ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Domenica sarà festa al club nautico di Morcote

L’evento - tra musica, gite in barca e attività varie - è rivolto a tutta la famiglia e vuol dare la possibilità di scoprire il mondo della vela
Bellinzonese
4 min

Bellinzona, ‘L’usignolo’ per la prima di MaxiTeatro

Venerdì 30 settembre scatta la rassegna per adolescenti con lo spettacolo che trae spunto dalla fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen
Mendrisiotto
7 min

Sagra del Borgo, ‘rifiuti separati in modo corretto?’

In un’interrogazione al Municipio di Mendrisio, Claudia Crivelli Barella (L’AlternativA) evidenzia l’uso di bicchieri usa e getta
Locarnese
7 min

‘Evviva il fotovoltaico e le comunità di autoconsumo’

Le considerazioni “energetiche” del municipale Zanchi prima del voto favorevole ai 330mila franchi per l’impianto alla Scuola dell’infanzia ai Saleggi
Luganese
12 min

Val Mara, in arrivo castagnata e mercatino dell’usato

L’appuntamento è per domenica 23 ottobre in piazza Fontana a Rovio dalle 14 alle 17. Per il mercatino, necessario iscriversi.
Locarnese
21 min

Locarno, torna la Festa dei Popoli

Un ricco programma in Piazza Grande per imparare a conoscersi e a rispettarsi
Ticino
23 min

Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Mendrisiotto
25 min

A Balerna una serata di approfondimento sulle Arp

Appuntamento all’11 ottobre all’aula magna delle scuole medie. Interverranno Franco Lardelli, Alessia Dolci e Mario Ferrarini.
Mendrisiotto
35 min

Kiwanis Mendrisiotto, 40 anni di amicizia e solidarietà

Nel corso della sua attività, il Club momò ha raccolto e devoluto poco meno di due milioni di franchi
Mendrisiotto
36 min

Ha piovuto, ma il Basso Mendrisiotto risparmia ancora acqua

L’Age, l’azienda acqua gas ed elettricità della regione, invita la popolazione a mantenere bassi i livelli di consumo
Bellinzonese
43 min

Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’

Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Bellinzonese
54 min

Lumino, sì al piano forestale contro incendi e pericoli naturali

Il Cc approva l’idea di aumentare l’utilità del bosco. Luce verde anche al piano climatico e alla mozione per una soluzione al traffico nel nucleo
03.10.2018 - 06:10

Lotta alla mafia e indagini da Berna, dubbi politici

Polizia federale e centralizzazione delle inchieste, Marco Romano interpella il governo. ‘Mi chiedo se non si sia perso il contatto con le realtà locali’

di Andrea Manna
lotta-alla-mafia-e-indagini-da-berna-dubbi-politici

Una serie di domande al Consiglio federale per capire se l’apparato investigativo elvetico, così come strutturato attualmente, permetta di contrastare in maniera efficace la criminalità organizzata. A porre i quesiti – con un’interpellanza – è il consigliere nazionale ticinese Marco Romano. «Mi chiedo e chiedo al governo – dice il parlamentare popolare democratico interpellato dalla ‘Regione’ – se la decisione della Polizia federale di centralizzare a Berna il coordinamento delle proprie ‘antenne’ cantonali e dunque delle inchieste su terrorismo e mafia si sia rivelata col tempo una mossa azzeccata oppure se non abbia fatto perdere alla Fedpol, come temo, il contatto con le dinamiche locali e più in generale con la realtà». Una realtà fatta anche di associazioni appunto di stampo mafioso. Per esempio la potente ’ndrangheta. Dedita oggi in particolare a riciclare anche nel nostro cantone denaro sporco, come hanno dimostrato processi e rogatorie provenienti dall’Italia.

Ma veniamo all’atto parlamentare depositato da Romano nei giorni scorsi. “Nell’ambito della riorganizzazione del 2016 della Polizia federale (Fedpol) la lotta al crimine organizzato – scrive a mo’ di premessa il deputato al Nazionale – è stata centralizzata a Berna. I responsabili di Fedpol dichiararono che per il Ticino sarebbe cambiato poco, che si sarebbe avuta una maggiore coerenza e che gli uomini sul terreno sarebbero stati avvantaggiati”. Il politico vuole però vederci chiaro. E chiede anzitutto quante inchieste, dall’insediamento in Ticino dell’antenna della Fedpol, sono state aperte “per crimine organizzato di stampo mafioso” e quante sono sfociate in una condanna “cresciuta in giudicato giusta l’articolo 260ter del Codice penale svizzero”. Si tratta della norma che punisce partecipazione e sostegno a un’organizzazione criminale. Seguono gli altri quesiti. Dopo “la centralizzazione a Berna della lotta al fenomeno mafioso”, quante indagini sono state aperte dall’antenna di Lugano e quante sono terminate “con una condanna cresciuta in giudicato giusta l’art. 260ter?”. Gli effettivi presenti e le attività pianificate dalla Fedpol in Ticino consentono “di monitorare costantemente i fenomeni legati alle organizzazioni di stampo mafioso?”. Esiste “una mappatura concreta e aggiornata del fenomeno?”. A quante inchieste ha partecipato “la Polizia cantonale ticinese?”. E “come è valutata la collaborazione tra Fedpol e Polizia ticinese?”. Dal 2016 “quante inchieste sono state condotte in comune tra Fedpol e Polizia cantonale?”. Ultima domanda al Consiglio federale: “A margine dell’attività corrente di polizia, quali strumenti vengono adottati per arginare e combattere i pericoli derivanti dalle infiltrazioni mafiose nella ristorazione, nell’edilizia e nelle istituzioni?”.

La cooperazione tra polizie. Che, secondo Romano, sarebbe «tutt’altro che ottimale: da mie informazioni, quando la nostra polizia cantonale segnala un caso sospetto a quella federale, quest’ultima sosterrebbe non di rado che il dossier non è di sua competenza e demanderebbe gli accertamenti ai nostri inquirenti. Insomma, la risposta tipica sarebbe ‘occupatevene voi’ e questo nonostante il caso sia palesemente di competenza degli organi investigativi federali». Anche questa situazione, aggiunge il parlamentare, «deriverebbe dalla centralizzazione: un processo, che ha interessato peraltro pure il Ministero pubblico della Confederazione, da esaminare ora attentamente e criticamente».

‘Riorganizzazioni da verificare’

Le riorganizzazioni «vengono fatte non per assicurare posizioni di prestigio ai capi ma per rendere efficiente ed efficace una struttura». E allora, osserva Romano, «se a verifiche fatte queste centralizzazioni si rivelassero improduttive ai fini della lotta al crimine organizzato, la politica dovrebbe ipotizzare scenari alternativi. Si potrebbe pensare a un maggior coinvolgimento dei Cantoni e a una decentralizzazione, sul territorio, di tutte le forze possibili. Con un ufficio federale che dovrebbe servire solo a coordinare, quando necessario, le indagini che toccano più cantoni e a gestire i contatti investigativi con l’estero».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved