Ti-Press
Ticino
23.04.2018 - 08:580
Aggiornamento : 24.04.2018 - 08:58

I Verdi del Ticino: 'Una domenica al mese senz'auto'

Gli ambientalisti propongono di dare un seguito a Slow Up. 'I cittadini sono interessati a vivere una mobilità diversa, più dolce e incentrata sui rapporti interpersonali'

Una domenica senz'auto al mese da marzo a ottobre, da alternare nelle diverse regioni del cantone. È quanto propongono di istituire i Verdi del Ticino, che chiedono di “dare un seguito” a Slow Up, l'evento di ieri a favore della mobilità dolce che ha riversato sulle strade tra Bellinzona e Locarno oltre quarantamila persone. 

“Lo strepitoso e crescente successo di Slow up nel nostro cantone mostra chiaramente come i cittadini siano interessati a vivere una mobilità diversa, più dolce e incentrata sui rapporti interpersonali – si legge nel comunicato stampa degli ambientalisti –. L’interesse per tale mobilità dimostra che attraverso investimenti mirati per migliorare la sicurezza, si potrebbe realizzare un enorme potenziale anche nell’ambito degli spostamenti quotidiani e pendolari. In questo senso è necessario riorientare gli investimenti nell’ambito dei programmi di agglomerato che troppo spesso sono incentrati ancora sul traffico motorizzato”.

I Verdi del Ticino, oltre a salutare con piacere una cultura collettiva che sta lentamente cambiando anche presso la popolazione del cantone più motorizzato della Svizzera, propongono quindi “d’istituire nel nostro cantone una domenica senz’auto al mese, da marzo a ottobre”. In questo senso “si potrebbe prospettare un’alternanza regionale dei luoghi dove limitare il traffico veicolare, affinché sia permesso di scoprire tutto il nostro territorio in sicurezza e al contempo si possa sensibilizzare sulle emergenze climatiche che siamo chiamati ad affrontare in questo secolo. Basta ricordare – conclude la nota – che in Svizzera, il 30% dei gas ad effetto serra prodotti provengono proprio dal settore dei trasporti e della mobilità”. 

© Regiopress, All rights reserved