laRegione
Nuovo abbonamento
congiunzioni-quando-dissero-di-no
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 min
Grandi eventi, il 'cementit' che Locarno aspettava
Piani particolareggiati di Città Vecchia e centro urbano, è arrivato il sostanziale via libera del Consiglio di Stato
Ticino
20 min
Un contagio in più e zero decessi in Ticino
Coronavirus: dopo gli otto casi registrati nel weekend, durante le ultime 24 ore se n'è aggiunto uno
Bellinzonese
1 ora
Inaugurato a Carì il sentiero del montanaro
Il facile percorso per le famiglie parte dalla cassa degli impianti di risalita e richiede un'ora e mezza di cammino
Grigioni
1 ora
Le visiere in plastica 'non forniscono una protezione affidabile'
Lo sostiene il medico cantonale dei Grigioni, secondo cui trasmettono una sensazione illusoria di sicurezza
Bellinzonese
2 ore
La presidente della Confederazione visita Sobrio
Simonetta Sommaruga ha fatto tappa al Villaggio della Musica dove ha preso il via l'edizione 2020 del festival con repertorio pianistico e da camera
Mendrisiotto
3 ore
Palapenz: dentro degrado, fuori un parcheggio che sarà ristretto
Vertenza aperta fra Chiasso e Balerna sul piazzale sterrato sul retro. Il primo Comune ne rivendica l'uso, il secondo vuole ridurre lo spazio alle auto
Luganese
4 ore
Lugano, Foce 'vittima' della sua bellezza
La genesi dell'area pubblica, dal referendum bocciato alla recente chiusura. Zanini Barzaghi: 'Non è stata pensata come luogo per eventi'
Ticino
4 ore
Sventata strage: quelle armi a portata di cittadino
I fatti della Commercio riaccendono la discussione sulla diffusione di pistole e fucili. Per Norman Gobbi leggi e controlli sono severi, altri chiedono di più
Locarnese
4 ore
La Rotonda del Festival, una complessa sfida gestionale
A colloquio con Raphaël Brunschwig, direttore operativo del Festival di Locarno, sull'impegno e le motivazioni a portare avanti il progetto di Piazza Castello
Locarnese
11 ore
Statale della Val Vigezzo, i lavori possono cominciare
I primi interventi per la messa in sicurezza della strada concerneranno il viadotto di Gagnone, in territorio di Druogno
Ticino
13 ore
Plr, il dopo Caprara. Farinelli: 'Ascoltiamo anche la società'
Il consigliere nazionale, presidente della 'Cerca', spiega le tappe. E rileva: 'Importante sarà il contributo di chi è di area ma non è del partito'
Luganese
13 ore
Incendi di Caslano: chiesta la perizia psichiatrica
La procuratrice pubblica chiede che venga stabilito lo stato psichico del 72enne che aveva appiccato il fuoco
Locarnese
14 ore
Mappo-Morettina, 'se il traffico aumenta, possibile un dosaggio'
Un'analisi della Confederazione rivela come la distanza tra le vie di fuga sia ben il doppio di quella prescritta
Bellinzonese
15 ore
Annullata la festa all'alpe Piora
Lo comunica la Corporazione dei boggesi
Bellinzonese
15 ore
Il circolo di Quinto ha un nuovo giudice di pace
Designato tacitamente Max Hofmann di Prato Leventina che sostituisce Sergio Barloggio
Luganese
15 ore
Lugano, 'improponibile far pagare il parcheggio alle bici'
La sezione cittadina del Ppd è preoccupata dell'ipotesi ventilata di riscuotere tasse a carico di chi fa uso delle due ruote
Luganese
15 ore
Scollinando ritorna con un nuovo prospetto
L'evento vero e proprio è già stato fissato per il 13 giugno dell'anno prossimo ma ora c'è una segnaletica dei percorsi
Bellinzonese
16 ore
A Giornico i Samaritani diventano Scacciapensieri
Sciolta la sezione, la nuova associazione ne ha ripreso in parte i servizi nonché l'offerta ricreativa che sarà rivolta a tutta la popolazione
Bosco Gurin
16 ore
Il rustico di Germano Mattei per la seconda volta all'asta
Il proprietario si dice sorpreso per questa nuova procedura: 'Stavamo mettendo a posto le cose'. Emerge ancora la motivazione politica
Luganese
16 ore
'Abuso a Castagnola', Bianchetti ricorrerà
L'avvocato e consigliere comunale di Lugano preannuncia battaglia su una trasformazione che violerebbe le norme che tutelano i nuclei storici.
Ticino
30.07.2019 - 07:300
Aggiornamento : 07:56

