Per di qua
Ticino
20.03.2019 - 08:490

La Pro Gottardo: 'Fatti, non solo intenzioni'

'Un'Alptransit completa anche su territorio ticinese. E che venga realizzata subito, e non solo nel 2050'

Bene per l'intenzione, espressa dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga, di "riprendere ancora quest’anno gli studi su Alptransit che interessano il Cantone Ticino". Soddisfazione viene espressa dal comitato della Pro Gottardo, secondo cui la ministra socialista "non solo ha dichiarato l’esplicita volontà di riprendere gli studi di progettazione Alptransit che interessano il Ticino, ma ha affermato che sono anche disponibili le risorse finanziarie per tali studi". Studi che secondo Pro Gottardo "devono essere portati ad un grado di dettaglio pre-esecutivo, in modo da poter procedere alla realizzazione il più presto possibile, e non nel 2050".

Altri motivi di soddisfazione sottolineati da Pro Gottardo sono la mozione inoltrata da un gruppo di parlamentari del Gran Consiglio per chiedere che il Consiglio di Stato si adoperi presso il Consiglio federale per sostenere la necessità del prolungamento a sud di Alptransit, e la presa di posizione del Plrt che riguarda le priorità di realizzazione del sistema dei trasporti del cantone ed in particolare la necessità di dover attendere gli studi sul completamento di Alptransit prima di avviarsi sul cammino della realizzazione delle corsie autostradali supplementari tra Lugano sud e Mendrisio. "Ciò rientra in una logica delle priorità che dovrebbe essere adottata anche a livello nazionale".

Il comitato della Pro Gottardo prosegue: "Siamo coscienti che il finanziamento del sistema dei trasporti (strada e ferrovia) è previsto attualmente attraverso due fondi separati con gli importi finanziari non interscambiabili. Siamo d’altra parte convinti che l’impostazione strategica delle priorità delle realizzazioni deve essere stabilita anche secondo il criterio della sostenibilità ambientale che implica il superamento delle rigidità di due distinte pianificazioni riferite ai due fondi specifici secondo un’esclusiva visione di tipo trasportistico. E l’esempio del Mendrisiotto dimostra che la ferrovia può dare una risposta ai problemi di inquinamento dell’aria e non la strada. Anche il ricorso ad un fondo di finanziamento supplementare speciale per l’opera, considerati i costi rilevanti dovuti alla attuazione della cosiddetta croce federale (linee ferroviarie S.Gallo-Ginevra e Chiasso-Basilea, da noi prospettato, ha trovato l’adesione da parte del Plrt, il che non può che rallegrarci".

Quanto alla situazione delle discussioni sulla Tav in italia e la prospettata adesione della stessa alla cosiddetta Via della seta ("si tratta in sostanza di grandi opere infrastrutturali di tipo ferroviario e di trasporto marittimo di portata continentale") con un accordo con la Cina, ciò "ha suscitato l’attenzione dei membri di comitato. Anche se lo stato delle discussioni è ancora abbastanza confuso, ad esempio il primato del porto di Trieste per il trasporto delle merci sud-nord e viceversa come riportato da alcuni quotidiani italiani, riteniamo che ciò implichi un ulteriore motivo per accelerare la realizzazione del corridoio Genova-Rotterdam, e quindi un’Alptransit completa anche su territorio ticinese. Si tratta infatti di dar seguito al detto 'chi prima incomincia è a metà dell’opera' e mettere l’accento sui fatti e non solo sulle intenzioni".

In conclusione, il comitato ha deciso di continuare la sua azione intensificando ulteriormente la collaborazione con la deputazione ticinese, ed in particolare con i membri della commissione dei trasporti in vista della discussione della trattanda “programma di investimenti ferroviari 2030-2035” in seno al Consiglio nazionale.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
pro gottardo
alptransit
gottardo
pro
studi
consiglio
realizzazione
comitato
ticinese
solo intenzioni
© Regiopress, All rights reserved