ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
2 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
3 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
3 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
3 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
3 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
4 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
4 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
12.12.2019 - 19:45

Manuele Bertoli nominato presidente di 'Incontro democratico'

Succede a Diego Scacchi alla conduzione dell'associazione che riunisce esponenti radicali e progressisti

manuele-bertoli-nominato-presidente-di-incontro-democratico
Il consigliere di Stato Manuele Bertoli (Ti-Press)

A pochi mesi dal suo decimo compleanno che si celebrerà la prossima primavera, l'associazione 'Incontro democratico' (Id), che racchiude esponenti radicali e progressisti, cambia presidente. L’ex sindaco di Locarno Diego Scacchi lascia infatti il posto al consigliere di Stato Manuele Bertoli. Lo ha deciso l’assemblea dei soci riunitasi stasera a Bellinzona.

Ritorno a un confronto sul piano della cultura politica

«Oggi più di allora è necessario tornare a discutere e confrontarci sul piano della cultura politica», risponde Bertoli interpellato dalla 'Regione' a margine dei lavori. «Oggi il confronto avviene in parte sui singoli dossier e per la politica è normale, ma per quanto concerne tutto il discorso politico che sta dietro non è il massimo: la visione è spesso quella proposta solo da una formazione o da un'area, possibili punti di intersezione non vengono più considerati».

Gli obiettivi del neo-presidente

'Incontro democratico' è nata su basi precise, nel marzo 2010: difesa dello stato di diritto e della laicità dello Stato, e considerare lo Stato come elemento di equilibrio per risolvere le disuguaglianze sociali. Mettendo al bando le esasperazioni, privilegiando il confronto. Oggi, all’alba del nuovo decennio, che obiettivi si pone Bertoli? «Trovare elementi comuni sul piano della cultura politica. 'Incontro democratico' non è mai stata e mai sarà simile a una corrente di partito, ma un luogo di discussione aperto a diverse forze dell'area progressista. Sono tempi dove il popolo dà segnali di gradimento in termini generali più per chi vende meglio il prodotto, che per chi propone idee e chiede confronto».

I temi

E i suoi due obiettivi sono chiari: «Servono confronto e soluzioni su emergenza climatica, mantenendo il livello di benessere diffuso ma affrontando il problema, e sui rapporti con l’Europa: dobbiamo capire come si fa a gestire al meglio questo difficile rapporto». Finora ‘Id’ «non è riuscita a influenzare molto il mondo politico culturale ticinese», ammette con rammarico Scacchi nella sua relazione di commiato: «La società è cambiata, caratterizzata dall’incertezza, ha messo la priorità sull’interesse personale piuttosto che su quello collettivo. Il contrario dei nostri scopi». Per due motivi: «La presenza della Lega e un’ala radicale ridotta ai minimi termini dalla svolta a destra del Plr». Serve ripartire quindi, e lo si farà con Bertoli: «Serve andare oltre la mentalità di chiusura, e aprirsi davvero».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved