laRegione
Nuovo abbonamento
Keystone
Ticino
28.07.2019 - 17:230

Boom di voli a Malpensa. 'Con che impatto sul Ticino?'

Quadranti (Plr) interroga il Consiglio di Stato sulle conseguenze ambientali dello stop forzato di Linate e sulle tempistiche della chiusura dello scalo

“Quanto inciderà sulla salute dei ticinesi la chiusura dell’aeroporto di Linate per i prossimi mesi con relativo spostamento di tutti i voli all’aeroporto di Malpensa notoriamente più prossimo a noi? Quale sarà l’aumento di inquinamento da attendersi?”. Sono alcune delle domande che Matteo Quadranti, deputato Plr, pone al Consiglio di Stato in un’interrogazione con cui torna sullo stop forzato del Forlanini iniziato l’altroieri e conseguente spostamento di aerei, passeggeri e bagagli sullo scalo varesino (vedi la ‘Regione’ del 25 luglio). Lavori non più procrastinabili che dovrebbero durare tre mesi, stando a quanto previsto dalla Sea, la società che gestisce gli aeroporti lombardi. “Il governo ticinese – chiede a tal proposito Quadranti – nell’ambito magari degli incontri con i rappreentanti della Regione Lombardia ha avuto modo di ottenere informazioni e rassicurazioni sul rispetto della tempistica dei lavori a Linate?”.

Test superato, la prova di fuoco da oggi

Anche perché la concentrazione del traffico aereo sul solo aereoporto di Malpensa implica per i passeggeri una serie di disagi, considerato che è atteso un aumento medio di circa un terzo. Il primo weekend tutto sommato è filato via abbastanza liscio: qualche coda sulla statale 336 per raggiungere l’aeroporto e sulle rampe di accesso ai terminal, un po’ di ressa alle caffetterie, attese più lunghe del solito ai check-in. Ma complessivamente – scrive l’Ansa – le cose sono funzionate. La prova vera inizia oggi, con chi vola per lavoro, e il prossimo weekend, con l’esodo italiano per le vacanze. Con il suo atto parlamentare Quadranti però pone l’accento soprattutto sull’impatto ambientale dell’operazione: “Sono immaginabili delle vie legali per reclamare, tutelare o risarcire il Ticino per l’aggravio della salute dei ticinesi? È dato sapere quali siano i passi concreti che sta facendo l’Italia e in particolare le Regioni Lombardia e Piemonte per tutelare il clima a causa del settore dell’aviazione?”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved