Foto Ti-Press
Ticino al Voto
07.04.2019 - 22:390
Aggiornamento : 23:03

La domenica della sorpresa elettorale in dati e foto

De Rosa scalza Beltraminelli dal governo, mentre il Plr non insidia il seggio Ps e perde oltre un punto percentuale. I dati della giornata.

È stata la domenica della sorpresa. Quella che forse, alla vigilia, tutti ritenevano meno probabile: mentre il Ps ha difeso egregiamente il proprio seggio dall'assalto Plr, quella che doveva essere una lotta serrata in casa Ppd tra l'uscente Paolo Beltraminelli e lo sfidante Raffaele De Rosa è diventata invece una volata in solitaria per quest'ultimo. Una tendenza chiara sin dai primi comuni scrutinati che è andata consolidandosi nelle ora. Fino al verdetto finale di Lugano, feudo di Beltraminelli, dove l'uscente ha staccato De Rosa di meno di 500 voti. Pochi, troppo pochi per girare a sua favore i numeri. Numeri che alla fine si sono fermati a 33'838 per Beltraminelli e a 44'648 per De Rosa: 10'810 i voti di differenza.


Foto Ti-Press

De Rosa ha battuto Beltraminelli anche all'interno del proprio partito, con una differenza oltre 2'300 preferenziali. Il deputato sopracenerino ha potuto contare poi sull'apporto esterno di elettori del Plr (3'606 i preferenziali andati a De Rosa, 1'890 a Beltraminelli), della Lega (3'488 contro 1'563) e di chi ha votato scheda senza intestazione (6'028 contro 3'107).

La battaglia intestina sembra però aver giovato al Ppd, che – dato in arretramento dai sondaggi – è avanzato di 0.69 punti percentuali, al 18,23% delle preferenze.

Lega/Udc

In casa Lega/Udc la somma non ha fatto il totale. Già perché unendo le percentuali ottenute separatamente dei due schieramenti nel 2015 si sarebbe dovuti arrivare a superare il 32%, mentre ci si è fermati a 27.81. In pratica il matrimonio ha portato in dote solo 0,2 punti. Un apporto che ha comunque permesso allo schieramento di confermare i due leghisti uscenti, con Norman Gobbi che si è preso la rivincita sul collega Claudio Zali, superandolo nelle preferenze. Con 71'312 preferenziali, si è rivelato il candidato più votato in Ticino, primato che quattro anni or sono a Zali.


Foto Ti-Press

Plr

Il secondo candidato più votato a livello ticinese è il liberale-radicale Christian Vitta, direttore del Dipartimento finanze ed economa. Il suo partito gli ha conservato il seggio, ma non è riuscito nell'obiettivo dichiarato di raddoppiare e far sedere in governo pure Alex Farinelli. Non solo, rispetto a quattro anni fa il partito ha pure lasciato sul terreno 1,76 punti percentuali al 24,49% Un risultato negativo che potrebbe essere girato unicamente se domani le cifre saranno diverse per quanto riguarda il Gran Consiglio.


Foto Ti-Press

Ps

I socialisti hanno trasformato quella che si prospettava come una sconfitta, con possibile perdita del seggio, in un'avanzata di ben 2,25 punti percentuali a 17,06%. Seggio di Manuele Bertoli salvo, dunque. Visto il rischio, i socialisti avevano chiamato al voto utile e i dati di panachage raccontano che ad essere venuti in aiuto dei socialisti sono stati in molti, con i liberali-radicali in testa (3'696 i voti preferenziali attribuiti ai candidati socialisti). Hanno contribuito pure il Ppd (2'653), la Lega (2'559) e i Verdi (2'146). Massiccio il sostegno anche da chi ha scelto la scheda senza intestazione, anche se qui il Ps è solo il quarto partito.


Foto Ti-Press

Verdi, Mps e Pc

I Verdi perdono 2.23 punti percentuali assestandosi a 4,33% delle preferenze. In crescita invece il Movimento per il socialismo e il Pc, che quattro anni or sono correvano assieme. Così facendo nel 2015 raccolsero 1.05, mentre a questa tornata raccolgono il 2,07 (Mps) e l'1% (Pc).

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
beltraminelli
de rosa
rosa
foto
seggio
punti
punti percentuali
socialisti
ps
ti-press
© Regiopress, All rights reserved