ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
2 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
9 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
10 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
10 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
10 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
11 ore

Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’

Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
12 ore

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
12 ore

Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città

Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Mendrisiotto
12 ore

Valichi secondari, ‘di notte bisogna chiuderli’

Lorenzo Quadri (Lega) presenta una mozione al Consiglio federale, dopo l’insuccesso di una analoga presentata nel 2014 dalla collega di partito Pantani
Bellinzonese
13 ore

Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’

Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
13 ore

Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023

Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Locarnese
16 ore

Sull’argine di Losone correre è tutta un’altra cosa

Grazie all’apposito fondo di rivestimento e alle demarcazioni podistiche è possibile svolgere allenamenti specifici in mezzo alla natura
Ticino
17 ore

Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)

È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
17 ore

Hangar 1, il Cantone risponde alle Città

Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Ticino
20 ore

Dai Tilo ai bus tra Taverne-Torricella e Lamone-Cadempino

Le misure sono dovute a lavori infrastrutturali per l’adattamento dei marciapiedi nella stazione. Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi
Luganese
20 ore

Cantori della Stella in missione a Berna

Tra i gruppi svizzeri, che saranno a Palazzo federale per incontrare i membri del parlamento, anche uno proveniente da Tesserete
laR
 
25.11.2022 - 09:00
Aggiornamento: 15:15

Fuori uso la piscina di Canavée a Mendrisio. Tutti all’asciutto

Il Municipio si è attivato per prevedere a breve una soluzione provvisoria. Danielli: ‘La necessità di una struttura regionale è evidente’

fuori-uso-la-piscina-di-canavee-a-mendrisio-tutti-all-asciutto
Ti-Press
Il Distretto ha chiare esigenze

Restare all’asciutto. Il rischio per il Mendrisiotto è reale. E non solo quando si parla di acqua potabile. Superata la crisi estiva lungo la rete idrica, questo inverno il Distretto si è ritrovato anche senza uno specchio d’acqua riscaldato dove tuffarsi. Saltata la stagione sotto il pallone all’’olimpionica’ di Chiasso, in questi giorni a subire una battuta d’arresto è stata pure l’attività alla piscina scolastica coperta di Canavée a Mendrisio. Se nella cittadina di confine urgono, infatti, i lavori di risanamento dell’impianto interrato di filtrazione dell’acqua (dopo le fughe di cloro), nel capoluogo si è rotto il sistema di aerazione, compromettendo, di fatto, la quotidianità in vasca. Le circolari scolastiche passate, giovedì, di mano in mano tra i genitori degli alunni di Elementari e Medie, parlavano chiaro: un "serio guasto tecnico" ha reso inagibile la struttura sino ad "almeno l’inizio del mese di febbraio 2023". Una prospettiva poco incoraggiante. A tal punto che il problema, imprevisto quanto importante, martedì è finito sul tavolo del Municipio della Città, il quale si è messo di impegno per trovare una via d’uscita.

Una vasca gettonata

Con l’impianto di ricambio d’aria fuori uso, del resto, si è capito subito che non sarebbe bastato aprire porte e finestre per arieggiare i locali e ovviare al disagio. Tanto da decidere per la chiusura della vasca, pur consapevoli delle difficoltà in cui si sarebbero trovati, non solo gli alunni, ma tutti i frequentatori (e sono parecchi) della struttura di Canavée; a cominciare dagli atleti delle Società nuoto locali. D’altra parte, è stato altresì chiaro che i pezzi di ricambio del motore dell’impianto non sarebbero arrivati certo celermente. Insomma, la situazione era sotto gli occhi di tutti: utenti e società si sarebbero ritrovati per mesi senza 25 metri di piscina.

«Da tempo – ci rende attenti Paolo Danielli, capodicastero Sport e tempo libero di Mendrisio –, Canavée non è più solo a valenza scolastica, ma subisce una grande pressione quanto all’organizzazione di corsi per ogni fascia di età, l’utilizzo da parte delle Società nuoto e degli studenti dell’Accademia di architettura. Siamo persino costretti a dire di no ad alcune richieste». Poter nuotare interessa, ad esempio, anche agli alunni del campus Supsi.

Trovata una alternativa

«Ecco – richiama ancora Danielli – per quale motivo il Municipio ha cercato e trovato una soluzione provvisoria in attesa di aggiustare l’impianto di aerazione. Il rimedio? In tempi brevi e grazie alla collaborazione tra i servizi del Comune e le stesse società sportive prevediamo di installare delle macchine di deumidificazione. Un’alternativa pensata soprattutto per gli atleti, ma che, se tutto funzionerà a dovere, darà modo di riaprire la piscina a tutti».

D’altro canto, la struttura scolastica di Mendrisio (al pari di quella di Chiasso) è datata. E le esigenze espresse dal territorio sono tante. «In effetti – fa presente il capodicastero –, Canavée è stata concepita e dimensionata non certo per un uso intensivo qual è quello odierno. Ecco per quale motivo il Distretto punta su un impianto regionale, capace altresì di alleggerire le infrastrutture annesse agli edifici scolastici».

‘Un impianto coperto è urgente’

E qui il pensiero corre al progetto di una piscina coperta per l’intero Mendrisiotto. «Spero – osserva Danielli, anche in veste di vicepresidente del nuovo Ente regionale per lo sport – che tanto l’episodio di Chiasso alla piscina comunale che quello che si è appena verificato a Mendrisio facciano comprendere al Consiglio di Stato l’urgenza di pianificare una soluzione definitiva e duratura. Lo dico con forza: tutto ciò dimostra, una volta di più, la forte necessità di poter contare su uno spazio d’acqua coperto e regionale. Non dimentichiamo – rilancia – che il nuoto è uno dei maggiori sport (con calcio e ginnastica, ndr) praticati in questo Distretto».

Attesa una risposta da Bellinzona

Nel cassetto della regione da anni, le trattative sulla costruzione di una struttura coperta sono aperte. Il governo, infatti, ha dichiarato la sua disponibilità a entrare in materia, sullo sfondo uno studio di fattibilità commissionato da Mendrisio, Coldrerio e Chiasso, in collaborazione con l’Ente regionale per lo sviluppo (Ers). Nel piatto oggi c’è la possibilità di inserire la piscina all’interno del masterplan che ridisegna il comparto scolastico di Mendrisio, lì tra scuola media, Liceo e Spai. La vasca potrebbe affiancare la palestra quintupla già prevista. Aggiornati i progetti, il Municipio cittadino, fa sapere Danielli, ha «già sollecitato a più riprese il Cantone e nelle prossime settimane è attesa una risposta». A quel punto si conoscerà la posizione dell’autorità cantonale e si saprà se l’opzione di realizzare una piscina nell’ambito del centro studi è concreta. «In quel momento – conferma il municipale – attiveremo le pratiche per realizzare il progetto».

In effetti, Mendrisio ha pronto un piano. Esclusa con tutta probabilità la versione di una vasca da 50 metri, sono state sottoposte alcune varianti per una soluzione da 25 metri. «L’idea – ci illustra Danielli – è di creare una doppia vasca, così da far coabitare più attività, quella agonistica e quella riservata ai bambini». Adesso non resta che aspettare, con fiducia.

Leggi anche:

Chiasso, pronti a risanare la piscina comunale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved