Olympiakos Piraeus
2
Tottenham
2
2. tempo
(1-2)
Club Brugge
0
Galatasaray
0
2. tempo
(0-0)
Bayern Monaco
Crvena Zvezda
21:00
 
Paris Saint Germain
Real Madrid
21:00
 
Shakhtar Donetsk
Manchester City
21:00
 
Dinamo Zagreb
Atalanta
21:00
 
Atletico Madrid
Juventus
21:00
 
Bayer Leverkusen
Lokomotiv Moscow
21:00
 
Visp
1
Sierre
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Olympiakos Piraeus
CHAMPIONS UEFA
2 - 2
2. tempo
1-2
Tottenham
1-2
GUILHERME DOS SANTOS
14'
 
 
 
 
26'
0-1 KANE HARRY
 
 
30'
0-2 MOURA LUCAS
1-2 PODENCE DANIEL
44'
 
 
2-2 VALBUENA MATHIEU
54'
 
 
14' GUILHERME DOS SANTOS
KANE HARRY 0-1 26'
MOURA LUCAS 0-2 30'
44' 1-2 PODENCE DANIEL
54' 2-2 VALBUENA MATHIEU
Venue: Georgios Karaiskakis Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 33,310.
Referee: Gianluca Rocchi (ITA).
Assistant referees: Filippo Meli (ITA), Ciro Carbone (ITA).
Fourth official: Daniele Doveri (ITA).
Video Assistant Referee: Paolo Valeri (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Maurizio Mariani (ITA).
Sidelined Players: TOTTENHAM - Lo Celso (Injured).
MATCH SUMMARY: Sides last met in 1972/73 UEFA Cup.
Spurs won 4-0 at home, lost 1-0 away.
Hosts winless in 8 GROUP games: D1 L7.
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Club Brugge
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
2. tempo
0-0
Galatasaray
0-0
 
 
56'
LEMINA MARIO
OPENDA LOIS
73'
 
 
 
 
73'
NZONZI STEVEN
VORMER RUUD
80'
 
 
LEMINA MARIO 56'
73' OPENDA LOIS
NZONZI STEVEN 73'
80' VORMER RUUD
Venue: Jan Breydel Stadium.
Turf: Natural (Mixto Hybrid Grass Technology).
Capacity: 29,042.
Referee: Slavko Vincic (SVN).
Assistant referees: Tomaz Klancnik (SVN), Andraz Kovacic (SVN).
Fourth official: Nejc Kajtazovic (SVN).
Video Assistant Referee: Daniele Orsato (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Michael Fabbri (ITA).
Sidelined Players: GALATASARAY - Belhanda (Injured).
MATCH SUMMARY: Sides met in 2002/03 1st GROUP stage.
Brugge drew 0-0 away, won 3-1 at home.
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Bayern Monaco
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
21:00
Crvena Zvezda
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Paris Saint Germain
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
21:00
Real Madrid
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Shakhtar Donetsk
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
21:00
Manchester City
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Dinamo Zagreb
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
21:00
Atalanta
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Atletico Madrid
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
21:00
Juventus
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Bayer Leverkusen
CHAMPIONS UEFA
0 - 0
21:00
Lokomotiv Moscow
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Visp
LNB
1 - 0
2. tempo
1-0
0-0
Sierre
1-0
0-0
1-0 RITZ
9'
 
 
9' 1-0 RITZ
Ultimo aggiornamento: 18.09.2019 20:36
Ticino
24.05.2019 - 09:460
Aggiornamento : 11:24

I Verdi chiedono lo stato di emergenza climatica in Ticino

L'impegno c'è - sostengono - ma non è sufficiente. I Comunisti sollecitano l'istituzione di un fondo di ricerca

Dichiarare lo stato di emergenza climatica in Ticino, “riconoscendo la mitigazione del riscaldamento climatico e delle sue gravi conseguenze come un compito di massima priorità e varare un piano d’azione conseguente”. Lo chiede con una mozione parlamentare il gruppo dei Verdi in Gran Consiglio (prima firmataria Cristina Gardenghi, più adesioni trasversali). “Poiché le azioni del nostro parlamento e governo – premette la deputata – non tengono ancora sufficiente conto del delicatissimo periodo storico in cui stiamo vivendo (un ultimo esempio la decisione di finanziare l'aeroporto in completa contraddizione con le parole del sindaco di Lugano e del DT) è importante dare un forte segnale all'interno delle istituzioni cantonali”. Tenuto conto che il Ticino sarà interessato in misura superiore alla media dal riscaldamento globale – prosegue l'elenco delle richieste – occorre “varare anche un piano d’azione di misure per l’adattamento al clima ancora più incisivo degli sforzi già intrapresi, apprezzabili ma non sufficienti”. E ancora: “Fare in modo che nelle loro decisioni tutte le istituzioni cantonali tengano conto dell’impatto sul clima e della sostenibilità ambientale, sociale ed economica e, ove possibile, si dia la priorità alle soluzioni più compatibili con la riduzione delle emissioni di gas serra e in grado di minimizzare l’impatto sull’ambiente”. In definitiva si tratta di “varare misure efficaci per ridurre le emissioni di gas serra”. Non da ultimo: “Fornire regolarmente alla popolazione ticinese informazioni aggiornate e complete sul cambiamento climatico, le sue cause e i suoi effetti e sull’efficacia o meno delle misure adottate per contrastare il fenomeno. E stilare un vademecum all’attenzione dei Comuni e dei cittadini sulle misure da implementare a livello locale e personale per limitare il riscaldamento climatico”.

Anche i deputati comunisti Lea Ferrari e Massimiliano Ay scendono in campo con una ricetta: tramite una mozione chiedono l'istituzione di un fondo di ricerca per affrontare il cambiamento climatico: “Coscienti del fatto che esso costituisca un processo sempre più difficilmente reversibile, la comunità scientifica e quella internazionale hanno integrato due nuove prospettive, quella dell’adattamento (agli effetti del riscaldamento globale) e quella della resilienza (ovvero la capacità sociale di resistere ai danni prodotti dal cambiamento climatico). Riteniamo quindi importante elaborare strategie concrete per l’agricoltura ticinese, per la qualità di vita cittadina, per il risparmio idrico. Per andare in questa direzione servono però ulteriori ricerche”. Il Fondo di ricerca permetterebbe di affrontare il cambiamento climatico in Ticino “sfruttando le esigenze di un Cantone a vocazione agricola e le eccellenze dei poli tecnologici e di ricerca (dalla Supsi alla Scuola agraria di Mezzana). Le soluzioni attese dalle ricerche così promosse possono ispirarsi all’esempio virtuoso del progetto “Acclimatasion” della città di Sion in collaborazione con l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale. Inoltre in questo modo si sosterrà indirettamente anche Agroscope nella sede di Cadenazzo, il trasferimento di conoscenze tra ricerca e pratica e l’applicazione di tesi e scoperte SUPSI, la sensibilizzazione di attori economici alla problematica della transizione climatica e al sensato sfruttamento delle risorse e la messa in rete di aziende innovative con l’amministrazione pubblica”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
ticino
ricerca
cambiamento climatico
misure
riscaldamento
cambiamento
emergenza climatica
clima
emergenza
fondo
© Regiopress, All rights reserved