laRegione
Nuovo abbonamento
ipotesi-tandem-storico
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
11 ore

Ufficio tecnico, 'un edificio per i cittadini di Chiasso'

Scelto il progetto, entro fne anno il Municipio chiederà il credito di progettazione e nel 2021 i 4 milioni per la costruzione
foto
Luganese
14 ore

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
14 ore

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
16 ore

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
19 ore

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
19 ore

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
19 ore

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
1 gior

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
1 gior

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
1 gior

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Luganese
1 gior

Tram Treno, le associazioni ambientaliste: si deve fare di più

I tre sodalizi chiedono al progetto del Dipartimento del territorio: riassetto dello snodo di Cavezzolo e mantenimento della linea di collina
Luganese
1 gior

I City Angels di Lugano distribuiranno 4000 mascherine gratis

Iniziativa di aiuto per combattere la pandemia, grazie al sostegno di due società ticinesi
Ticino
09.04.2019 - 06:100

Ipotesi tandem ‘storico’

Due poli uniti verso le 'federali'. E il ‘centro’? Ppd e Plr valutano il da farsi. Spunta un’ipotesi: un’alleanza per salvare i seggi in pericolo.

Un’alleanza di ‘centro’ tra Plr e Ppd per salvare i seggi a rischio a Berna, minacciati sia da una destra (Lega-Udc) che da una sinistra (Ps-Verdi e altre formazioni minori) che verosimilmente congiungeranno le rispettive liste? Mancano più di sei mesi alle elezioni federali: da qui alla metà di ottobre il contesto potrebbe anche cambiare in modo repentino. E poi nei quartier generali di Plr e Ppd in Ticino si comincia appena a ragionare a bocce ferme, alla luce dei risultati del Gran Consiglio giunti nella serata di ieri. Ma quella che di primo acchito sembra fantapolitica è più di una speculazione: «L’ipotesi è sul tavolo. Non escludo nulla a priori. Valuteremo nelle prossime settimane», dichiara alla ‘Regione’ il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò.

A catalizzare l’attenzione è anzitutto l’unico – almeno al momento – dei 10 seggi della Deputazione ticinese che ad ottobre verrà lasciato libero: quello di Fabio Abate (Plr) agli Stati. La sinistra proverà ad accaparrarselo con l’attuale presidente del Consiglio nazionale Marina Carobbio Guscetti (Ps); e anche la destra ci proverà, con il consigliere nazionale democentrista Marco Chiesa e/o il leghista Battista Ghiggia, già candidato nel 2015 per il tandem Lega-Udc. Per il Plr il nome più accreditato è quello del consigliere nazionale Giovanni Merlini, che però sin qui non si è sbilanciato. Neanche l’altro ‘senatore’ ticinese, Filippo Lombardi, lo ha fatto. Ma alla fine dovrebbe essere ancora una volta lui – dal 1999 agli Stati – a correre per i popolari-democratici, grazie a un’ulteriore deroga che il Ppd cantonale non dovrebbe mancare di concedergli.

La contesa è aperta. Grazie alla lunga esperienza nelle istituzioni, alla carica di presidente della Camera del popolo e al fatto che è donna, Marina Carobbio può oggi sperare di pescare consensi anche al di fuori del bacino elettorale di riferimento, conditio sine qua non per spuntarla in un’elezione col sistema maggioritario come quella per il Consiglio degli Stati. A destra, anche Ghiggia o Chiesa partirebbero con giustificate ambizioni.

Una sinistra unita, una destra anche; che possono presentare buoni candidati, dal profilo ideologicamente non ‘spigoloso’, potenzialmente eleggibili anche da chi di solito non vota il loro partito, quindi in grado di rivaleggiare seriamente con un Giovanni Merlini (o chi per esso) e un Filippo Lombardi. Aggiungiamo pure a tutto questo la forma non certo esaltante che Ppd e Plr hanno dimostrato di avere a queste elezioni cantonali (in termini di schede nell’elezione per il Consiglio di Stato, il Ppd è ormai il quarto partito; e il Plr nell’elezione per il rinnovo del Governo ha fatto segnare il peggior risultato della storia): a questo punto, un centro diviso – con un Ppd che per di più vede il suo secondo seggio al Nazionale minacciato da una sinistra compatta, smaniosa di recuperare il mandato perso nel 2011 e che mette gli occhi anche su uno dei tre seggi di Lega e Udc – non rischia di finire schiacciato tra i due poli?

L’ipotesi è questa: il Ppd darebbe una mano al Plr a difendere il seggio lasciato vacante da Fabio Abate agli Stati (con un ‘ticket’ o una qualche forma di accordo/patto di non belligeranza tra Lombardi e il candidato liberale-radicale); in cambio, il Plr sosterrebbe (secondo modalità da definire) il Ppd nella difesa del secondo seggio al Nazionale. «Sarebbe logico che i due partiti collaborino di più», dice Fiorenzo Dadò. Per il presidente Ppd, «l’alleanza più logica sarebbe quella dei partiti di centro». Ma «non scarto ipotesi di alleanze con altre forze», puntualizza. «Finora, però, non è stato intavolato alcun tipo di discorso», aggiunge Dadò. Il presidente cantonale del Plr Bixio Caprara: «Disponiamo di un’ampia scelta di candidati di grandissima qualità». Ma un’alleanza col Ppd? «Prematuro» parlarne. «Lavoreremo volentieri con chi vorrà condividere valori comuni. Mi lascio sorprendere: molto dipenderà da quello che capiterà nei prossimi mesi», dice.

L’alleanza tra Plr e Ppd è da tempo realtà in molti Cantoni. Ma qui le costellazioni politiche sono diverse. E la storia ha il suo peso. A Sud delle Alpi una simile opzione sarebbe se non un azzardo, quantomeno una difficile scommessa. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved