laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
4 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
6 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
7 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
7 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
7 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
7 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
7 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
7 ore
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
7 ore
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
8 ore
Sventata strage: pena sospesa, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Locarnese
9 ore
Losone e Accademia Dimitri rilanciano il polo culturale
I due enti tramite un comunicato congiunto spiegano perché il comparto dell'ex Caserma rappresenta la soluzione più adeguata e con grande potenziale
ticino
10.01.2018 - 20:000
Aggiornamento : 11.01.2018 - 07:07

Prima i nostri? 'Prima le leggi'

In commissione Plr, Ppd e Ps respingono il disegno di legge: ‘È in contrasto col diritto superiore’

Giochi fatti in seno alla commissione parlamentare della Legislazione sul progetto di normativa di applicazione della preferenza indigenza. Ieri c’è stata la firma dei rapporti. Aderendo alle indicazioni dei relatori Giorgio Galusero (Plr), Sabrina Gendotti (Ppd) e Carlo Lepori (Ps), la maggioranza chiede al plenum del Gran Consiglio di respingere il disegno di legge confezionato dalla speciale commissione, coordinata dal democentrista Gabriele Pinoja, per concretizzare l’iniziativa costituzionale ‘Prima i nostri!’ che il popolo ticinese ha accolto nella votazione del 25 settembre 2016 (i sì sono stati il 58 per cento). Sul fronte opposto – e dunque a favore delle norme proposte dalla commissione guidata da Pinoja – Lega e La Destra. Relatrice Lara Filippini (Udc), il cui rapporto è stato firmato anche da un liberale radicale: Andrea Giudici.

Il rapporto di maggioranza segue così le indicazioni del Consiglio di Stato (il relativo messaggio è stato licenziato a luglio), che ritiene “in contrasto” con il diritto superiore “le norme centrali del progetto, nelle quali sono istituite una serie di condizioni per il rilascio e il rinnovo di permessi per stranieri”. Afferma Galusero: «La competenza di legiferare in materia di stranieri è della Confederazione e poi esiste ancora l’Accordo sulla libera circolazione con l’Ue, pertanto gli spazi di manovra per l’applicazione dell’iniziativa ‘Prima i nostri!’ sono praticamente nulli». Per il corelatore di maggioranza «c’è poco da fare: questo è il quadro giuridico vigente. Non si doveva e non dobbiamo illudere la gente, soprattutto non deve farlo chi, come noi deputati, è chiamato a elaborare leggi». Leggi «che non devono cozzare con il diritto superione. In caso di ricorso, i tribunali sconfesserebbero, e non sarebbe la prima volta, la politica. Dunque...». A proposito della garanzia federale accordata dalle Camere al nuovo articolo costituzionale ticinese, Lepori a sua volta ricorda che «nel messaggio il Consiglio federale ha detto chiaramente che i limiti sono molto stretti, per via del diritto superiore». Il diritto superiore, già. Eppure anche i socialisti hanno sottoscritto il rapporto commissionale favorevole all’iniziativa di Giorgio Fonio (Ppd) per un “controllo sistematico dei nuovi permessi”... «Credo che il discorso sia diverso – riprende Lepori –. Non diciamo di negare il permesso, ma di sospenderlo fino a quando non venga presentato un contratto di lavoro conforme alle norme svizzere (e ticinesi). Il progetto di legge per l’applicazione di ‘Prima i nostri’ introduce invece una discriminazione di principio».

«Contrariamente a quanto sostiene la maggioranza della Commissione, il margine di manovra esiste», ribatte dal canto suo Filippini, che ha incentrato il proprio rapporto sul quadro giuridico attuale. «Nella mia analisi evidenzio come dal punto di vista normativo la situazione non sia così limpida. Al riguardo porto un esempio concreto: quello sul trasporto pesante – continua –. La Svizzera non dovrebbe far pagare una tassa, invece lo fa. Dal 1994 popolo e Cantoni le hanno conferito una base legale costituzionale duratura. A dimostrazione del fatto che se c’è un interesse superiore, la Confederazione ha la possibilità di intervenire. Nel caso del disegno di legge per l’attuazione di ‘Prima i nostri’ si tratta della protezione del mondo del lavoro». Con una serie di condizioni per il rilascio e il rinnovo dei permessi di lavoro. «Mal si comprende perché sull’iniziativa Fonio si sia raggiunta una maggioranza mentre su ‘Prima i nostri’ no: anche nel caso dell’iniziativa citata il margine di manovra è limitato, ma si è voluto comunque fare un passo in più. La stessa cosa chiede oggi il mio rapporto – conclude Filippini –. Si tratta di proteggere il mercato del lavoro facendo leva sul rilascio dei permessi».

La discussione si sposterà presto nell’aula parlamentare a Palazzo delle Orsoline. Ma i due rapporti saranno sottoposti all’approvazione del plenum non nella seduta di questo mese, bensì in quella di febbraio. Il Gran Consiglio si pronuncerà infatti sull’intero pacchetto di atti parlamentari usciti dalla commissione diretta a suo tempo da Pinoja: alcune proposte sono state esaminate pure dalla Gestione e dalla Tributaria.

© Regiopress, All rights reserved