laRegione
rimborsi-al-governo-il-pg-riapre-l-inchiesta
(foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Angelo Bernasconi il settimo Ppd per Lugano

Completata la lista per il Municipio, il 29 gennaio la ratifica dell'Assemblea (on line)
Locarnese
9 min

Locarno, è partita la campagna vaccinale

Compatibilmente con la disponibilità delle dosi, in questi giorni si procederà con le iniezioni a tutti i 470 ultraottantenni che si sono annunciati
Ticino
1 ora

Covid, calano ancora gli ospedalizzati. 74 i nuovi casi

Continua a scendere la pressione sul sistema sanitario: 215 persone sono ricoverate, 28 in cure intense. Purtroppo si contano altri 4 decessi
Ticino
2 ore

Fermato con 1'400 kg di generi alimentari non dichiarati

L'Amministrazione federale delle dogane ha controllato l'uomo martedì sull'A2 a Monte Carasso, proveniva dall'Italia ed era diretto in Liechtenstein
Ticino
5 ore

Natalia Ferrara: ‘Il congedo parentale è una misura liberale’

La deputata del Plr sostiene convintamente la proposta che lunedì tornerà in Gran Consiglio e spiega perché voterà in modo diverso dal suo gruppo
Ticino
5 ore

‘Rinforzi per la Procura, non si deve più tergiversare’

Galusero: la proposta del Dipartimento di assegnare due pp a me sta bene. E per uscire dall’impasse sono disposto a ritirare la mia iniziativa parlamentare
Locarnese
5 ore

Navigazione: elettrificare... per dare due scosse

Il presidente di Snl in esclusiva sui problemi del bacino svizzero, il mancato accordo consortile e la visione (elettrica) per Verbano e Ceresio
Locarnese
12 ore

Liberali di Locarno, ‘tourbillon’ per tre seggi

Apertissima la lotta interna per un posto in Municipio. Con gli uscenti Scherrer, Giovannacci e Merlini, in lista Renna, Pini, Silacci e Mitric
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio al via: vaccinati i primi cento cittadini

Chiasso seguirà a ruota. Entro la settimana prossima si saranno inoculate oltre mille dosi
Bellinzonese
15 ore

Polo socio-sanitario, Acquarossa lancia un segnale

Per evitare spazi che rimarrebbero vuoti il Municipio confida di poter firmare precontratti con gli interessati
Bellinzonese
16 ore

Bike sharing Biasca-Olivone: c’è da migliorare

L'anno scorso soltanto 252 noleggi a causa del sistema di riservazione un po' complesso che andrà semplificato
Luganese
16 ore

Lugano compra gli studi radio per creare la Casa della musica

Accordo raggiunto fra Città e Ssr. L'ultima parola spetterà al Consiglio comunale
Ticino
24.02.2018 - 05:500

Rimborsi al governo, il Pg riapre l'inchiesta

Negli ultimi giorni al Ministero pubblico è arrivata nuova documentazione che ha portato Noseda a riprendere in mano l'incarto

Rimborsi del governo, il Ministero pubblico ha ricevuto in questi giorni nuova documentazione in base alla quale avrebbe riaperto il procedimento penale contro ignoti per abuso di autorità. Da noi interpellato, il procuratore generale John Noseda preferisce in questo momento non rilasciare dichiarazioni.

La magistratura inquirente riavvia dunque l’inchiesta volta a chiarire la questione dei rimborsi al Consiglio di Stato sollevata da Matteo Pronzini, deputato del Movimento per il socialismo, argomento già oggetto, in una prima fase, di un decreto d’abbandono firmato il 14 febbraio dal pg e che il parlamento aveva deciso di non impugnare.

Ma questa non è l’unica novità delle ultime ore: qualcosa si è mosso pure sul fronte istituzionale. L’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio (Up), con una lettera inviata nella giornata di ieri, ha stoppato il governo. Sul tema delle indennità, infatti, l’unica nota a protocollo che l’Up ritiene valida è la 43/2011, ovvero quella che prevede una indennità forfettaria di 15’000 franchi annui per ogni consigliere di Stato. La risposta arriva dopo che mercoledì 21, nel corso della seduta di Gran Consiglio, il governo ha spedito una missiva all’Up nella quale scriveva che, in attesa di aggiornare la Legge sull’onorario e di una ‘‘modifica di regolamento per formalizzare la situazione dei forfait relativi al cancelliere’’, se l’Up non avesse avuto nulla in contrario, sul tema dei rimborsi ai consiglieri di Stato ‘‘la prassi in vigore’’ sarebbe rimasta ‘‘immutata’’. Ebbene, l’Up ha avuto qualcosa in contrario. E l’ha scritto nero su bianco: ‘‘L’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio fa stato unicamente alla nota a protocollo 43’’ mentre per quello che concerne l’altra nota protocollare, quella che contiene le indennità senza base legale (vale a dire, per ogni consigliere, 300 franchi al mese per le spese telefoniche, due mesi di salario extra e un dono non soggetto a imposta del valore fino a 10’000 franchi) l’Up scrive che ‘‘l’Ufficio presidenziale riserva ogni altra valutazione a uno studio ulteriore rimanendo in attesa di altre verifiche’’. Traduzione: al momento la base legale non c’è ancora. Quindi, in altre parole, l’Up ha da una parte chiesto di temporeggiare, dall’altra ha fatto notare come sul tema sia urgente trovare una soluzione. Anche perché, in attesa di nuovi possibili sviluppi, la sua condotta fu stigmatizzata dal procuratore generale già con il decreto d’abbandono, nel quale Noseda ha rilevato che ‘‘tra il 2011 e il 2016 il governo ha adottato risoluzioni elaborate dal Cancelliere (e relative remunerazioni dei suoi membri) senza esaminare e senza controllare che le ripetute raccomandazioni del Controllo cantonale delle finanze, circa l’obbligo di approvazione parlamentare, venissero rispettate dalla Cancelleria dello Stato’’.

Ieri mattina, intanto, è tornato a far sentire la sua voce anche Pronzini. Il deputato dell’Mps, alla luce della lettera scritta dal Consiglio di Stato con ‘‘sfacciata arroganza’’ all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, ha scritto a quest’ultimo chiedendogli ‘‘anche in considerazione della mia richiesta di risarcimento e nel rispetto della discussione che vi è stata nel plenum del Gran Consiglio mercoledì 21 febbraio che si intimi al Consiglio di Stato di sospendere con effetto immediato l’applicazione del contenuto della nota a protocollo 103/2016 (quella che comprende i benefit senza base legale, ndr) mai sottoposta all’Ufficio presidenziale e della nota a protocollo 43/2011 sottoposta, e approvata, nel dicembre 2011’’. Sì, anche quella ‘legale’ viene contestata da Pronzini. E il motivo è che, per il deputato dell’Mps, occorra valutare se ‘‘sulla base del suo contenuto e in particolare di cosa comprende e non comprende (a livello di benefit, ndr) effettivamente 15’000 franchi annui siano giustificati o meno. Nel caso – conclude Pronzini – si dovrà ridurre l’ammontare e chiedere una restituzione’’ anche per l’unica nota protocollare con base legale.

© Regiopress, All rights reserved