Ticino
10.11.2018 - 15:060

Elezioni cantonali: Udc all'attacco del seggio socialista

Il presidente Marchesi rassicura i presenti al Congresso: 'Saltato l'accordo con la Lega puntiamo a rafforzare la destra in Consiglio di Stato'

Seppure di nomi ancora non se ne fanno, dal Congresso dell'Udc di sabato mattina arriva l'attacco al Partito socialista. Il presidente Piero Marchesi, sollecitato dalla sala sul naufragio dell'accordo elettorale con la Lega, ribadisce come a questo punto i democentristi presenteranno la propria cinquina per il Consiglio di Stato. Non con l'obiettivo di attaccare i due uscenti Norman Gobbi e Claudio Zali (il primo peraltro presente all'incontro), ma per rafforzare la destra nell'Esecutivo. “Non vogliamo rubare un seggio alla Lega – dice Marchesi dal pulpito –. Puntiamo al seggio del Partito socialista!”.

Anche perché la collaborazione sui temi con Via Monte Boglia «è un dato di fatto e continuerà ad essere garantita anche in futuro». Mentre è proprio in fatto di temi che con la Sinistra l'Udc non c'azzecca. Anzi. La battaglia vinta sul referendum contro la 'Scuola che verrà' dimostra, per Marchesi, come l'obiettivo di accedere al governo «è ambizioso ma nemmeno troppo lontano, alla luce anche del sostegno popolare alle nostre iniziative», come nel caso della votazione di settembre sulla riforma presentata da Manuele Bertoli.

«A meno di cataclismi la lista sarà presentata al comitato cantonale del 18 dicembre – informa Marco Chiesa, coordinatore della campagna per le elezioni cantonali e federali –. I nominativi saranno poi ratificati dal Congresso del 19 gennaio. Siamo un poco in ritardo perché determinate contingenze hanno fatto sì che ci fosse un décalage...». L'accordo con la Lega era infatti a un passo dal concretizzarsi. Il congresso di sabato sarebbe dovuto servire a ratificarlo. Così non è stato. La campagna è comunque lanciata.

Tags
udc
seggio
marchesi
lega
congresso
accordo
elezioni cantonali
attacco
stato
elezioni
© Regiopress, All rights reserved