Napoli
3
Lazio
0
2. tempo
(3-0)
CAR Hurricanes
2
WAS Capitals
4
fine
(0-0 : 0-2 : 2-2)
MIN Wild
3
TB Lightning
2
3. tempo
(2-1 : 0-1 : 1-0)
gysin-rompe-gli-indugi-mi-candido-e-per-gli-stati
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
29 min

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
3 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
4 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
4 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
4 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
4 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
5 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
5 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
5 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
5 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
01.06.2019 - 06:000

Gysin rompe gli indugi: 'Mi candido. E per gli Stati...'

L'ex granconsigliera ticinese pronta a sollecitare un posto al Consiglio nazionale. Sulla candidatura alla camera alta dice al Ps: 'Scelta nostra'

a cura de laRegione

Greta Gysin scioglie le riserve ed è pronta a scendere in campo per le elezioni federali. La lista è quella unica che i Verdi del Ticino intendono creare con Comunisti e Forum alternativo. L’area di riferimento è quella rosso-verde, con la ormai scontata congiunzione al Consiglio nazionale con il Partito socialista. «Di sicuro sono pronta a candidarmi per il Nazionale, mentre ci sono ancora alcune riflessioni da fare sul Consiglio degli Stati», ci dice l’ex granconsigliera di Rovio, ora domiciliata nel canton Zurigo. Riflessioni in buona parte innescate dall’auspicio del Ps, espresso dal presidente cantonale Igor Righini, di avere una sola candidata d’area per la Camera dei Cantoni. Candidata che porta il nome della consigliera nazionale socialista Marina Carobbio.

«Si tratta di una questione delicata e, per ora, ancora aperta – commenta Gysin –. Come Verdi stiamo discutendo molto al nostro interno sul da farsi e dovremo sicuramente tenere conto di quanto auspicato dal Ps, e da Carobbio in particolare. Ma deve essere chiaro che la decisione finale è dei Verdi e dei suoi partner principali, ovvero Forum alternativo e Pc. Ci siamo dati tempo fino a fine giugno. Personalmente non sono convinta che una candidatura unica per gli Stati sia la strategia migliore, perché con un ticket o una doppia candidatura si favorisce l’area».

Gysin, volto noto a sud delle Alpi, ha lasciato la politica nel 2015, non ricandidandosi per il Gran Consiglio. Domani l’assemblea elettorale dei Verdi – in programma alla Filanda di Mendrisio – potrebbe sancire il suo ritorno su una lista.

Come mai la decisione di tornare?

Siamo a un bivio nella politica climatica e le scelte dei prossimi anni saranno determinanti per la storia stessa dell’umanità. Voglio dare il mio contributo.

C’è poi l’occasione di un raddoppio rosso-verde al Nazionale, con un posto, forse, per gli ecologisti...

Sì, effettivamente il momento è propizio anche per spostare l’ago della bilancia della deputazione ticinese un po’ più verso le nostre sensibilità. In generale le due Camere, attualmente, sono troppo a destra e hanno una eccessiva prevalenza maschile.

Alle ultime elezioni cantonali in Ticino non si è però assistito allo tsunami ecologista. Un segnale negativo in vista di ottobre?

Solo il fatto che il partito abbia tenuto, nelle condizioni particolari in cui si è trovato in Ticino, significa che l’onda verde c’è stata. Le federali comunque sono un altro tipo di elezione e sono convinta che potremo ottenere un risultato importante.

Ovvero?

Penso che i Verdi ticinesi possano ambire a un posto al Nazionale. E, comunque, vi sono buone probabilità di un raddoppio.

Con l’aiuto di tutta la sinistra: un’unione che è stata impossibile per le cantonali...

Se fossimo tutti d’accordo su tutti i temi e avessimo le stesse idee non ci sarebbe bisogno di creare partiti diversi. Qui però è questione di sensibilità di base. Le strategie sono due: o si corre per i fatti propri e si rappresenta ogni sfumatura del proprio pensiero, o ci si concentra sui temi comuni. In passato l’aver corso separati non ha funzionato e non si è fatto altro che rafforzare compagini che non hanno nulla a che fare con le nostre idee. È ora di provare un’altra strada.

A pagina 3 del giornale l'intervista integrale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved