laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 min
Aurèle Donis è scomparso dai Monti di Motti a Gordola
Il 34enne domiciliato a Ginevra si esprime in lingua francese ed è stato visto per l'ultima volta stamattina verso le 10.00
Ticino
27 min
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
30 min
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
31 min
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
45 min
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
50 min
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
1 ora
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
1 ora
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
1 ora
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
1 ora
Sventata strage: pena massima, ma sospesa
7 anni e mezzo per il 21enne colpevole di avere pianificato l'assalto alla Scuola cantonale di commercio di Bellinzona. Ma probabilmente resterà in foyer
Locarnese
2 ore
Losone e Accademia Dimitri rilanciano il polo culturale
I due enti tramite un comunicato congiunto spiegano perché il comparto dell'ex Caserma rappresenta la soluzione più adeguata e con grande potenziale
Luganese
2 ore
Lugano spinge l'acceleratore sulla digitalizzazione
Vasto programma di eventi incentrati sulle opportunità dell'online organizzato quest'autunno dalla Città e da vari partner: accademici, scientifici, economici
Mendrisiotto
3 ore
Riva, avvicendamento alla direzione delle scuole
Isabella Medici Arrigoni subentra a Fulvio Vassalli alla testa dell'istituto scolastico
Bellinzonese
3 ore
Lite al bunker di Camorino, ospite ferito da un coltello
Diverbio tra un 25enne marocchino e un 38enne iraniano, il quale ha avuto la peggio rimediando una leggera ferita da taglio a una gamba. Il 25enne è stato arrestato
Mendrisiotto
3 ore
Una tessera sconto per i cittadini di Chiasso
Verrà distribuita ai maggiorenni. Una volta raccolti i 10 bollini (di cui 2 in omaggio) si avrà diritto a uno sconto di 20 franchi
Bellinzonese
3 ore
La Riganti di Biasca conferma la chiusura
Sindacati e direzione non sono giunti a soluzioni applicabili per salvare l'attività. I 18 operai lavoreranno ancora qualche mese e saranno pagati fino ad ottobre
Luganese
5 ore
Tarchini: stadio e palazzetto in 2 anni e risparmi milionari
L'imprenditore escluso dal concorso per il Polo sportivo di Lugano chiede alla Città un time out: 'progetto suicida'
Ticino
5 ore
Si torna al divieto di assembramenti per più di 30 persone
Dopo la lieve ripresa dei contagi, il Consiglio di Stato ha adottato nuove misure in vigore da subito. Merlani: 323 persone in quarantena
Ticino
03.02.2018 - 05:500

Argo 1, c'è un incontro da chiarire

Il Governo segnala alla Cpi il contatto dell'ottobre 2015 fra Rainbow e Beltraminelli

L’incontro dell’8 ottobre 2015 tra la Rainbow, Claudio Blotti e Paolo Beltraminelli citato nel rapporto di Marco Bertoli (vedi l’edizione di ieri) è uno degli aspetti ripresi dal Consiglio di Stato nella lettera che accompagna il documento del perito sul mandato diretto all’agenzia di sorveglianza Argo 1, documento trasmesso martedì alla Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) in quanto “interlocutore istituzionale del governo”, come precisa lo stesso Esecutivo in un comunicato diffuso ieri. Quella relativa al colloquio con la Rainbow è una sottolineatura dovuta al fatto che finora di tale incontro non se ne era avuta notizia. Sollecitato sul perché nell’ottobre del 2015 non avesse dato peso alle perplessità avanzate dai vertici della Rainbow sull’adeguatezza sia della Argo 1 che del suo responsabile operativo Marco Sansonetti, il capo del Dipartimento sanità e socialità Beltraminelli si sarebbe giustificato con i colleghi di governo sostenendo di non averle ritenute perché provenienti dalla ditta concorrente, per giunta da qualche mese estromessa dagli appalti relativi ai centri per richiedenti l’asilo. Preso atto della risposta, l’Esecutivo ha comunque deciso di evidenziare nella lettera alla Cpi la questione. Lettera nella quale l’Esecutivo riferisce quanto indica Bertoli nel rapporto: i contatti tra la Rainbow e i funzionari, e ciò che la Rainbow sostiene, ovvero di aver informato Beltraminelli nell’ottobre di tre anni fa dell’inadeguatezza di Argo 1. Un’informazione questa, ricorda il governo nella missiva, proveniente da un’agenzia concorrente. Sia come sia, il Consiglio di Stato demanda alla Commissione parlamentare d’inchiesta le considerazioni del caso.

‘Me l’avessero detto...’

