laRegione
Nuovo abbonamento
gli-agenti-di-polizia-chiedono-piu-giorni-liberi
Ti-Press
Ticino
23.03.2019 - 14:500

Gli agenti di polizia chiedono più giorni liberi

il sindacato Vpod scrive al Dipartimento istituzioni e al Comando della PolCantonale: ‘Si sta banalizzando il tema’

Si sta “banalizzando l’affaticamento degli agenti”. A scriverlo è il sindacato Vpod polizia in una lettera indirizzata nei giorni scorsi al Dipartimento delle istituzioni e al Comando della Cantonale. Quindi, rispettivamente, al consigliere di Stato Norman Gobbi e al comandante Matteo Cocchi.

Nella missiva si sollecita un aumento dei giorni di congedo per la Gendarmeria a 118/119, parificandoli così a quelli delle Comunali. “Questo problema è stato segnalato più volte ai nostri superiori – si legge nella lettera firmata dai copresidenti Andrea Pomponio e Joel Scaglia e dal segretario Raoul Ghisletta – ma dai rapporti dei capigruppo abbiamo notato che il problema non si tematizzare”. La questione è sul tavolo “da qualche anno” con due alternative: portare l’orario di lavoro a 8 ore e 24 minuti al giorno oppure aumentare i giorni di congedo. “Ci è stato risposto che questo potrebbe avvenire unicamente se ci fosse un aumento di effettivi di 30 persone”. Ma “vorremmo sapere come si è arrivati a quel numero” visto che “secondo i calcoli in seguito esposti, a noi risulta” una cifra ben diversa. Ovvero “una differenza di 3,5 persone”.

Prosegue lo scritto: “La Polizia Città di Lugano, per ovviare al problema, sta testando con i propri agenti l’aggiunta di 15 minuti prima e 15 minuti dopo il turno (30 minuti totali di lavoro)” in modo da “poter recuperare dopo una rotazione di 7 giorni (...). Da parte nostra non si chiede questo, ma di poter avere, con quei 118 giorni, l’inizio e la fine notte di riposo”.
Per la Vpod polizia “il livello di stress per gli agenti è cresciuto negli ultimi anni”. A confermarlo sarebbero “dati medici e statistiche svizzere: in generale dobbiamo gestire procedure sempre più complesse, videosorveglianze che inquadrano il nostro operato, cellulari sempre pronti a riprenderci e opinione pubblica giustamente attenta all’operato della polizia”.

Per questo i sindacati chiedono al Di e al Comando di agire a favore di un “rapido miglioramento delle condizioni di lavoro allo scopo di fermare la preoccupante emorragia di partenze verso le Polizie comunali”.

© Regiopress, All rights reserved