laRegione
armi-vietate-in-ticino-una-ventina-di-permessi-l-anno
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'

Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
3 ore

Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso

Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
7 ore

‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’

Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
7 ore

Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio

Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
7 ore

Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano

Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
7 ore

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
16 ore

Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'

Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Ticino
17.05.2019 - 19:450
Aggiornamento : 21:22

Armi vietate, in Ticino una ventina di permessi l'anno

I dati nella risposta del governo a Lepori (Ps). Nessuno verifica se il motivo indicato per l'acquisto viene poi rispettato

Siamo attorno alla ventina di permessi eccezionali l’anno concessi in Ticino per armi vietate dalla legge, come mitragliatrici, taser o coltelli particolari. Mentre il numero di permessi d’acquisto di armi si conferma in crescita (tendenza in atto a livello nazionale), ben oltre il migliaio l’anno (2012: 1’043 permessi; 2017: 1’723; 2018: 1’319). Delle cifre dà conto il governo nella risposta all’interrogazione di Carlo Lepori (Ps), da cui si evince che la motivazione addotta da chi intende acquistare un’arma non serve praticamente a nulla. Perché “per acquisire un’arma non è necessario provare un bisogno – spiega il Consiglio di Stato –. L’indicazione di un motivo d’aquisto non può quindi fungere da pretesto per mettere in dubbio l’aquisto di un’arma di per sé”. Di più: “La legge non prevede una verifica del rispetto del motivo indicato nella relativa domanda di acquisto”.

Quindi anche se la motivazione regge, ad esempio citando il tiro sportivo, nessuno controllerà mai se in seguito l’acquirente la rispetta, recandosi effettivamente al poligono di tiro. Vi sono state richieste respinte – 5 nel 2012, 21 nel 2017 e 17 nel 2018 – ma “tutte le decisioni di diniego” vengono prese in ossequio alla legge, “che determina in modo chiaro i criteri per cui un’autorizzazione non viene concessa”. Questi non entrano nel merito della motivazione indicata per l’acquisto, bensì piuttosto si concentrano sull’identikit del richiedente.

Le vittime di armi da fuoco? 'I suicidi sono in calo'

La ripresa delle norme Schengen, al voto questo weekend, “non ritiene il governo – chiede Lepori – sia una misura importante per evitare una diffusione incontrollata di armi pericolose?” La risposta: “Pur essendo quella proposta una tesi proponibile, lo scrivente Consiglio tiene d’altra parte ad evidenziare che l’attuale testo della legge federale prevede già la possibilità per l’autorità di intervenire, anche in misura preventiva, in caso di segnali sospetti sequestrando le armi al cittadino (senza effetto sospensivo della decisione in caso di ricorso)”.

Quanto al numero di vittime di armi da fuoco in Ticino l’unico dato disponibile è quello dei suicidi, in diminuzione negli ultimi anni. Dato “senz’altro incoraggiante”, annota il governo: erano stati 52 nel 2013; sono scesi progressivamente fino a 32 nel 2018.

© Regiopress, All rights reserved