laRegione
Nuovo abbonamento
centri-sportivi-momo-in-rete-al-via-la-fase-tre
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
15 min

Treno Flp, interruzioni serali su due tratte

Da domani tra Agno e Lugano, da mercoledì fra Agno e Ponte Tresa
Locarnese
32 min

La natura per bambini in Valle Bavona

Due pomeriggi didattici per bimbi in età di elementari alla scoperta della biodiversità e dell'albero del pane
Locarnese
38 min

Muralto, alla scoperta della Georgia

Giovedì 1° ottobre conferenza del viaggiatore Nicolas Pernot con l'Alliance française nella Sala congressi
Locarnese
49 min

Parrocchia di Gordola in seduta

Domani nella sala Santa Teresa i conti 2019 e una richiesta di credito per lavori al tetto della chiesa parrocchiale
Bellinzonese
1 ora

Verso il restauro della Madonna della Neve di Bellinzona

A promuoverlo è il Patriziato della Città. Gli architetti Sergio Cattaneo e Valentina Cima hanno svelato i contenuti nell'ambito dell'assemblea
Bellinzonese
2 ore

Covid e case anziani, serata pubblica Mps a Bellinzona

Mercoledì 30 settembre alle 20.15 nell'aula magna delle scuole nord
Grigioni
3 ore

Via libera al rifacimento della strada Rorè-Laura

Alle urne oggi i cittadini di Roveredo hanno detto sì al credito di quasi 9 milioni per la strada forestale che dal paese porta ai monti
Luganese
8 ore

Metà dei bimbi via dall'asilo di Taverne

Metà delle oltre venti famiglie che avevano iscritto i figli al nido hanno chiuso il rapporto di fiducia con la struttura
Luganese
9 ore

Incidente a Viganello, ciclista rischia la vita

È accaduto ieri poco dopo le 16.30. A causa dell'urto contro un'auto un 63enne ha riportato gravi ferite
Ticino
1 gior

Uno studio sui salari ticinesi, i più bassi in Svizzera

Un'analisi dell'Ustat aiuta a capire chi è più vulnerabile e come è cambiata la situazione nell'ultimo decennio
Gallery (9 foto)
Locarnese
1 gior

Losone a caccia delle opere 'perdute' di Otto Wyler

L'artista ebreo visse nella località locarnese dal 1940 al 1946. Il Comune è alla ricerca dei suoi lavori, conservati nelle case (o nelle soffitte)
Mendrisiotto
1 gior

I corsi d'acqua momò tornano a 'vivere'

Due milioni e mezzo per rinaturare il Müfeta a Morbio Inferiore. Nel Mendrisiotto è in atto un 'cambio di rotta'
Bellinzonese
1 gior

Morobbia Trail, nuovo percorso per gli appassionati del genere

Un gruppo di amici si è rimboccato le maniche pulendo un sentiero in disuso e organizzando una gara per professionisti e una popolare previste nel 2021
Mendrisiotto
04.08.2020 - 06:050

Centri sportivi momò in rete, al via la fase tre

L'obiettivo, entro la prossima legislatura, è quello di istituire un ente gestore e creare un portale web

Il progetto di messa in rete degli impianti sportivi del Mendrisiotto (e del Basso Ceresio) sta per entrare nella fase 3. Dal 2017, infatti, quando si è deciso di avviare uno studio per 'mappare' le varie infrastrutture presenti nel Distretto – grazie anche all'attività svolta dai professionisti di Comal –, di strada ne è stata percorsa parecchia. Un cammino che ha visto anche il coinvolgimento delle varie società sportive presenti, le quali hanno aiutato a individuare necessità, criticità e punti di forza nell'offerta. Ora, come detto, il Gruppo di lavoro sui Centri sportivi muoverà i passi per creare un ente gestore e un portale web. Strumenti indispensabili che possano arrivare a mettere «in rete gli 11 comparti che abbiamo individuato come impianti sportivi a carattere regionale» spiega il Capodicastero sport e tempo libero di Mendrisio Paolo Danielli. Nel corso del mese di luglio si è infatti sviluppata l'idea di fare uno 'sprint', favorito dallo slittamento delle elezioni comunali. A settembre, dunque, l'intenzione è quella di portare «a tutti i municipi un documento con le proposte concrete di realizzazione dell'ente e del portale». Oltre a questo, e non poteva essere altrimenti, «ci sarà una proposta di chiave di riparto dei costi». La 'scaletta' allestita – i capofila del progetto sono i comuni di Mendrisio, Chiasso e Coldrerio nonché l'ente regionale di sviluppo – gode fortunatamente della «grande unanimità» che si è creata attorno al progetto: «15 dei 17 comuni a sud del Ponte diga partecipano», conferma Danielli. Ciò che porta dunque a nutrire «un cauto ottimismo: se le cose dovessero proseguire così al massimo a gennaio prepareremo il relativo messaggio municipale che poi andrà approvato da tutti i consigli comunali». Creare l'ente gestore e il portale entro questi termini, infatti, darà modo alla prossima legislatura di affinare i particolari, avviare ragionamenti su quali investimenti proporre cominciare a pianificare gli sviluppo dei primi comparti.

Il Cantone 'frena' sulla piscina coperta a Mendrisio

C'è meno ottimismo, invece, per quel che concerne la possibilità di realizzare una piscina coperta di 50 metri (in subordine 25) nel futuro comparto del Campus che sorgerà a Mendrisio (ovvero il grande cantiere che rimodellerà
Liceo, Spai e Medie oltre a costruire cinque nuove palestre). Mendrisio e il Distretto intero avevano bussato alle porte del Cantone chiedendo di valutare la possibilità di inserire, appunto, una piscina coperta (a valenza regionale). Cantone che, a inizio luglio ha risposto, in sostanza, 'picche'. «La risposta ci rende altamente insoddisfatti» non nasconde Danielli. Di quest'argomento, i capofila del progetto regionale, ne hanno discusso martedì scorso. «Il Mendrisiotto ha ribadito non solo l'opportunità di sfruttare questo comparto che verrà completamente rimaneggiato con un grande cantiere, ma appunto di inserivi una piscina coperta di 50 metri. Sapevamo che poteva non essere possibile ed infatti nella nostra richiesta abbiamo tenuto aperta anche la possibilità di limitarsi a una di 25 metri di lunghezza – chiarisce il municipale di Mendrisio –. Siamo insoddisfatti perché dalla risposta si capisce che al Cantone la piscina non interessa, nemmeno con finalità scolastiche (soltanto a Mendrisio, oltre alle scuole dell'obbligo, ci saranno il liceo, la Spai, l'Accademia, e il Campus Supsi, ndr).  Non ha chiuso definitivamente le porte – chiosa –, ma dicendo che non c'è interesse e che tutti i costi, compresi quelli di progettazione saranno a carico dei Comuni, di fatto ci taglia le gambe». 

«Purtroppo la lettera del Consiglio di Stato ha tenore negativo» ribadisce dal canto suo l'omologo di Chiasso Davide Lurati. Eppure, rileva, «È un'esigenza di tutto il Mendrisiotto». Ed è presto fatto comprenderne la richiesta: «Il Distretto  attualmente ha solo una piscina coperta, il pallone di Chiasso, che però non è una vera e propria piscina coperta». La struttura, infatti, viene montata alla struttura sportiva della cittadina per la stagione invernale. Dunque, «si evince come al Mendrisiotto manchi una struttura di questo genere. Ci pareva – conclude – valesse la pena prendere in considerazione anche questa proposta».

© Regiopress, All rights reserved