laRegione
Nuovo abbonamento
se-si-chiude-lanciamo-una-petizione-popolare
Il futuro potrebbe non essere più possibile (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
foto
Luganese
2 ore

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
2 ore

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
4 ore

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
7 ore

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
7 ore

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
7 ore

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
17 ore

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
18 ore

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
18 ore

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Luganese
19 ore

Tram Treno, le associazioni ambientaliste: si deve fare di più

I tre sodalizi chiedono al progetto del Dipartimento del territorio: riassetto dello snodo di Cavezzolo e mantenimento della linea di collina
Luganese
19 ore

I City Angels di Lugano distribuiranno 4000 mascherine gratis

Iniziativa di aiuto per combattere la pandemia, grazie al sostegno di due società ticinesi
Mendrisiotto
10.07.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:01

‘Se si chiude lanciamo una petizione popolare’

Si annuncia battaglia per la difesa del reparto di ostetricia all'Obv. Matteo Muschietti: 'Il Mendrisiotto non merita un ospedale zoppo'

Matteo Muschietti non ha proprio nessuna intenzione di lasciare la presa. Non per nulla alle prime avvisaglie di possibili 'tagli' tra le corsie dell'Obv ha lanciato l'sos, peraltro raccolto da istituzioni e politica locale. Alle battaglie a favore dell'Ospedale regionale di Mendrisio, del resto, lui che è stato presidente dell'assemblea dei delegati comunali, c'è abituato. "Ma sono in tanti - conferma il municipale socialista di Coldrerio - a pensarla come me". Quindi se i vertici della struttura e dell'Ente ospedaliero cantonale (Eoc) sceglieranno di rinunciare ai servizi di ostetricia, neonatologia e pediatria, si mobiliterà la popolazione del Mendrisiotto. "Questo è certo - ribadisce -: se quanto ventilato, alla fine, si concretizzerà, allora promuoveremo una petizione che coinvolgerà l'intero Distretto. E sono convinto che avrà un seguito. Se perla pediatria, a suo tempo, avevamo radunato 12mila firme circa, adesso - pronostica - possiamo anche raddoppiarle". Se non si cambierà rotta, all'Eoc tocca prepararsi al confronto. Se la delegazione dell'Ente, mercoledì sera, voleva gettare acqua sul fuoco della polemica, ebbene non sembra proprio esserci riuscita. Organizzato dal primo cittadino del Cantone (e municipale della Città), Daniele Caverzasio, l'incontro, nato per fare chiarezza, ha messo la deputazione momò del Gran consiglio di fronte a una prospettiva per niente tranquillizzante (cfr. 'laRegione' di ieri). A rassicurare non basta la certezza (l'unica per ora) che dal primo agosto il reparto tornerà a operare a Mendrisio tutto intero. "L'impressione dall'esterno? Che nulla è sicuro: bisogna restare vigili e se sarà il caso andare fino in fondo", ci confida Muschietti. Il Mendrisiotto, ci rammenta ancora, che si è battuto per avere l'ospedale, non può ritrovarsi con una struttura "zoppa". "Non dimentichiamo che rappresenta un punto di riferimento per 50mila abitanti".

'La direzione? Pronta a chiudere'

È difficile, dunque, sentirsi dire, come è accaduto mercoledì, per bocca della stessa direzione dell'Obv che si è pronti a chiudere. "I vertici - ci fa capire Claudia Crivelli Barella, parlamentare per i Verdi, una delle due donne (con Anna Biscossa) presenti alla riunione - sono tutti abbastanza convinti di questo. Il punto - esterna - è che partorire è un atto simbolico. E togliere a una regione la possibilità di nascere è un po' come cancellarla". Insomma, se si può comprendere la volontà di centralizzare i parti a rischio, non si capisce per quale motivo, sottolinea la deputata, "anziché valorizzare un servizio certificato anche dall'Unicef (per i suoi metodi di allattamento naturale, ndr) lo si vuole tagliare". Le argomentazioni sono emerse nitide mercoledì: è una questione di numeri. Quelli delle nascite in calo e quelli dei libri contabili. Per le prime, esplicita Crivelli Barella, "c'è stato detto che al di sotto dei 500 parti è una questione di sicurezza. Nella gran parte dei casi è gesto fisiologico, non richiede una medicalizzazione spinta". Tanto più che il Dipartimento donna-bambino ha rappresentato una innovazione in Ticino per il suo approccio. Per le seconde, all'AlternativA - Verdi e Sinistra insieme sgorga una domanda spontanea: 'Servono maggiori risorse finanziarie? Lo si dica chiaramente. Ma il punto è che sono in vertici dell’Eoc e dell’Obv a dover credere in questo servizio. Fondamentale in un distretto e per un Distretto, che non può essere impoverito sul piano della qualità sanitaria'. E poi, rincara il gruppo in una nota, ', 'non si capisce perché a Lugano rimarrebbero due strutture (ospedali Sant’Anna e Civico) e nel Mendrisiotto neppure una!'. Che ne sarebbe, a quel punto, della medicina di prossimità? Rischierebbe di venire sacrificata sull'altare dei costi. Françoise Gehring dell'AlternativA non ha esitazioni: "Strappare all’Obv reparti così sensibili, rappresenta una decisione poco lungimirante nell’ottica della qualità delle cure, della medicina di prossimità e di una medicina finalmente più attenta alle questioni di genere".

© Regiopress, All rights reserved