don-grampa-su-don-vitalini-ci-univa-il-vento-del-concilio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
16 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
18 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
19 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
19 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
19 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
19 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
20 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
20 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
20 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
06.05.2020 - 17:56

Don Grampa su don Vitalini: 'Ci univa il vento del Concilio'

Il vescovo emerito ricorda la scomparsa di don Sandro e quella 'strada in parallelo, distanti ma vicini', fino alla chiamata quale suo secondo vicario nel 2003.

«Una strada in parallelo quella fra me e don Sandro, entrambi con sessant'anni di Messa, al servizio della Chiesa». Don Mino Grampa, vescovo emerito di Lugano, ricorda così don Vitalini, scomparso a 85 anni: «Due strade simili ma anche diverse, parallele ma non uguali. Già nella formazione che don Sandro concluse a Friborgo nel 1961 con il dottorato e io a Insbruck nel 1960 con la licenza. Diversi eppure amici, distanti, come si dice spesso di questi tempi, ma vicini. Don Sandro ha lavorato a Friborgo per trent'anni, io ad Ascona. Don Sandro per esempio amava il mare, la bicicletta, io non so nuotare, e non salgo su una due-ruote da tantissimi anni, forse lo sport come il calcio ci avvicinava, ma seppur diversi ci univa il vento del Concilio. Un'impostazione aperta, dinamica, di servizio, di ascolto, di comprensione dei segni del tempo. Amore alla Bibbia, alla 'nuovelle théologie', allo spirito ecumenico, all'ecumenismo da vivere prima che da teorizzare, far sedere a tavola assieme anche se i pensieri e il sentire erano distanti, un ecumenismo che porti a camminare verso l'unità, che fa in modo che si sia una cosa sola anche nella varietà dei cammini, preoccupati più del vivere che delle verità astratte. Comunque mai statico, sempre in crescita, in approfondimento, in novità di prospettive. Questo è il mio ricordo di don Sandro che sapeva farsi ben volere con quell'aria falsamente ingenua. Invece era un furbo ammiccante, aperto, senza malizia, ma scaltro, abile, vivace, tattico, schietto, candido, spontaneo. Così abbiamo camminato in parallelo, ma con due momenti di contatto importanti, all'inizio del nostro cammino e sul finire. All'inizio fummo assieme per qualche anno al Collegio Pio XII di Lucino a Breganzona. Lui era padre spirituale, curava le anime, la formazione delle coscienze di questi ragazzi, io insegnavo materie letterarie in quello che allora era il ginnasio».

Poi Ascona e Friborgo li dividono, ma diventato vescovo don Mino lo chiama come pro vicario generale. Il primo era don Ernesto Storelli: «Concreto, pastorale, organizzativo. Avevo quindi bisogno di uno che avesse più una formazione teorica, che avesse più attenzione all'umanità. Quanta gente poi chiedeva di venire dal vescovo per gli esorcismi e Vitalini ha saputo avere la pazienza di ascoltare e di ricevere, di indirizzare, di comprendere. Ecco uguali ma diversi, la sua presenza fu viva nella vita della Diocesi, anche nella stampa, nei mezzi di comunicazione, nelle organizzazioni della Chiesa. Alla sua cultura universitaria non mancò di unire anche l'impegno di una pubblicistica divulgativa».

Una lontananza dal Ticino per questa figura di alto profilo che non fu dunque... un peccato? «Ma sa... proprio a Friborgo c'era un altro ticinese che invece è poi diventato Vescovo (il riferimento è a monsignor Corecco, ndr). Credo che don Vitalini abbia dato molto al Ticino e alla Diocesi pur insegnando a Friborgo dove fu anche rettore del seminario. Dopo è chiaro che la Chiesa è come i tanti colori dell'arcobaleno, e le contingenze storiche finiscono per favorire l'uno piuttosto che l'altro, fanno prendere una strada piuttosto che un'altra, e qualcuno, diventato Vescovo, ha pensato che non fosse in quella linea che bisognava muoversi, e l'ha un momento messo da parte, ma lui si è sempre speso con generosità, con serenità, anche con humour, ed è stato presente, vivo e attivo nella vita della Diocesi». 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved