delle presenze”. Queste ultime due condizioni in realtà non generano grandi preoccupazioni: i dati personali potrebbero essere raccolti all'entrata del locale, dove vengono anche controllati i documenti. Il problema è proprio l'orario: «Le discoteche aprono a mezzanotte», sottolinea Perri. Piuttosto che porre il limite a quest'ora, «sarebbe stato meglio dirci che non potevamo riaprire del tutto». Una possibilità sarebbe quella di aprire prima, ma «alle nove le persone vanno a cena, non in discoteca». Un'altra possibilità sarebbe quella di esercitare con le modalità di un bar. Ma anche in questo caso vi è un problema: «Con il caldo i clienti vogliono stare all'aperto e non in un locale chiuso».  Perri spera quindi che ci siano ripensamenti da parte della autorità federali: «Se potessimo, ad esempio, chiudere alle tre di notte invece che alle cinque, ciò ci permetterebbe di esercitare».

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Djordje Jovanovic, gestore del Quyn Club di Grancia: «Piuttosto che aprire e andare in perdita, rimango chiuso», afferma da noi contattato. «La cosa migliore sarebbe stata lasciare gli orari invariati, ma ridurre la capacità, ad esempio a 150 persone». Jovanovic, infatti, non pensa che le persone saranno interessate ad andare in discoteca alle 20 o alle 21: «Sarebbe un po’ strano. Per tanto così vado al bar». Per Mirko Jemini, direttore del Temus Club di Serocca d’Agno, «nessuno riaprirà». In realtà il suo locale d'estate è comunque chiuso: «Di solito terminiamo la stagione a metà maggio per poi riaprire in autunno. Se non vi sarà una seconda ondata, speriamo di poter ripartire il 20 ottobre». Tuttavia, il limite di mezzanotte «non ha alcun senso», sottolinea Jemini. Il Temus normalmente apre alle 22, perché offre anche musica dal vivo: «Si tratta però di una ‘pre-serata’ nella quale la gente si gode il concerto». Insomma, la vita notturna vera e propria inizia più tardi.

Eventuali controlli all'insegna del dialogo

Ma nel caso in cui alcuni locali dovessero aprire, come farà la polizia a sorvegliare ed evitare eventuali violazioni? I princìpi, ci informano dallo Stato maggiore cantonale di condotta (Smcc), sono sempre gli stessi: “Presenza, dialogo e dissuasione”. In ogni caso lo Smcc non si sbilancia sulla questione dei controlli per discoteche ed eventi: semplicemente, si legge nella loro risposta, “evidenziamo che i responsabili devono poter disporre di un piano di protezione adeguato”.

Più in generale, comunque, ci si sta mobilitando per affrontare al meglio la stagione turistica, ora che questa si fa vivace e saranno permessi assembramenti fino a trenta persone (contro le cinque attuali). Ieri pomeriggio – nel corso di una riunione di coordinamento tra tutti i corpi di polizia – si è deciso di intensificare dal prossimo fine settimana i pattugliamenti da parte degli agenti comunali, lasciando invece gli interventi puntuali e su chiamata principalmente alla Cantonale: “A livello locale saranno quindi i differenti Corpi comunali a dover garantire, se del caso, un maggior numero di personale per questo loro compito a stretto contatto con i cittadini, e sicuramente anche con i turisti provenienti da fuori Cantone”. La repressione rimane in ogni caso ultima ratio, preceduta dalla dissuasione e soprattutto dalla “responsabilità individuale e collettiva della cittadinanza”.

Discoteche a parte, il ‘coprifuoco’ e le restrizioni non rischiano forse di indispettire chi ha voglia di divertirsi? Alessandro Stella, responsabile di Lugano Turismo, non appare molto preoccupato: «Ritengo che la voglia di fare festa e di socializzare non sarà frustrata dai vincoli di orario: penso che chi vuole divertirsi di sera digerirà comunque queste limitazioni. È vero che nel caso delle discoteche si tratta di un fattore effettivamente penalizzante: i ragazzi escono proprio a mezzanotte per recarsi a ballare.  Ma l’allentamento di questa fase è già una conquista».  Anche secondo Perri «i giovani usciranno e si divertiranno lo stesso, e lo hanno già dimostrato in queste settimane». Ma secondo lui difficilmente rispetteranno il 'coprifuoco', trovando forme diverse di aggregazione rispetto alla discoteca classica. Mantenere i locali notturni aperti più a lungo, a suo avviso, potrebbe anche servire da un lato a mantenere una certa sicurezza e dall'altro «a garantire il tracciamento dei contatti». Inoltre, in ambito turistico la domanda c'è: «L’estate scorsa abbiamo aperto due discoteche su tre proprio per soddisfare le richieste dei turisti». E ancora recentemente «ci hanno contattato chiedendoci sa avremmo riaperto».

© Regiopress, All rights reserved