laRegione
Nuovo abbonamento
asili-nido-la-ripartenza-e-quella-giusta
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
2 min
Grigioni, alpinista muore dopo una caduta di 400 metri
È successo ieri mattina attorno alle 10 sul Pizzo Bernina sul confine con l'Italia. L'uomo apparteneva a un gruppo formato da tre coppie
Gallery (10 foto)
Luganese
1 ora
Bissone, schiacciato sul tetto della chiesa da del materiale
Un uomo è rimasto ferito in modo non grave nel corso dei lavori di restauro della parrocchiale di San Carpoforo
Luganese
2 ore
Massagno, il consuntivo 2019 registra un utile
Il risultato positivo consente al Comune di aumentare il capitale proprio e di abbattere il debito pubblico di 5,7 milioni di franchi
Ticino
2 ore
Coronavirus, otto i nuovi casi registrati nel weekend in Ticino
Il numero totale sale a quota 3'375, sempre fermi a 350 i decessi. E un paziente dimesso dall'ospedale
Ticino
3 ore
Mezzo milione per la Fondazione Bolle di Magadino
Il credito, adottato dal Consiglio di Stato, coprirà il periodo compreso tra il 2020 e il 2023
Luganese
6 ore
Lugano e la Foce del Cassarate: 'Decisione giusta'
Michele Malfanti, neo primo cittadino, parla della discussa chiusura dell'area pubblica e traccia un bilancio in chiaroscuro delle aggregazioni
Bellinzonese
6 ore
Per Bellinzona 'più trasparenza e meno sprechi'
Intervista a Simone Orlandi, nuovo presidente della sezione Udc cittadina dopo le recenti dimissioni in blocco
Ticino
6 ore
In Ticino lo sfitto non si ferma, Venuti (Asi): 'Preoccupante'
Un recente studio rileva che il nostro sia il cantone con la maggior eccedenza di offerta nell'immobiliare, per gli inquilini occorre approfondire i motivi
Locarnese
6 ore
Compleanno-choc sulla Katja Boat: in 'panne' con 60 a bordo
Nottataccia sul Lago Maggiore: mentre si festeggia l'elica smette di funzionare. Il grosso natante 'ripara' al Porto patriziale di Ascona
Bellinzonese
15 ore
Scossa forte ma molto profonda: ‘Non c'è da preoccuparsi’
Il geologo Luca Bonzanigo commenta il sisma verificatosi sabato pomeriggio, percepito nel Bellinzonese e Locarnese
Bellinzonese
18 ore
Vandali in azione a Bellinzona: mozzata una gamba al gigante
A Villa dei Cedri presa di mira la grande statua 'Le Jardinier aux fleurs gisantes' realizzata dal giovane artista francese François Malingrëy
Ticino
25.05.2020 - 11:380

Asili nido, 'la ripartenza è quella giusta'

Cusini, coordinatore del'Atan: 'Ci sono stati disagi, ma il settore ha retto bene. Durante il lockdown ha garantito il servizio, ingegnandosi e aiutando il sistema'

Tra le varie ripartenze che ci sono state dopo l’allentamento delle misure sanitarie per fronteggiare il coronavirus, una "positiva" è quella degli asili nido. “Ci sono stati dei disagi, per carità. Ma il settore ha retto molto bene l’impatto del Covid-19 e altrettanto bene, seppur non in forma integrale con tutte le strutture, la ripartenza” spiega alla 'Regione' Giordano Cusini, coordinatore dell’Associazione ticinese asili nido (Atan). Certo, qualcosa da affinare c’è: “Le strutture hanno segnalato chiaramente tutti i disagi, che sono dovuti più che altro alle misure ordinarie cui si era abituati e che non sono più in uso: gli ingressi e le uscite con i famigliari, o il loro saluto, non possono avvenire con tempi e modalità come prima. Ha avuto di certo un effetto”.

'Stiamo riflettendo se sostituire le mascherine con delle visiere protettive, come nei bar'

E c’è un aspetto su cui l’Atan sta riflettendo: quello dell’utilizzo delle mascherine. L’intenzione, afferma Cusini, è “andare oltre”. Nel senso che “l’indicazione del medico cantonale agli operatori è di utilizzarle quando non si riesce a garantire la distanza sociale”. Che però “è difficile da mantenere durante attività come il cambio del pannolino o del pranzo o se, ad esempio, bisogna consolare un bambino che si è fatto male o ha bisogno di conforto”. Momenti dove la comunicazione visiva, la mimica sono fondamentali. E Cusini rileva come “per bambini sotto l’anno di età togliere la mimica facciale è togliere molte delle informazioni sociali che gli arrivano: i meccanismi sociali a quell’età sono molto diversi rispetto ai nostri, passano molto attraverso l’espressione”. E quindi? “E quindi la riflessione avviata da alcuni operatori, e anche da alcuni genitori, è quella di considerare se è possibile sostituire la mascherina con una visiera protettiva tipo quelle usate in bar e ristoranti”. Il tutto, assicura Cusini, “ponendo come priorità la tutela della salute del lavoratore e del bambino, perché la scienza non ha ancora escluso definitivamente che i piccoli non siano vettori del virus o possano contrarlo”.

Le strutture hanno retto bene

Durante questa pausa forzata sono comunque emersi problemi perché, continua il coordinatore dell’Atan, “quando è cominciato il periodo di ‘lockdown’ molti bambini hanno smesso all’improvviso di andare a scuola. Gli educatori hanno vissuto il disagio di vedere sfumare il tempo investito nell’ambientamento dei bimbi e nella creazione del gruppo, tasselli delicati e importanti”. La soluzione “creata ad hoc” è stata quella di ingegnarsi, “e molte strutture con i bambini dall’anno e mezzo in su si sono attivate con videoconferenze e appuntamenti di lettura per garantire una sorta di continuità ai legami, alla memoria. A quell’età deve esserci un allenamento costante nel tenere vivo il pensiero”.

'Se l'intero sistema ha retto è anche grazie agli asili nido'

La buona ripresa è stata garantita, osserva Cusini, “sia grazie alle misure precise da applicare sia alla professionalità degli operatori: il Canton Ticino è all’avanguardia e preso a modello da molti altri cantoni”. E, con una punta di orgoglio, nota come “i nidi non hanno mai chiuso l’attività, che è stata garantita sin da subito a medici, infermieri, o addetti al settore alimentare: tutte queste categorie hanno potuto conciliare famiglia e  lavoro in un momento senza ammortizzatori sociali come i nonni, che non potevano accudire i bimbi, solo grazie alle strutture per l infanzia. I nidi hanno offerto non solo un servizio alla famiglia, se non ci fossero stati una persona in ospedale non sarebbe stata curata adeguatamente perché il personale sarebbe stato numericamente inferiore”.

© Regiopress, All rights reserved