Congiunzioni, quando dissero di no

Plr e Ppd si opposero, con successo, al ripristino delle ‘alleanze’ alle elezioni cantonali e comunali

“La congiunzione delle liste, lungi dall’essere quella preclara manifestazione di democrazia che affermano i suoi sostenitori, rischia di tradursi in un imbroglio ai danni degli elettori, specie di quelli meno cogniti di certe alchimie”. Parole scritte non quaranta o trent’anni fa, ma nel recente passato: nel 2017. Parole contenute nel rapporto di maggioranza dell’allora commissione parlamentare Costituzione e diritti politici, con cui Plr e Ppd chiedevano al plenum del Gran Consiglio di silurare – cosa avvenuta nella seduta del 22 gennaio 2018 – la proposta avanzata dall’Udc, e appoggiata da leghisti e socialisti, di ripristinare in Ticino, tramite una modifica della legge cantonale sull’esercizio dei diritti politici, la possibilità di congiungere le liste per le elezioni comunali e cantonali. A opporsi, come detto con successo, all’iniziativa parlamentare democentrista sono stati proprio quei due partiti che in vista delle federali di ottobre potrebbero fare ciò che solo due anni fa osteggiavano, definendolo addirittura un imbroglio nei confronti degli elettori.

Nel frattempo il conto alla rovescia è cominciato: dopodomani, 1° agosto, a Melide il Comitato cantonale del Plr deciderà se congiungere la propria lista con quella dei popolari democratici nella corsa al Consiglio nazionale. Gli ‘azzurri’ si sono già dichiarati favorevoli all’alleanza. Ora si attende il verdetto dei liberali radicali. Giovedì la discussione non mancherà, in un parlamentino oltretutto blindato, visto che la stampa, hanno stabilito i vertici del partito, non potrà partecipare ai lavori (ai cronisti riferirà il presidente Caprara al termine della seduta). In questi giorni di avvicinamento all’importante riunione, esponenti del Plr, di lungo corso e giovani, si sono espressi sulla prospettata intesa fra i due partiti storici e storicamente divisi (perlomeno sino a pochi anni fa). Un’intesa anzitutto sui temi, spiega una parte dei fautori della congiunzione, per salvare e valorizzare quel centro politico che corre altrimenti il pericolo di essere annullato/fagocitato dalla sinistra e dalla destra. Un’intesa, commentano altri con una buona dose di pragmatismo, per cercare di mantenere i seggi di entrambi i partiti a Berna, nella Camera del popolo e in quella dei Cantoni: insomma, una questione di poltrone e nulla più.