“Alla commissione – afferma l’Esecutivo nella nota – sono stati trasmessi tutti gli atti necessari e richiesti affinché possa giungere al termine dei suoi lavori e redigere il suo rapporto all’attenzione del parlamento”. Invero già la ‘Vigilanza’, la Sottocommissione del Gran Consiglio che nella primavera scorsa aveva tentato di chiarire i contorni della vicenda ‘Argo 1’, aveva voluto indagare sui motivi del cambio di partner da parte del Dss. Dalla Rainbow (ditta grande, strutturata, attiva dal 2000) alla Argo 1 (ditta che quando è stata scelta ancora non esisteva). Ascoltato il 6 giugno dello scorso anno dalla ‘Vigilanza’, Beltraminelli dichiara che i collaboratori del Dss nell’estate del 2014, quando Argo 1 viene messa sotto contratto, “mi hanno fatto vedere il prezzo piuttosto basso che seppur tirato tirato secondo loro poteva stare in piedi, e a loro modo di vedere c’era la buona capacità operativa di Sansonetti, che personalmente non ho mai visto. Dopo non mi hanno più informato di questa ditta che continuava il lavoro”. Alle sollecitazioni dei deputati della ‘Vigilanza’, più avanti Beltraminelli aggiunge che “era maturata da parte dei miei collaboratori, per averlo visto all’opera, una fiducia nei confronti di Marco Sansonetti. Da quando il mandato Argo 1 è stato assegnato fino a quando sono intervenuti in febbraio 2017, non ho ricevuto da parte di nessuno alcun tipo di informazione, né sotto forma di e-mail o telefonata, che segnalasse che qualcosa non funzionava. Ma neanche di ditte concorrenti che mi dicessero che è ora di fare qualcosa. Rendendosi conto dell’attività che può avere un consigliere di Stato, non mi è mai stata posta una problematica operativa; me l’avessero detto, avrei risposto che bisognava far qualcosa”. Il ministro non accenna quindi all’incontro del 2015 con la Rainbow. E le spiegazioni davanti alla Sottocommissione in parte le aveva già rese anche al plenum del parlamento nel marzo 2017, quando per la prima volta si esprime pubblicamente sul caso scoppiato a fine febbraio. Dice che con Argo 1 “si è fatta una prova di cinque mesi: quel contratto è stato firmato da me e dal capo della Divisione (Blotti, ndr). In seguito il mandato è stato esteso tacitamente senza che io abbia più fatto alcun tipo di atto”. E nemmeno ha più avuto “il guizzo di chiedere ai collaboratori come è la situazione con i mandati all’interno della gestione dei richiedenti l’asilo”.

Accusatore privato, l’Esecutivo si affida all’ex pga Maria Galliani

Ha scelto un ex procuratore pubblico, l’avvocato Marco Bertoli, per approfondire dal profilo amministrativo alcuni aspetti chiave del controverso mandato ad Argo 1. Sceglie ancora un ex procuratore pubblico, l’avvocata Maria Galliani, perché lo rappresenti quale accusatore privato nel procedimento penale, per ora contro ignoti, legato sempre al caso politico-giudiziario dell’incarico diretto attribuito a suo tempo dal Dipartimento sanità e socialità all’agenzia di sicurezza (nel frattempo fallita). Il Consiglio di Stato si affida dunque nuovamente a un legale con un passato nella magistratura inquirente. Sarà dunque Galliani, per oltre dieci anni al Ministero pubblico, dapprima come pp e poi come procuratrice generale aggiunta, ad assistere la parte civile. Ovvero a patrocinare il governo quale accusatore privato, ha reso noto ieri lo stesso Consiglio di Stato, “nella parte di natura penale inerente alla vicenda Argo 1”. E in particolare in relazione all’ipotesi di reato di infedeltà nella gestione pubblica.

Negli anni trascorsi al Palazzo di giustizia Maria Galliani ha coordinato numerose inchieste riguardanti reati economico-finanziari, ma si è occupata anche di illeciti contro lo Stato. Classe 1961, è originaria di Morbio Inferiore. Ginnasio a Mendrisio, liceo linguistico a Lugano e poi l’Università a Zurigo, dove nel 1986 ha conseguito la laurea in diritto. In quello stesso anno ha iniziato la pratica. Nel 1988 il brevetto di avvocato e l’anno successivo quello di notaio. Dal 1988 al 1996 si è dedicata alla libera professione. In quel medesimo periodo è stata anche docente a tempo parziale di economia aziendale, diritto e civica al Centro professionale commerciale di Lugano. Il 1° gennaio 1997 l’entrata in magistratura, al Ministero pubblico. Nel 2003 è diventata procuratrice generale aggiunta. È stata fra l’altro, tra il 2000 e il 2006, membro della Commissione consultiva del Consiglio federale in materia di sicurezza nazionale. Dal 2008, con il ritorno all’avvocatura, è socia di studio dell’avvocato ed ex procuratore generale Luca Marcellini. Fa inoltre parte della Commissione di disciplina degli avvocati.

© Regiopress, All rights reserved