Ticino
11.06.2019 - 14:560
Aggiornamento : 17:54

Rally non autorizzato sull'A2, multati tre conducenti

Fermati nel Sopraceneri mentre sfrecciavano fra 166 e 195 chilometri orari. Al terzetto, che stava partecipando al RunBall Rally, è stato imposto il divieto di circolazione in Svizzera.

Sono stati fermati ieri nel Sopraceneri dalla Polizia cantonale i tre conducenti stranieri che stavano partecipando al RunBall Rally, la manifestazione amatoriale che si disputa con automobili di grossa cilindrata attraverso tutta Europa.  Ogni anno riunisce centinaia di vetture per un tour di sette giorni in città del vecchio continente. La Polizia cantonale era al corrente che l’evento sarebbe transitato dal Ticino, e ha quindi predisposto un apposito dispositivo al fine di evitare potenziali rischi per gli altri utenti della strada. I tre conducenti hanno rispettivamente sfrecciato sull'autostrada A2, interessata nel corso della giornata da forti piogge, a 195, 169 e 166 chilometri orari. I tre, che stavano percorrendo la prima tappa dell’edizione 2019 da Basilea a Modena, sono dunque stati multati nonché denunciati al Ministero pubblico per grave infrazione alla Legge federale sulla circolazione stradale. Inoltre, è stato loro intimato il divieto di circolazione in Svizzera. Sull'A2, insieme a loro sono transitati pure altri partecipanti al rally, che viaggiavano però entro i limiti consentiti. 

Da noi contattata, la Polizia cantonale ha preferito non rilevare il luogo dove è stato installato l 'apparecchio radar. 

Lusso, feste e belle ragazze 

Sul proprio sito web, il Run Ball Rally è descritto come una delle manifestazioni automobilistiche più sportive e lussuose. Sempre sul proprio portale online, gli organizzatori invitano gli interessati a lanciarsi in un viaggio indimenticabile, folle e all’insegna del divertimento, con panorami mozzafiato, eventi, feste esclusive e belle ragazze.

Nel prezzo d’iscrizione alla manifestazione (2'790 euro), sono compresi pernottamenti in alberghi lussuosi, prevendite per discoteche e naturalmente la possibilità di beneficiare di tutta l’assistenza per il veicolo.

Oltre a Basilea e Modena, le altre mete del rally (iniziato l'8 giugno e che si concluderà il 15) sono Firenze, Montpellier, Valencia, Madrid e Marbella. 

 

Tags
rally
a2
conducenti
tre conducenti
polizia
polizia cantonale
circolazione
© Regiopress, All rights reserved