Congiunzione sì, congiunzione no? La lettura del rapporto commissionale con il quale Plr e Ppd bocciavano la reintroduzione della congiunzione nelle elezioni comunali e cantonali è comunque illuminante, in un Cantone che, rileva qualcuno, non di rado ha la memoria corta. “Oltre ai motivi già richiamati in precedenza (ambiguità del sistema proposto, motivazione opportunistico-’cadregara’ dello stesso ecc.), va osservato che la congiunzione delle liste, lungi dall’essere quella preclara manifestazione di democrazia che affermano i suoi sostenitori, rischia di tradursi in un imbroglio ai danni degli elettori, specie di quelli meno cogniti di certe alchimie. I quali probabilmente – prosegue il documento – non immaginano neppure che, votando la lista X, il loro voto possa poi essere ‘trasferito’ alla lista Y”. “Si tratta – rincara il rapporto del novembre 2017 – di un imbroglio legale (se il parlamento ed eventualmente il popolo lo vorranno), ma che non per questo cessa di essere tale”. Non solo: “È noto peraltro, e confermato dalla storia politica del nostro Cantone, che qualche ‘area’ non è mai abbastanza unita per formare un unico partito, ma non è mai neppure abbastanza divisa per formarne due o tre realmente autonomi. Le sue varie formazioni ricorrono quindi volentieri al mezzuccio di presentarsi separate ma di spalleggiarsi a vicenda, per puntellare qualche seggio ‘a rischio’. Occorre però chiedersi se sia davvero compito della legge assecondare questi giochetti. A nostro parere, la risposta è no”. Parole messe nero su bianco poco meno di due anni fa.

Agustoni (Ppd) e Celio (Plr): ‘Ma per il Nazionale sono permesse dalla legge’

C’era pure la firma del capogruppo popolare democratico Maurizio Agustoni, sul rapporto di maggioranza poi votato dal Gran Consiglio che chiedeva di rigettare la proposta di reistituire la possibilità di congiungere le liste per le elezioni di parlamento e Consiglio di Stato. Un rapporto molto duro (vedi articolo sopra). Eppure proprio chi ha affossato quella proposta – vale a dire Plr e Ppd – è sempre più vicino a stringere un accordo in vista delle elezioni federali. È la pragmatica vittoria della realpolitik o il vento è cambiato? «Alt, stiamo parlando di due cose diverse», risponde netto Agustoni raggiunto dalla ‘Regione’. Nel senso che, spiega, «la proposta che abbiamo contrastato in Gran Consiglio era per le elezioni cantonali e comunali, dove le congiunzioni erano possibili fino a qualche anno fa prima che fosse introdotto un sistema elettorale più favorevole alle minoranze». Sarebbe stato «un cambiare le regole del gioco a un minuto da mezzanotte – riprende Agustoni – in un contesto dove non c’è un problema di rappresentanza politica (in Gran Consiglio si ottengono deputati con poco più dell’1% e sia in Consiglio di Stato che nei principali Municipi sono presenti tutte le forze politiche)». Discorso diverso per Berna, dove «la legge federale prevede da tempo le congiunzioni per il Consiglio nazionale per consentire un’adeguata rappresentanza a tutte le aree politiche, altrimenti a rischio». Quello che Celio (Plr) nel suo rapporto a livello cantonale definì “un imbroglio legale” – «definizione un po’ eccessiva, che nel mio intervento in aula non ho utilizzato», dice Agustoni – per l’esponente popolare democratico «a livello federale risponde ad altre logiche». D’accordo, ma se ipotetiche congiunzioni alle cantonali son state definite come “strumentali” anche nel dibattito in aula, concederà che di fronte alle trattative tra Plr e Ppd si possa pensare la stessa cosa, essendo l’obiettivo di chiunque si presenti alle elezioni fare seggi. Non proprio, risponde Agustoni: «Alle elezioni federali è possibile congiungersi, è un fatto. Sinistra e destra hanno deciso di farlo per ridimensionare la voce dell’elettorato di centro. Ppd e Plr devono decidere se provare a difendere questa voce dagli attacchi altrui». Tesi, questa, portata avanti anche dall’ex granconsigliere Plr Franco Celio. Arrembante nel suo rapporto di due anni fa e nel discorso in Gran Consiglio contro le congiunzioni, alla ‘Regione’ (cfr. edizione del 28 giugno) si disse “possibilista” su un accordo col Ppd. Cosa è cambiato, gli chiediamo: «La mia idea sulle congiunzioni è quella espressa nel rapporto, non l’ho cambiata. Ma a livello federale sono consentite, si possono fare addirittura le sottocongiunzioni. A me sembra che, dal momento che vengono fatte dagli altri non sia un delitto se anche il Plr sceglie di percorrere questa strada. Sono permesse, perché non farne uso?».

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved